Labelexpo 2023: etichette e imballaggi in banda stretta

885

Labelexpo 2023 torna a Bruxelles dall’11 al 14 settembre: 4 giorni di manifestazione, 9 padiglioni, oltre 600 espositori con una gamma completa di tecnologie e materiali per il mercato delle etichette e degli imballaggi. Attesi oltre 40.000 visitatori per quest’ultima edizione in Belgio, con lo spostamento già annunciato a partire dal 2025 di Labelexpo Europe a Barcellona.

Labelexpo Showfloor

È uno dei segmenti dell’industria grafica che mantiene uno standard di crescita tutto sommato positivo, e sia a livello europeo che italiano, dopo i recenti congressi delle associazioni di categoria, la tendenza è confermata anche per l’anno in corso. Stiamo parlando del settore etichette, certamente le difficoltà ci sono, ma l’essere riusciti a uscire da un triennio che ha visto accadere nel mondo situazioni che mai nessuno avrebbe potuto immaginare, ed essere ormai alle porte dell’evento principale per il settore, che torna finalmente dopo quattro anni di assenza, è sicuramente motivo di felicità e orgoglio per tutte le aziende, dagli stampatori ai fornitori di tecnologie e materiali che si confronteranno a settembre a Bruxelles in occasione di Labelexpo Europe.

Labelexpo GallusSiamo in una situazione molto più volatile rispetto al passato, e questa tendenza si è accentuata dopo il 2020, quanto quattro pilastri fondamentali che guidano il mondo delle etichette e degli imballaggi, cioè brand owner, consumatori, clima e governi, si stanno muovendo in direzioni imprevedibili.

Adattarsi a questo nuovo mondo in rapida evoluzione è la necessità del momento per gli stampatori di etichette e imballaggi. Gli stampatori di oggi devono essere in grado di reagire più rapidamente e meglio a situazioni di mercato imprevedibili con soluzioni ottimizzate per diversi tipi di requisiti richiesti dai brand owner. Gli stampatori devono altresì essere pronti con soluzioni a valore aggiunto che rompano gli schemi per una maggiore attrattiva sugli scaffali e aderire ai requisiti di sostenibilità e di costo richiesti dai brand leader del mercato.

Labelexpo etichetteL’imballaggio non è più solo un contenitore e dovrebbe fornire soluzioni di coinvolgimento, consumo e riacquisto per i marchi. La trasformazione digitale nelle aziende produttive sta aumentando la consapevolezza e la domanda di soluzioni per l’industria 4.0 e, ultimo ma non meno importante, l’elettronica stampata sta diventando una realtà più velocemente di quanto immaginato.

La consapevolezza ambientale è ormai da molto tempo una tendenza tra i consumatori e inoltre i consumatori credono che le aziende siano responsabili nella partecipazione alla lotta contro il cambiamento climatico, e di conseguenza richiedono che fornitori e produttori facciano il possibile per essere parte della soluzione e non del problema, importante anche il fatto che le aziende lo devono dimostrare prima dell’acquisto. Iniziative e innovazioni che riducono i rifiuti, consentono il riciclo e risparmiano risorse ed energia sono un default.

Labelexpo OMETCi sono alcuni megatrend all’interno del settore dell’imballaggio e delle etichette: prima di tutto etichette e strutture di imballaggi monomateriali; etichette senza liner che riducono gli scarti, semplificano la produzione e contribuiscono a un’economia più circolare che ottimizza l’uso delle risorse, la produzione di etichette senza liner significa che ci sarà meno produzione e scarto del liner, ma anche il consumo di colla può essere ridotto fino all’80 % su questo tipo di etichetta; progettazione pensata per il riutilizzo e il riciclo; etichette in bobina; i consumatori devono sapere, quindi la trasparenza della comunicazione sull’etichetta è un must.

In poche parole: se l’imballaggi e etichette sostenibili non rientrano nella strategia del tuo marchio, del tuo processo di produzione, delle tue attrezzature per produrre etichette per il 2023 e anche dopo, lo dovrebbero assolutamente diventare, non c’è nessuna possibilità di sfuggire a questo approccio.

Cosa vedremo a settembre?

Non mancheranno i brand leader, che in tutti questi anni hanno continuato a portare avanti i loro sviluppi tecnologici, improntati principalmente su automazione e digitalizzazione dei processi. Aziende che hanno investito molto sui rispettivi demo center, come è giusto che sia, ma che al momento opportuno, non si tirano indietro per un confronto diretto sul campo, perché la fiera, soprattutto con i suoi eventi collaterali, momenti di approfondimento e di confronto, è sempre un appuntamento importante per l’industria.

Ci saranno sessioni dedicate al mercato delle etichette per il vino e alle tecnologie, ma anche imballaggio flessibile, un’applicazione che sta crescendo nella banda stretta e media, con focus sulla sostenibilità ma anche sul design e l’approccio delle giovani generazioni.

Con Flex Pack Trail, i visitatori potranno saperne di più sulle tecnologie di stampa digitali e convenzionali, sulla fabbricazione dei materiali per imballaggi flessibili, su verniciatura, inchiostri e polimerizzazione, sulle opzioni di decorazione in linea e near-line, sul controllo di qualità e sui test di migrazione. Si svolgeranno dimostrazioni dal vivo e i visitatori potranno percorrere il percorso come lo vorranno.

LabelexpoLa stampa di materiali di imballaggi flessibili sia filmici che cartacei sarà dimostrata da vari fornitori. L’Arena dedicata all’automazione presenta un flusso di lavoro di produzione completo “a luci spente”, dalla creazione del file alla stampa digitale e alla trasformazione.

Una novità per Labelexpo Europe è Flexo’s Future – ECG, una serie di presentazioni e visite guidate sulla stampa con gamma di colori estesa (ECG). Le presentazioni quotidiane del noto esperto di ECG Dr. Kai Lankinen si svolgeranno nell’area espositiva, esaminando tutti gli aspetti della stampa con palette fissa di colori, con la quale vengono utilizzati fino a sette inchiostri (CMYK+OGV) per riprodurre i colori spot. Le presentazioni si propongono l’obiettivo di rispondere a tante domande. Perché l’ECG non è utilizzato in modo più capillare nell’industria delle etichette? Quali sono le premesse necessarie per implementare un flusso di lavoro ECG di successo? E quali sono i vantaggi per sostenibilità ed efficienza?

La prima sera della fiera, l’11 settembre, si terrà la cerimonia dei Label Industry Global Awards, a tema “Incoronazione dei campioni dell’industria”. I premi evidenziano i principali risultati e successi di singole persone e aziende che lavorano nel settore della stampa di etichette e imballaggi. Malcolm Rae di GEW riceverà il Global Achievement Award e i vincitori delle altre categorie – Rising Star, Team Achievement, Innovation, Sustainability e Converter of the Year – saranno annunciati durante la serata.

“Siamo lieti di organizzare nuovamente Labelexpo Europe e possiamo promettere ai visitatori che sarà una fiera straordinaria con nove padiglioni espositivi. Vedremo un’esplosione di tecnologia all’avanguardia presentata in fiera, dalla prestampa ai materiali, alla stampa digitale e convenzionale e alla tecnologia di trasformazione. Aggiungete a questo una serie di eventi formativi leader a livello mondiale e il focus su automazione e imballaggi flessibili per i trasformatori di etichette: l’esperienza di Labelexpo sarà imperdibile”, afferma Jade Grace, portfolio director di Labelexpo Global Series.