Laminati Cavanna celebra i 55 anni di attività e guarda al futuro con rinnovato ottimismo

182

Lo scorso 20 aprile Laminati Cavanna ha festeggiato i 55 anni di storia con un brunch in azienda alla presenza di tutti e 55 collaboratori. L’attività, infatti, iniziò proprio il 15 aprile 1969 per volontà di Giancarlo Cavanna che fondò l’azienda che da 5 anni è guidata dalla figlia Anna Paola.

Laminati Cavanna

Una festa aziendale, come è giusto che sia, ma anche un momento di celebrazione per l’intero territorio del Comune di Calendasco (Piacenza), dove Laminati Cavanna ha da sempre la propria sede. L’occasione per la celebrazione è stata quella per i 55 anni di attività dell’azienda fondata nel 1969 da Giancarlo Cavanna, imprenditore lungimirante, che ha saputo ritagliarsi un proprio spazio all’interno del settore del converting di imballaggi flessibili. L’azienda, infatti, è da sempre il terzista italiano di riferimento per la laminazione/accoppiamento in un comparto, quello degli imballaggi flessibili, oggi in grande sviluppo e con potenzialità di crescita importanti.

“Siamo molto felici di aver organizzato una festa, semplice, ma densa di significati ed emozioni, all’interno della nostra realtà produttiva, alla presenza di Filippo Zangrandi Sindaco di Calendasco che da sempre sostiene le nostre iniziative e dei i nostri collaboratori che risiedono per la maggior parte nel territorio”, esordisce Anna Paola Cavanna, Presidente dell’azienda.

Investimenti in tecnologia

BobinaSotto la guida di Anna Paola l’azienda ha già vissuto delle tappe che possiamo considerare miliari nella storia di una realtà produttiva, come per esempio il sostegno alla Carta Etica del Packaging, della quale Anna Paola Cavanna è orgogliosamente ambasciatrice, un documento che impegna le aziende a produrre packaging rispettando i valori in essa contenuta, ma anche i numerosi investimenti tecnologici, un paio dei quali di rilevanza strategica e confermati proprio durante il Covid, che in questo territorio ha colpito in maniera particolarmente dura. L’investimento in tecnologia è già di per sé fondamentale per ogni tipologia di azienda produttiva, ma probabilmente lo è ancor di più per chi si pone sul mercato solo ed esclusivamente come terzista.

Ultimo, ma non in ordine di importanza, anche l’investimento nell’impianto per il trattamento di emissioni di COV (Composti Organici Volatili) e recupero dell’acetato di etile, inaugurato il 28 ottobre 2023, che consentirà a breve a Laminati Cavanna, che già riutilizza per la propria produzione il solvente rigenerato, di poterlo anche commercializzare ad altre aziende. “Senza dimenticare che grazie a questo investimento, che per noi rappresenta un fiore all’occhiello e un passo determinante verso una produzione di packaging sostenibile, avremo circa 50 camion in meno ogni anno in circolazione da e verso i nostri stabilimenti”, aggiunge Anna Paola.

Per quest’anno sono previsti due investimenti in tecnologie ausiliarie (telecamere) per migliorare la qualità e il controllo in produzione nella fase di laminazioni/accoppiamento per offrire un servizio sempre più completo ai clienti.

L’importanza del capitale umano

Laminati Cavanna aziendaLe tecnologie e gli investimenti sono importanti, ma per Anna Paola, che ai rapporti e alle relazioni umane, all’interno e all’esterno della propria realtà tiene moltissimo, sono di primaria importanza i propri collaboratori. Laminati Cavanna da sempre detiene un alto tasso di fidelizzazione, con persone entrate giovanissime che poi hanno raggiunto l’età della pensione senza mai cambiare azienda. “Siamo in una fase di rinnovamento anche a livello di personale. Lo scorso settembre è andato in pensione il Rag. Maurizio Bergamaschi dopo 42 anni di onorato servizio, e rivisto il nostro organigramma, con la nomina di Carlo Fornaroli direttore generale con noi da 25 anni, e come nuovo responsabile produzione Ivan Lucev che ha iniziato con noi nel 2006, e dopo una gavetta nel reparto logistico abbiamo intravisto per lui un naturale sbocco come responsabile produttivo. Quest’anno nomineremo inoltre il nuovo responsabile qualità, che sarà Cristiano Spagna con noi da diversi anni”, aggiunge Anna Paola Cavanna, evidenziando come, se c’è la volontà da parte dei suoi collaboratori di mettersi in gioco, sia possibile raggiungere posizioni di vertice all’interno della sua realtà produttiva, un processo da lei sempre sostenuto e stimolato e che sicuramente, se intrapreso, non può che giovare alla produttività aziendale. Un team compatto e coeso è alla base anche del successo ottenuto recentemente nel mantenimento della doppia A per la certificazione BRC Packaging, che si aggiunge alla ISO 9001, mentre è in progetto per il prossimo anno anche la certificazione ISO 14001 sull’ambiente, senza dimenticare il percorso che Laminati Cavanna sta compiendo per redigere il proprio bilancio di sostenibilità, dopo aver redatto il Codice Etico nel 2021.

Uno sguardo verso nuovi mercati

“Quest’anno è iniziato con diverse incertezze sul mercato, abbiamo notato sicuramente un calo dei volumi rispetto agli esercizi precedenti, dove però abbiamo vissuto anni particolari, con picchi di lavoro importanti. È molto difficile fare dei programmi, che è anche una prerogativa del nostro lavori di terzisti, per questo siamo sempre disponibili a soddisfare le esigenze dei nostri clienti, sia per le loro produzioni, sia per quanto riguarda campionature o sperimentazioni su nuovi materiali e lo facciamo attraverso un parco macchine di tutto rispetto:  3 linee di accoppiamento a solvente e 3 solvent-less, 2 taglierine e ribobinatrici dotate di telecamere FUTEC, oltre al servizio di rettifica maniche e  cilindri gommati”, aggiunge Anna Paola.

Con queste tipologie di impianti produttivi, Laminati Cavanna si pone dunque al fianco delle aziende di stampa e converting, che possono contare su un partner qualificato per le proprie esigenze produttive, ma c’è anche la voglia e il desiderio da parte del management aziendale di rivolgersi sempre più verso nuovi mercati, oltre al packaging, visto che l’azienda serve già settori molto diversificati quali il rivestimento di cavi, l’edilizia, il solare e fotovoltaico, il settore delle carte di credito in abbinamento a un know-how aziendale che va quindi comunicato e fatto conoscere al mercato.

Made in Italy Laminati Cavanna

La giornata Made in Italy 2024: Laminati Cavanna insieme a DEC per celebrare le eccellenze italiane

In occasione della Giornata Made in Italy 2024, Laminati Cavanna ha organizzato, in collaborazione con DEC • Dynamic Environmental Corporation, un OPEN DAY, aprendo le porte dello stabilimento produttivo sito a Calendasco (PC). L’evento, promosso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy e da ACIMGA (Confindustria), ha permesso a 20 studenti della classe 4D elettrotecnica dell’IIS Marconi di Piacenza, grazie alla collaborazione della Preside dell’Istituto Raffaella Bellocchi, accompagnati dai professori Elena Foschi e Daniele Vetrucci, di scoprire da vicino come vengono impiegate le tecnologie innovative e i processi sostenibili applicati al mondo del packaging. L’evento si inserisce nel ricco calendario di manifestazioni che si sono svolte in tutta Italia nell’ambito della Giornata Made in Italy 2024, con l’obiettivo di valorizzare l’eccellenza produttiva e la cultura italiana. Laminati Cavanna S.p.A., da sempre attiva nella collaborazione con il sistema scolastico e formativo del territorio, ha voluto cogliere questa opportunità per coinvolgere le nuove generazioni e far conoscere loro l’importanza del Made in Italy, non solo come simbolo di eccellenza produttiva, ma anche come valore culturale e identitario.