TADAM: coi retini flexo personalizzati un altro tassello verso l’alta qualità

122

Investimenti tecnologici da un lato e in formazione dall’altra, uniti alla grande passione e determinazione di Bruno Amadio Stefania Giorgi Chiara Gentili, hanno portato il service marchigiano a compiere il salto di qualità nel mondo della stampa flexo su cartone e imballaggi flessibili base carta, tanto da essere scelto come fornitore di riferimento di importanti gruppi multinazionali

Da sinistra Bruno Amadio, Stefania Giorgi e Chiara Gentili di Tadam

Nata e cresciuta nel mondo della stampa offset, con una dedizione particolare alla cura del  colore e controllo qualità  grazie a importanti commesse per l’industria del packaging farmaceutico, che le ha poi consentito di entrare in contatto con i grandi brand del settore, Tadam, azienda marchigiana con sede a pochi chilometri da Ascoli Piceno, ha vissuto il cambiamento epocale nel 2001 quando per una felice intuizione del suo titolare e fondatore Bruno Amadio, l’azienda intraprende il percorso che la porterà a essere uno dei service di riferimento nel mondo del cartone ondulato di alta qualità, e non solo. Infatti se da una parte il cartone rappresenta il 70% del fatturato di Tadam, il restante 30% proviene dal settore dell’imballaggio flessibile base carta, facendo di questa azienda un service dinamico e capace di soddisfare diverse esigenze nel mercato della stampa di packaging. Se però nel cartone Tadam serve aziende con svariate esigenze, per quanto riguarda i sacchi e sacchetti di carta, soprattutto in virtù del rapporto con player di livello mondiale, la richiesta è solo per l’alta qualità.

“Ho sempre avuto come punto di riferimento il perseguimento dell’alta qualità, elemento scontato da anni per quanto riguarda gli imballaggi flessibili, ma forse meno sul cartone ondulato, dove persisteva la cultura dell’alto-fragile. Ovviamente il mercato del packaging è cambiato molto anche nel cartone ondulato e oggi la richiesta di alta qualità è diventata una costante anche in questo settore. Oggi parlare di alta qualità nel mondo del cartone significa anche essere in grado di supportare il cliente nella fase di avviamento, che è sempre più veloce, sia per i lavori tradizionali che in  quelli più complessi in HD”, ci racconta Bruno Amadio che da buon tecnico-commerciale ha ripreso finalmente a viaggiare e ci rilascia questa intervista fra un appuntamento e l’altro, alla guida della sua auto – “abbiamo creduto sin da subito nel sistema FlexCel NX e grazie a Gerardo Budetti dello Scatolificio Sada che ha ci ha dato fiducia abbiamo iniziato a produrre lastre con grafiche anche complesse per la stampa su cartone ondulato di alta qualità, riuscendo prova dopo prova a entrare in medie aziende private ma anche in grandi gruppi multinazionali, ottenendo la loro convalida come fornitori d’impianti per l’alta qualità”, racconta Bruno con grande soddisfazione.

Investimenti continui in tecnologia e formazione
Oggi Tadam ha una struttura produttiva con 30 collaboratori, con un forte investimento nel reparto di grafica dove sono state inserite 4 nuove persone nell’ultimo anno, 3 laser per incisione, 2 linee di lavaggio Vianord una delle quali appena installata, 3 montacliché, 10 stazioni Pack Hybrid solo per citare le più importanti, “da noi si può trovare il meglio che la tecnologia ci mette a disposizione per la retinatura e il controllo qualità. Oggi siamo in grado di dialogare coi nostri clienti per quanto riguarda le approvazioni delle bozze e delle prove colore, riducendo drasticamente i tempi di produzione e fornitura che su alcuni clienti molto importanti è stato determinante per poter avere un incremento delle commesse da parte loro”, aggiunge Bruno che per questo 2021 è determinato a compiere un ulteriore passo verso l’innovazione.

2021: retini flexo microforati personalizzati
Forte dei tanti anni di esperienza acquisiti con il sistema Kodak Flexcel NX, oggi fornito da Miraclon, con la sicurezza di poter garantire al cliente un’incisione stabile e ben definita, con micro-alveoli di 5×10 µm DigiCap NX, Tadam ha deciso di offrire ai clienti dei micropunti personalizzati per ogni tipo di esigenza e supporto, anilox e inchiostri. Con l’utilizzo dell’incisione a punto piatto con il sistema Kodak Flexcel NX e l’evoluzione della microforatura Intelligent Flexo, Tadam è in grado di personalizzare il retino delle lastre flexo. “Per noi il sistema Flexcel NX di Kodak offre una stabilità del punto assolutamente ottimale e questo ci permette di poterlo sviluppare ulteriormente per offrire ai clienti ulteriori vantaggi. La personalizzazione del retino richiede un lavoro preliminare di analisi e studio della condizione della macchina da stampa del cliente, proponendo infine un retino ad hoc specifico. Stiamo riscontrando grande interesse da parte delle grandi aziende che hanno finalmente capito l’importanza di dedicare macchine e risorse a queste analisi preliminari per ottenere i vantaggi nella fase di stampa e quindi risultati qualitativi eccellenti”, aggiunge Bruno Amadio.

L’attenzione per la seconda metà del 2021 è rivolta al BestinFlexo di novembre, una competizione dove Tadam è presente da alcune edizioni e dove ha ottenuto diversi riconoscimenti, fra cui una medaglia d’oro grazie a un lavoro presentato nel 2017 con il Gruppo Antonio Sada & Figli nella categoria stampa flexo post print su cartone ondulato patinato. “Nell’edizione Bestin Flexo 2019 abbiamo vinto il primo e secondo premio nella categoria cartone ondulato patinato con TS Scatolificio e Antonio Sada e Figli. Per l’edizione del concorso 2021 abbiamo un paio di lavori da presentare, ci teniamo molto, anche perché è un palcoscenico molto importante dove ci si confronta coi concorrenti puntando al massimo della qualità e a noi queste sfide piacciono da sempre”, conclude Bruno Amadio.