Gallus festeggia i 100 anni con l’inaugurazione del nuovo Experience Center

1018

Tre giorni di open house per Gallus, che in occasione della celebrazione dei 100 anni del Gruppo ha invitato dal 21 al 23 giugno nella sede di San Gallo in Svizzera i suoi clienti per l’inaugurazione del nuovo Gallus Experience Center, per condividere strategie e visioni del Gruppo sul futuro del mondo del label e packaging con uno sguardo sugli ultimi sviluppi tecnologici in attesa dei lanci per Labelexpo Europe di settembre

Ferdinand Reusch, Dr Ludwin Monz and Dario Urbinati
Da sinistra Ferdinand Reusch, Dr Ludwin Monz e Dario Urbinati

Avevamo intervistato Dario Urbinati, da poco CEO di Gallus, e pubblicato l’articolo nel numero di Converter-Flessibili-Carta-Cartone gennaio/febbraio, dandoci appuntamento entro metà anno nel nuovo Experience Center, una struttura pensata come punto di raccordo con tutto il mondo industriale e laboratorio per sviluppare e promuovere innovazione, sostenibilità, nuove tecnologie insieme ai partner tecnologici di Gallus ma anche con clienti e brand-owner, oltre ovviamente a fungere anche da polo formativo e centro di accoglienza, e aperto a chiunque voglia condividere con Gallus un progetto, un’idea, un’innovazione.

Gallus demo Lo scorso 20 giugno, in una giornata dedicata alla stampa di settore, il management di Gallus ha voluto condividere le strategie del Gruppo ma anche la visione per il settore etichette e packaging, sempre più in un’ottica di digitalizzazione dei processi e delle tecnologie, con interventi di due massimi esperti del settore anche per quanto riguarda l’Intelligenza Artificiale e i nuovi trend dei consumatori e dei retail.

Gallus e la trasformazione digitale

“In futuro avremo sempre meno persone disponibili a lavorare nel settore industriale, poiché i giovani saranno sempre più attratti dalla digitalizzazione e noi dovremo capire come rendere attrattivo il nostro business per le nuove generazioni”, dice Dario Urbinati CEO di Gallus.

Gallus Labelmaster Advanced at the new Gallus Experience CenterLa trasformazione digitale non è pertanto da intendersi solo riferita alla tecnologia di stampa ma va vista come un ecosistema di soluzioni integrate all’interno del quale siano comprese macchine, software, soluzioni cloud, sistemi integrati dove ovviamente avranno spazio anche le tecnologie tradizionali. Cambierà anche il modello per calcolare il TCO (Total Cost of ownership) così come cresceranno sempre più le esigenze di sostenibilità.

La risposta di Gallus a tutte queste esigenze si può tranquillamente riassumere nel concetto di Digital Ecosystem, dove grazie a soluzioni proprietarie, il Gruppo può servire il mercato partendo dalla prestampa, inchiostri, macchine da stampa, soluzioni inkjet, servizio di assistenza e in futuro con una manutenzione predittiva, e grazie anche ai partner presenti nel nuovo Experience Center fornire sempre lo stato dell’arte anche per tutta una serie di tecnologie e materiali ausiliari al processo di stampa e converting.

Tre nuovi prodotti a guidare la strategia digitale di Gallus

A supporto di questo ecosistema digitale, proprio in occasione del centenario, Gallus ha presentato  tre nuovi prodotti: il Portale clienti di HEIDELBERG, la nuova Gallus One with Converting, e un upgrade per la stampa digitale della Gallus ECS 340, gioiello dell’azienda.

Il nuovo portale di Heidelberg è uno strumento che automatizza quasi tutti i punti di contatto con i clienti. Per la prima volta in questo settore, le future iterazioni della soluzione forniranno anche capacità predittive grazie all’impiego dell’intelligenza artificiale (AI), fornendo consigli per aumentare la produttività, ridurre la manutenzione e accrescere la redditività. Si prevede che la nuova piattaforma consentirà, in media, un risparmio di fino al 35% per i clienti, in termini di tempo e denaro.

Gallus One Digital Press (1)Con una crescita annua dei volumi di stampa globali di oltre il 2%, la stampa di packaging è una delle aree di crescita più solide nel settore della stampa. Insieme alla stampa di etichette, essa costituisce una delle principali aree di attività di Heidelberg. Grande importanza inoltre sarà dedicata alla stampa digitale, un settore dove il Gruppo intende crescere. Pensiamo infatti che ormai un terzo di tutte le etichette del mondo viene già stampato in digitale. La stampa digitale sta dunque trainando il cambiamento in questo promettente segmento di mercato, con un aumento della stampa a getto d’inchiostro di circa il 6% l’anno. Heidelberg intende espandere la propria posizione in questo ambito con la macchina da stampa Gallus One.

La nuova Gallus One with Converting è una soluzione che prevede una stampante digitale con stazione flessografica in linea, una fustellatrice semi rotativa in grado di modificare un lavoro in un minuto e di lavorare con una velocità di 70 m al minuto, e sistemi di ispezione visiva che garantiscono il massimo livello di qualità e ridurre al minimo gli scarti. Inoltre, l’azienda ha annunciato la possibilità di aggiornare la macchina da stampa flessografica Gallus ECS 340 esistente con un’unità di stampa digitale (DPU), trasformandola in una macchina da stampa ibrida, la Gallus Labelfire 340, ma senza ulteriori investimenti nella piattaforma.

Dario Urbinati, CEO, Gallus Group (2)“Bisogna guardare oltre le arti grafiche e sfruttare tutte le tecnologie all’avanguardia per essere pronti ad recepire i cambiamenti e le nuove esigenze sociali delle persone. Il concetto di push-to-stop introdotto da Heidelberg con una produzione automatizzata 24 ore su 24, 7 giorni su 7 sarà fondamentale. I settori delle etichette e del packaging devono essere considerati entusiasmanti e stimolanti dai giovani e solo con una trasformazione digitale potremo raggiungere l’obiettivo. Ma sono sicuro che ce la faremo, perché abbiamo iniziato oggi un percorso di collaborazione, innovazione e modernizzazione che riuscirà a garantirci i successi futuri in questo straordinario settore”, ha concluso Dario Urbinati.


Dr Ludwin Monz, CEO, HEIDELBERGIn concomitanza con la celebrazione del 100° anniversario di Gallus, HEIDELBERG è lieta di essere al fianco del team Gallus questa settimana – uniti, come un unico Gruppo. Insieme siamo ancora più forti e abbiamo in serbo un solido piano di crescita”, commenta Ludwin Monz, CEO di HEIDELBERG. “Poiché le etichette e il packaging rappresentano oggi il 50% del fatturato totale del Gruppo, le nuove soluzioni digitali e automatizzate introdotte da Gallus svolgono un ruolo importante per il futuro di HEIDELBERG. Di conseguenza, Gallus costituisce un pilastro fondamentale nella strategia di crescita aziendale e noi siamo più che mai impegnati a garantirne il futuro a lungo termine.”