Fedrigoni Top Award: il contest internazionale che premia le migliori creazioni su materiali del Gruppo 

287
Marco Nespolo, Ceo di Gedrigoni Group

Sono aperte le iscrizioni (chiusura al 31 gennaio 2022) per il concorso riservato a designer, stampatori, editori, brand e clienti finali che abbiano valorizzato le carte e le etichette Fedrigoni. Tra le novità, la quinta categoria Large Format Communication, criteri di valutazione legati alla sostenibilità, un’esposizione più ampia dei progetti migliori e una ritrovata centralità dell’evento conclusivo: due giorni di approfondimenti e talk con i giurati internazionali, laboratori, workshop e interviste ai vincitori che coincideranno con l’inaugurazione di una mostra a Parigi, nell’autunno 2022

Una fucina di idee e di suggestioni, un laboratorio di soluzioni che elevano la creatività e le danno vita concreta in bellissimi manufatti, un’occasione di confronto internazionale per  le realizzazioni più interessanti e innovative nel packaging, nella corporate communication, nella grafica, nell’editoria e – da quest’anno – nella large format communication (personalizzazioni con carta e materiali autoadesivi nei più diversi campi, dall’advertising alla brand communication su mezzi di trasporto o edifici, dai grandi eventi e fiere alla segnaletica di servizio), che dal luglio 2020 al gennaio 2022 abbiano utilizzato come supporto carta, etichette e materiali autoadesivi del Gruppo Fedrigoni.  

È il Fedrigoni Top Award 2022, tredicesima edizione, che ci si attende partecipatissima da designer, stampatori, editori, brand owner e clienti finali, come lo sono state le precedenti. All’ultima, conclusasi a luglio con la proclamazione di 18 vincitori e l’esposizione delle 50 creazioni più interessanti all’ADI Museum di Milano, inserite anche in un prezioso catalogo internazionale, hanno partecipato oltre 1.100 progetti provenienti da 32 Paesi, presentati da più di 600 operatori.

Cifre che testimoniano la grande attenzione del settore, destinata ad aumentare con le novità della prossima edizione: a partire dal maggiore focus sull’evento finale, a Parigi nell’autunno 2022, che coinciderà con l’inaugurazione di una mostra e dove saranno esposti ben 80 tra i migliori progetti pervenuti, mentre i vincitori, proclamati in quella sede, verranno coinvolti nei due giorni di approfondimento con interviste, tavole rotonde e talk dei giurati internazionali, workshop. Ma non basta: oltre alla quinta categoria in concorso, Fedrigoni Top Award 2022 pone l’accento sulla sostenibilità. Insieme all’originalità grafica, alla funzionalità, al grado di innovazione, all’accuratezza di esecuzione e all’uso appropriato dei materiali, la giuria dovrà tenere conto anche della sostenibilità del progetto, considerandone tutto il ciclo di vita, inclusa la qualità della comunicazione al consumatore sugli aspetti green. Per candidarsi visitare il sito  e inviare l’iscrizione entro il 31 gennaio 2022.

“L’amore per il lavoro ben fatto, che sia un piccolo libro per diffusione privata, un’etichetta per il vino o una conserva gourmet, un astuccio per un cosmetico, una shopper bag o una scatola da tè, è la costante in tutti i lavori che riceviamo – commenta Chiara Medioli Fedrigoni, Chief Sustainability and Communication Officer del Gruppo Fedrigoni -. Celebriamo l’impegno arduo, il design e l’espressività di chi utilizza carte e materiali autoadesivi Fedrigoni: anno dopo anno, l’Award è un’occasione per fondere creatività e sperimentazione, cultura e tecnologia, dando lustro alle eccellenze e confermando il ruolo della carta e delle etichette come strumento di design, a partire dalle sempre maggiori esigenze di sostenibilità del packaging. Le centinaia di proposte di qualità che arrivano da ogni parte del mondo permettono di fare il punto sullo stato dell’arte, ma anche di capire quale direzione si stia prendendo e come contribuire al cambiamento. Anche noi di Fedrigoni intendiamo fare la nostra parte, supportando tutti i clienti a migliorare ed elevare i loro brand, come vuole la nostra mission ‘Elevating Creativity’”.

A valutare le creazioni, anche in questa edizione, sarà una giuria internazionale composta da un panel di esperti di chiara fama provenienti dal mondo del design e della comunicazione, che in occasione della premiazione a Parigi verranno coinvolti in talk e tavole rotonde. Si tratta di Simon Esterson, Art Director di Eye Magazine e Pulp, membro dell’Alliance Graphique Internationale (AGI) e Royal Designer for Industry; Han Jiaying, tra i designer più famosi in Cina, fondatore di Han Jiaying Design & Associates e membro dell’AGI; Laurent Hainaut, fondatore e presidente di forceMAJEURE Design; Marion Trossart, Head of Purchasing and Packaging Development a Interparfums Paris; Ivan Bell, fondatore e CEO di Stranger & Stranger, esperto mondiale di etichette per il settore spirits; Elodie Boyer, fondatrice e direttrice di Éditions non Standard; Silvana Amato, graphic designer specialista in grafica editoriale, docente all’Isia di Urbino e all’Università Sapienza di Roma.

Cinque le categorie in concorso: Publishing, dedicata a Gianfranco Fedrigoni, che comprende volumi, riviste, edizioni d’arte; Corporate Communication, che va dai cataloghi di prodotti e servizi ai coordinati grafici, dai calendari ai diari, alla regalistica di cartotecnica; Labels, riservata a etichette di vini, liquori, alimenti di alta gamma (selezione speciale Manter); Packaging, cioè scatole, astucci, shopping bag, espositori da banco e contenitori rivestiti; e la nuova Large Format Communication, ossia la personalizzazione, attraverso carta e materiale autoadesivo, di progetti di visual communication, di edifici, mezzi di trasporto, mostre ed eventi, etc.