Impack: consigli utili per migliorare la produttività della piega-incolla

259

By Stefan Badertscher – IMPACK

👉 Vuoi migliorare facilmente il tuo reparto di piega-incolla e al minor costo possibile.
👉 Vuoi un sistema di confezionamento che ti faccia risparmiare denaro senza limitare la tua produzione.
👉 Vuoi una maggiore produzione con un minor numero di addetti al confezionamento.
👉 Vuoi una produzione più veloce con tempi di allestimento più brevi.
👉 Sei stufo di perdere i contratti più grandi a favore della concorrenza a causa del prezzo.
👉 Vuoi delle risposte. E ora.

Ti capisco.

Mi chiamo Stefan Badertscher e sono il Direttore vendite e marketing della IMPACK, fornitore di macchinari per il confezionamento, con sede in Canada, che progetta, produce e installa macchinari per il confezionamento per i produttori di cartone e cartone ondulato.

 

Negli ultimi 8 anni ho visitato personalmente più di 400 impianti di produzione e ho visto, in prima persona, cosa fanno i produttori di packaging di maggior e minor successo nel loro lavoro quotidiano.

Queste esperienze mi hanno mostrato come i progetti possono fallire già nelle prime settimane perché non sono stati fatti certi passi. Cosa ancora più interessante, queste esperienze hanno dimostrato come semplici investimenti possono portare i clienti a realizzare un successo mostruoso e a dominare il loro mercato.

Consiglio #1: Aggiungi un nastro di accumulo dopo il nastro di compressione della tua piega-incolla

Il convogliatore di accumulo di IMPACK.

L’aggiunta di un convogliatore di accumulo permetterà al tuo personale di accumulare più scatole per metro, da cui il nome di “convogliatore di accumulo”.

Questo riduce la velocità del tuo convogliatore di scatole e permette di avere più scatole nello stesso lasso di tempo.
Di conseguenza, il personale addetto al confezionamento avrà più tempo e tranquillità, il che porterà a un processo di confezionamento naturalmente più rapido.
Questo al contrario di avere il tuo personale che confeziona direttamente dal nastro di compressione della piega-incolla, dove non c’è un buffer se alcune scatole devono essere controllate/regolate, o se alcune scatole scivolano dalle loro mani.
Quello che ho visto molto comunemente tra i clienti che non hanno un convogliatore di accumulo è che il loro personale cercherà di costruire il proprio buffer svuotando il nastro di compressione il più velocemente possibile.

Questo porta a una postazione di lavoro molto poco ergonomica.

Il convogliatore ad accumulo permette al personale addetto al confezionamento di avere più scatole per metro di convogliatore, dando loro un’esperienza di lavoro più rilassata e la possibilità di risolvere facilmente qualsiasi problema con le scatole se e quando si verifica.