Jan Eisby festeggia 25 anni in Vetaphone

319

Quando Verner Eisby inventò il trattamento corona nel 1951, difficilmente avrebbe potuto immaginare che i suoi due figli, Frank e Jan, dopo tutti questi anni avrebbero ancora gestito quello che oggi è diventato un fornitore leader a livello mondiale, Vetaphone.

Jan Eisby Vetaphone
Jan Eisby festeggia 25 anni con Vetaphone, l’azienda fondata da suo padre nel 1951

E per Jan, il 2024 segna il suo 25° anno in azienda, anche se “è sempre stata un’azienda di famiglia, quindi la conoscevo fin da giovane, e non c’era modo di allontanarsene!” A partire dal 1999 come direttore vendite di una squadra di due persone (l’altro era il fratello maggiore Frank, che gestiva anche lui l’attività), Jan ha trascorso gran parte dei suoi primi anni lavorativi a sviluppare le vendite in Europa.

Nel corso degli anni, Vetaphone ha sviluppato la propria attività in altri mercati internazionali, in particolare negli Stati Uniti e in Asia, con Jan in qualità di Chief Sales Officer (CSO), egli ha anche il compito di creare una rete di vendita e supporto e di formare il personale. Oggi l’azienda è rappresentata in più di 100 paesi in tutto il mondo e dal 1999 il fatturato delle vendite è più che decuplicato.

“Il mercato del packaging ha visto cambiamenti rivoluzionari negli ultimi 25 anni con la crescita dei supporti filmici e lo sviluppo di nuove tecniche di stampa come il digitale che hanno sostituito in alcuni settori la stampa offset, rotocalco e flexo, processi più convenzionali. In Vetaphone, abbiamo sempre investito molto in ricerca e sviluppo e questo ci consente di riflettere questi cambiamenti del mercato sviluppando continuamente la nostra tecnologia, dai trattamenti corona per la stampa a banda stretta ai sofisticati sistemi di trattamento al plasma per applicazioni speciali, e molte altre soluzioni nel mezzo”, ha spiegato.

A proposito del modo di dire “non tutti i mali vengono per nuocere”, ha evidenziato l’effetto della crisi globale del 2007/8 che ha costretto Vetaphone a ripensare e ristrutturare le proprie attività, anche in base alle questioni legate alla pandemia globale di Covid in tempi più recenti, considerando i problemi legati alle catene di approvvigionamento, alle materie prime e al cambiamento del modo di lavorare. “Ciò che non ti uccide ti rende più forte, e qui a Vetaphone siamo un gruppo resiliente”, scherza Jan.

Guardando avanti, Jan vede un futuro entusiasmante e stimolante per il settore degli imballaggi con sviluppi relativamente a nuove tecniche di produzione, nuovi supporti, nuovi prodotti di imballaggio “intelligenti” per soddisfare le mutevoli abitudini dei consumatori e un netto miglioramento delle pratiche ambientali in tutto il mondo. La plastica ha ormai un’immagine negativa agli occhi di molte persone, quindi spetta a chi lavora nel settore cambiare questa prospettiva. Ecco perché Vetaphone ha sempre creduto nella formazione perché solo con la formazione tutti siano in grado di prendere le giuste decisioni”.

Nel suo attuale ruolo di Chief Business Officer (CBO), Jan non vede l’ora di sviluppare un legame formativo più forte all’interno del settore sia attraverso la rete di agenzie dell’azienda che tramite la Vetaphone Academy.