UPM Specialty Papers e Koenig & Bauer ottimizzano la stampa digitale per le carte barriera

525

Le carte barriera termosaldabili di UPM Specialty Papers hanno ottenuto ottimi risultati nei test effettuati con la nuova generazione di soluzioni digitali inkjet di Koenig & Bauer. Questa è una buona notizia per i brand owner e converter interessati ad accelerare il time-to-market o per creare imballaggi personalizzati.

UPM Koenig&Bauer 1

L’obiettivo era testare e ottimizzare la compatibilità della stampa digitale per le carte barriera di UPM Specialty Papers, in quanto offrirebbe una potente combinazione per produrre in modo molto flessibile anche piccoli lotti di confezioni.

“Il nostro obiettivo era produrre campioni di un prodotto reale”, afferma Falko Baltrusch, Senior Manager presso il Koenig & Bauer Customer Technology Center. “Questa co-creazione era l’ideale, poiché combinava l’esperienza in materia di carte e lavorazioni di UPM Specialty Papers con la nostra conoscenza delle macchine, degli inchiostri, delle temperature e altro ancora. Questo ci ha permesso di controllare l’intero processo per vedere se le carte erano stampabili e, in tal caso, assicurarci che la stampa fosse della giusta qualità. Abbiamo raggiunto entrambi gli obiettivi”.

Le due aziende hanno concordato di eseguire i test sulle gamme di carta barriera UPM Confidio™, UPM Asendo™ e UPM Prego™, che offrono diverse superfici patinate e non patinate. I test hanno inoltre consentito a UPM Specialty Papers di testare le proprie carte barriera sulla tecnologia di stampa digitale poiché gli imballaggi vengono tradizionalmente stampati in flessografia, rotocalco o offset, che richiedono tirature elevate.

In qualità di produttore di macchine da stampa attivo a livello globale, Koenig & Bauer guarda al futuro con lo sviluppo della sua macchina da stampa inkjet RotaJET, un sistema di stampa digitale molto flessibile in grado di stampare su molti supporti differenti e per applicazioni diverse. La RotaJET utilizza inchiostri pigmentati polimerici a base d’acqua GMP (Good Manufacturing Produced), conformi alle normative svizzere.

UPM Raflatac food labels

“Eravamo curiosi di vedere come si comportavano le nostre carte barriera sulla macchina da stampa RotaJET”, afferma Markus Kamphuis, Technical Sales Manager, UPM Specialty Papers. “I risultati sono stati estremamente positivi fin dall’inizio. UPM Confidio™ ha un’ulteriore funzione di sigillatura a caldo, quindi era importante scoprire se le temperature per l’essiccazione dell’inchiostro avrebbero attivato la funzione di sigillatura o cambiato i colori del design. Nessuno dei due aspetti si è rivelato un problema e i colori sono risultati nitidi e luminosi”.

“Questo tipo di flessibilità consente ai brand owner di soddisfare le normative legali per livelli più elevati di tracciabilità e materiali di imballaggio localizzati, e anche di sviluppare imballaggi altamente personalizzati. Prendiamo ad esempio la finale del Superbowl o della Champions League”, spiega Falko Baltrusch. “Puoi aspettare fino all’ultimo minuto per stampare la confezione quando sai quali squadre andranno in finale. E possono fare tutto questo passando anche a materiali a base di fibre, raggiungendo i loro obiettivi di sostenibilità”.

Le gamme di carta barriera UPM Confidio™, UPM Asendo™ e UPM Prego™ sono facili da riciclare nei flussi di riciclo delle fibre esistenti. E ora si sono dimostrati compatibili con la tecnologia di stampa inkjet e pronti a sfruttare i vantaggi offerti.