Flex so Good: positivi i riscontri per l’evento dedicato alla stampa flexo promosso da Prades e 3M

473

Lo scorso 25 Novembre, Prades, in partnership con 3M, ha promosso la terza e rinnovata edizione dell’evento Flex so Good che quest’anno si è svolto a Napoli, presso lo storico hotel The Britannique – Curio Collection by Hilton.

Il format, già proposto in passato, è stato ripresentato, e con successo, vista l’ottima partecipazione di aziende leader nei rispettivi settori della stampa flessografica, ognuna delle quali ha messo a disposizione la propria esperienza e il proprio know-how per la riuscita dell’evento, che ha visto la partecipazione di numerosi operatori flessografici italiani.

Accolti dall’amministratore di Prades, Luca Magario, gli oltre quaranta delegati di una ventina di aziende tra le più rappresentative del Printing e Converting italiano del sud Italia hanno assistito all’inizio a una breve introduzione sulla crescita di Prades negli ultimi anni. Con un focus particolare sul periodo storico attuale e sull’importanza di creare solidi legami di collaborazione tra i professionisti del settore, per poter affrontare uniti le sempre più crescenti sfide che il mondo di oggi ci chiede di affrontare.

Luca Magario ha poi lasciato la parola a Gwynedd Garrett, corporate communication manager di Acimga e a Enrico Barboglio, il nuovo direttore, che hanno esposto i traguardi raggiunti dall’associazione negli ultimi anni, con particolare attenzione all’espansione internazionale e alla nuova iniziativa: “Gruppo Sviluppo Flexo”, ideato specificatamente per diffondere studi di mercato e supportare maggiormente gli operatori del mondo flexo. Sono in seguito intervenuti i rappresentanti di 3M Giulia Scandurra, regional activation marketing e Ferdinando Ranzanici, senior application engineer, che hanno portato sul tavolo i nuovi trend del settore concentrandosi sull’importanza di perseguire obiettivi sostenibili e illustrando poi più nel dettaglio la gamma prodotti di 3M dedicati alla stampa flessografica. Salvatore Mauceri, sales manager di Prades ha continuato con un approfondimento sulla nuova serie Beta, lanciata recentemente sul mercato e appositamente progettata per poter proporre un prodotto con un prezzo più accessibile, rispetto a quelli di alta gamma, senza però rinunciare alla qualità; nonché per far fronte alla necessità di volumi di stampa ridotti e con frequenti cambi.

Asahi, nella persona di Alessandro Gualtierotti, prepress specialist, ha esposto la tecnologia “Clean Print”: un’ingegnerizzazione della lastra che permette un trasferimento di inchiostro costante durante l’intero ciclo di stampa senza rischi di sporco o accumulo di inchiostro. E inoltre ha annunciato l’ultimo traguardo raggiunto in termini di sostenibilità, ovvero la certificazione della lastra AWP DEW da parte di Carbon Trust.

È intervenuto in seguito Gianluca Lodigiani, sales account di Rossini, presentando la nuova linea di maniche e rulli realizzati in maniera sostenibile, con un minore impatto sull’impronta di carbonio; prodotti in grado di durare sempre di più nel tempo, permettendo di ridurre gli sprechi.

Per concludere la mattinata, ha preso la parola Davide Pesenti, amministratore di Camis, azienda produttrice di soluzioni di prestampa. Davide ha presentato una nuova tecnologia di montaggio e smontaggio di cliché automatico, unitamente ad un nuovo applicatore di biadesivo, concepito specificatamente per limitare i fermi macchina causati da errori di applicazione e ridurre tempi e costi di avviamento della stampa.

I lavori sono ripresi subito dopo con l’intervento di Simone Bonaria, Chief Operating Officer di BFT Flexo, che ha illustrato il loro innovativo sistema di inchiostrazione totalmente automatizzato, capace di monitorare i consumi e efficientare il lavoro, consentendo per esempio di recuperare l’80% dell’inchiostro in circolazione.

Ha preso poi la parola Nicolò della Torre, sales account di Simec, presentando il nuovo anilox Caboll, ideato proprio nel 2022. Il prodotto permette un incremento della densità sulla superficie stampata nonché un’alta definizione del punto, superiore del 15% circa rispetto ad un anilox ceramico. Garantisce inoltre una maggiore stabilità rispetto a incisioni a celle aperte.

È intervenuto di seguito Matteo Melegatti, area manager di Soma, illustrando la loro gamma di macchine da stampa e presentando più nel dettaglio le tecnologie implementate nella macchina Optima2 per massimizzare l’efficienza delle corte tirature, ridurre al minimo gli scarti e supportare l’operatore grazie ad un elevato livello di automazione software.

Matteo ha lasciato poi il palco a Davide Radici, area sales manager di BST Eltromat, azienda specializzata nella produzione di diverse soluzioni applicative tra cui guidanastri e sistemi di ispezione, sempre più rivolta alla digitalizzazione per favorire un miglior monitoraggio e potenziare i processi.

A chiudere la giornata è stato infine Luca Caprera, flexible packaging division manager per Color Consulting, ponendo l’accento sull’importanza della gestione degli inchiostri e dei colori in fase di avviamento macchina, per poter ridurre i tempi e ottimizzare il lavoro sin dall’inizio della catena di stampa. Color Consulting infatti progetta software in grado di automatizzare il raggiungimento di un’assoluta corrispondenza cromatica tra una macchina da stampa e l’altra, di accelerare la correzione dell’inchiostro a bordo macchina e organizzare e gestire il magazzino inchiostri.

In conclusione, l’impegno di tutte le aziende espositrici si rivolge sempre di più verso l’ambiente, sottolineando l’importanza di ottenere certificazioni ambientali, di lavorare a emissioni zero e di produrre dispositivi che portino ad un sempre maggior risparmio, sia in termini energetici che di efficienza lavorativa.

Questo evento, più contenuto in termini di numero di partecipanti, ha dato l’opportunità da un lato alle aziende produttrici di sondare in maniera più intima il mercato, parlando in prima persona con gli utilizzatori finali e dall’altro ai clienti di ottenere risposte concrete direttamente dai rappresentanti delle aziende espositrici.

Dopo il successo di questa terza edizione, è ora lecito attendersi anche una quarta edizione.