Pro Carton: i consumatori Europei sono favorevoli all’introduzione di una tassa per i brand che non usano packaging green

204

Una ricerca commissionata da Pro Carton fotografa le preoccupazioni degli Europei nei confronti dell’ambiente e del ruolo di governi e aziende

  • A livello ambientale si registra una forte preoccupazione per quanto riguarda la deforestazione: le persone pensano che piantare più alberi sia importante e una soluzione al problema
  • I consumatori italiani sono in linea con i cittadini spagnoli, inglese, francesi e tedeschi

Un’indagine commissionata da Pro Carton, l’Associazione Europea dei Produttori di Cartone e Cartoncino, mette in risalto le preoccupazioni della popolazione europea in merito ad ambiente e sostenibilità sociale. Sono 7.051 i cittadini europei intervistati, tra i quali 1.005 italiani.

I temi che più preoccupano i consumatori europei sono l’ambiente e il ruolo di governi e aziende in merito ad esso: in Italia l’82% degli intervistati ha dichiarato che il governo dovrebbe dare maggiori informazioni in merito a packaging eco-friendly. Questo dato, in linea con tutta l’Europa, evidenzia il bisogno da parte dei consumatori di vedere governi e aziende più attivi in ambito green e sostenibile. In quest’ottica, agli intervistati è anche stato chiesto cosa ne pensano dell’introduzione di una tassa per costringere brand e retailer ad adottare packaging più sostenibili: il 62% degli italiani rispondenti si è dichiarato favorevole, come anche il 70% degli inglesi, il 66% degli spagnoli, il 57% dei francesi e il 55% dei tedeschi.

Ma il ruolo di governi e aziende non è l’unico problema dei consumatori Europei: oltre al Covid-19, che resta la tematica più critica per tutti i Paesi, la deforestazione è una delle principali preoccupazioni per il 13% degli italiani, il 17% dei francesi e il 14% degli inglesi. Italiani (26%) e francesi (29%), insieme a tedeschi (35%) e inglesi (30%), credono che piantare sempre più alberi sia una delle soluzioni alla deforestazione. Per migliorare la sostenibilità del nostro Pianeta gli intervistati si sono anche espressi favorevoli a mangiare meno carne, riciclare sempre di più e usare materie prime rinnovabili.

“Questa indagine è stata condotta in un momento davvero interessante: i consumatori hanno visto l’effetto riparatore che il lockdown e il rallentamento dell’attività umana hanno avuto sulla salute dell’ambiente. Nonostante faccia piacere ritornare lentamente a una “normalità”, il Covid-19 ha lasciato e lascerà un’impronta duratura sul comportamento dei consumatori e sulle loro preoccupazioni per l’ambiente”, dichiara Winfried Muehling, Direttore Generale di Pro Carton. “L’indagine mostra chiaramente come i consumatori siano alla ricerca di modi di vivere più sostenibili, anche per quanto riguarda le decisioni di acquisto. Per questo motivo, non ho dubbi che il cartone diventerà il materiale preferito per i packaging perché, essendo rinnovabile, riciclabile e biodegradabile, presenta evidenti benefici e vantaggi nella salvaguardia del nostro pianeta, soprattutto per le generazioni future”.