UPM Raflatac: dagli scarti di etichette nasce la materia prima per l’isolamento degli edifici

406

L’esclusiva catena del valore dell’economia circolare consente il riciclo degli scarti delle etichette, i liner, garantisce la fornitura di materia prima PET a un’azienda chimica finlandese Inosence Polyol Oy e aumenta la percentuale di materia prima riciclata nella produzione di isolanti di Finnfoam.

UPM Raflatac, Inosence Polyol Oy e Finnfoam hanno costruito un modello di collaborazione innovativo che migliora l’efficienza delle risorse. I liner delle etichette in plastica PET raccolti tramite il servizio di riciclo UPM Raflatac RafCycle™ costituiscono un flusso di scarti difficile da riciclare. Ora questi liner possono essere trasformati in una materia prima grazie a un processo sviluppato da Inosence Polyol, che Finnfoam utilizza poi come materia prima per l’isolamento in poli-isocianurato o FF-PIR.

Circa l’80% dei materiali di supporto per le etichette autoadesive è costituito da carta e ci sono processi consolidati per il loro riciclo. Il restante 20% sono pellicole a base di PET con uno strato estremamente sottile di silicone applicato alla plastica. Queste frazioni sono difficili da separare, e quindi questi film di supporto in plastica PET in passato hanno finito per essere principalmente inceneriti.

“I prodotti usa e getta o di breve durata sono spesso realizzati con plastica riciclata PET. Nella nostra soluzione, la materia prima riciclata viene trasformata in un isolante, un prodotto durevole che lega il carbonio per decenni. La nostra catena del valore soddisfa anche una revisione critica e, inoltre, stiamo rendendo l’industria delle etichette molto più sostenibile”, dice Juha Virmavirta, direttore di RafCycle Solutions, UPM Raflatac.

UPM Raflatac raccoglie gli scarti a base PET dai propri clienti e utenti finali. Inosence Polyol Oy utilizza gli scarti raccolti per la produzione di poliolo. Il flusso di materiale di UPM Raflatac garantisce un approvvigionamento costante di materie prime per la produzione di poliolo.

“La soluzione che abbiamo sviluppato insieme a UPM Raflatac e Inosence Polyol Oy è un ottimo esempio del potenziale del riciclo chimico. Consente di separare e riciclare molti materiali difficili da separare. I nuovi metodi di riciclo economici e rispettosi dell’ambiente guideranno anche i cambiamenti legislativi e aumenteranno ulteriormente l’obbligo di riciclare e ridurre l’incenerimento dei rifiuti, il che è naturalmente un’ottima cosa”, conclude Henri Nieminen, CEO di Finnfoam.