Vega festeggia 75 anni di attività con il progetto “By Your Side”

317

75: sono questi gli anni di attività che quest’anno Vega celebra nel suo anniversario di fondazione. Un traguardo tanto importante quanto ricco d’orgoglio per il percorso fatto fino ad ora e per la fiducia che i clienti hanno dimostrato in tutto questo tempo.  Ed è proprio con questi ultimi, i clienti, che Vega ha deciso di festeggiare in modo innovativo e lungimirante attraverso un nuovo progetto, chiamato “By Your Side”, che ha l’obiettivo di ottimizzare le macchine Vega ascoltando le necessità dei propri partner con ancora più attenzione.

“By Your Side” è uno spazio virtuale al quale si accede rapidamente inquadrando un codice QR Code, applicabile con adesivo sul pulpito della macchina. Qui, sono disponibili due questionari: uno pensato per il servizio manutenzione e acquisti che permette di raccogliere un feedback fondamentale a Vega per rendere sempre più semplice e vantaggiosa l’assistenza e il lavoro sui propri prodotti; un altro, dedicato agli operatori bordo macchina, che quotidianamente lavorano sui macchinari.

“By Your Side” vuole far crescere una relazione diretta tra il team di Vega e i propri clienti: questo spazio sarà implementato nel tempo al fine di rendere il servizio post vendita ancora più presente e reattivo e per far in modo che gli operatori possano contattare direttamente il servizio assistenza di Vega.

Da sinistra: Remo Paiola, Piero Bertoldo e Jacopo Nava

«Tutte le domande dei questionari di “By your side” sono state studiate per ragionare e migliorarci. Il riscontro diretto da parte di chi utilizza i macchinari Vega è prezioso e imprescindibile per tenere il focus sulle esigenze dei nostri clienti e sulla sicurezza degli operatori, ascoltando concretamente le loro necessità anche dopo la vendita – afferma il Presidente di Vega Jacopo Nava – Vogliamo rendere il processo produttivo ancora più rapido ed efficiente, con un’attenzione particolare alla qualità e alla sicurezza del lavoro degli operatori, tematica estremamente importante per Vega. Crediamo fortemente nel tutelare il benessere sul luogo di lavoro e vogliamo che anche le nostre macchine possano contribuire a raggiungere condizioni più confortevoli e appaganti per gli utilizzatori finali».

Il progetto “By Your Side” ha iniziato a prendere forma con alcune delle aziende clienti di Vega sparse nel mondo, per poi essere successivamente integrato a tutti i clienti Vega che vorranno farne parte.
La prima realtà italiana a cui è stata consegnata la gift box contenente il QR Code di “By Your Side” è Lic Packaging SPA, storica azienda di Verolanuova (BS) leader nel settore, che studia, ricerca, progetta e industrializza soluzioni di packaging per il contatto diretto con gli alimenti, il confezionamento, il trasporto e soluzioni display per l’esposizione in punto vendita.

La collaborazione tra Vega e Lic Packaging dura da diversi anni ed è stata recentemente rinnovata con la scelta di una piegaincolla Vega Altair ADF, top di gamma tra i macchinari Vega, completa di doppio introduttore che permette la produzione di scatole Quick Easy Top, inventate e brevettate proprio da Lic Packaging nel 1997. Jacopo Nava e il direttore commerciale di Vega, Remo Paiola, si sono recati presso Lic Packaging per ringraziare personalmente il Presidente Piero Bertoldo.

«In questi anni, specialmente in questo ultimo periodo, ci siamo resi conto di quanto sia importante essere accanto ai nostri clienti. Abbiamo chiamato questo progetto “By your side” perché sottolinea la volontà di lavorare proprio al fianco del cliente, creando una collaborazione concreta e stimolante, dando sempre il nostro meglio» racconta Remo Paiola, durante l’incontro con Piero Bertoldo.  
«Il concetto di prossimità racchiude, quindi, anche tutta la fase di progettazione e realizzazione delle soluzioni, e prosegue nel tempo con l’assistenza fornita nel minor tempo possibile. Siamo felici e orgogliosi di dare vita a questo progetto partendo da un’altra azienda storica italiana come Lic Packaging» aggiunge il Presidente Jacopo Nava.