drupa 2024, la celebrazione della stampa e del converting: numeri record di contratti siglati in fiera

214

drupa 2024 ha superato tutte le aspettative, ricevendo il massimo dei voti dai visitatori provenienti da tutto il mondo, che hanno lasciato la fiera con nuove idee e chiare prospettive per il futuro. Numerosi contratti firmati e innovazioni tecnologiche hanno ispirato l’industria della stampa e degli imballaggi.

Ma ecco un po’ di numeri: 1.643 espositori da 52 nazioni; la partecipazione internazionale è stata dell’80%, con visitatori provenienti da 174 paesi. Dopo l’Europa, l’Asia è stata la regione più rappresentata con il 22%, seguita dall’America con il 12%. Molti attori chiave, come Bobst, Canon, Fujifilm, Heidelberg, HP, Horizon, Koenig & Bauer, Komori, Kongsberg, Konica Minolta, Kurz e Landa, hanno riferito di aver firmato contratti, superando ampiamente le aspettative. In alcuni casi gli obiettivi di vendita fissati sono stati raggiunti già nei primi giorni di fiera.

170.000 mila visitatori
Andreas Pleßke, presidente del comitato drupa, ha sottolineato il posizionamento eccezionale e l’attualità di drupa: “drupa è sinonimo di nuovi contatti e nuove tecnologie come nessun’altra fiera. Non è solo la più grande, ma anche la più importante piattaforma globale per il nostro settore, perché l’intero settore della stampa e del post-stampa si incontra in questa fiera leader a livello mondiale. Nessun altro luogo offre l’opportunità di stabilire così tanti nuovi contatti internazionali da tutto il mondo in così poco tempo”. Circa il 96% di tutti i visitatori ha confermato di aver pienamente raggiunto gli obiettivi della propria visita. Oltre il 50% proveniva dal settore della stampa, seguito dal settore degli imballaggi, la cui quota è aumentata in modo significativo e su cui molti espositori si sono concentrati come motore di crescita. Presso gli stand della fiera sono stati accolti molti noti proprietari di marchi. In totale hanno partecipato a drupa 2024 170.000 visitatori professionali.

Automazione al centro
L’automazione
è stata al centro di drupa di quest’anno, con una forte attenzione all’intelligenza artificiale e ai flussi di lavoro intelligenti, comprese le soluzioni software e drupa ha ampiamente dimostrato che il settore ha un grande potenziale per il futuro, anche in un contesto con molte sfide, e che le prospettive sono promettenti. Nell’ultimo anno finanziario, l’industria della stampa mondiale ha realizzato un fatturato di circa 840 miliardi di euro (fonte: Smithers) e continua a svilupparsi a ritmi variabili in tutto il mondo.

“A drupa 2024, abbiamo sperimentato in prima persona quanto sia rilevante e resiliente questo settore”, riassume Sabine Geldermann, direttore drupa, Portfolio Print Technologies. “La comunità è determinata a tracciare insieme la rotta per il futuro. Lo scambio di idee con persone provenienti da tutti i continenti e da tutti i settori del settore è stato estremamente arricchente e stimolante. Abbiamo accolto circa 50 grandi delegazioni provenienti da varie nazioni, e numerose associazioni e organizzazioni attive a livello globale hanno scelto drupa come cornice ideale per le loro conferenze e riunioni. Insieme siamo più forti. Molte nuove alleanze strategiche concluse in fiera riflettono le opportunità che sono possibili in forma così concentrata solo a drupa”.

Tecnologie sostenibili e trasferimento del know-how
La tecnologia è la chiave per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità: gli espositori di drupa lo hanno illustrato con numerosi sviluppi orientati alla pratica e soluzioni concrete. La massima priorità è data all’efficienza delle risorse e al percorso verso un’economia circolare funzionante. L’ampio programma collaterale con i suoi cinque forum speciali di alto livello (drupa cube, drupa next age (dna) e i touchpoint Packaging, Textile e Sustainability) è stato accolto favorevolmente.

Il prossimo appuntamento con drupa sarà nel 2028