Eurolabel: la sottile differenza fra stampare etichette e offrire innovazioni

1428

EurolabelEurolabel è una delle aziende storiche nel panorama italiano dei produttori di etichette autoadesive ed è la capofila di un gruppo di tre aziende. In Eurolabel l’etichetta non rappresenta solo il core-business ma è lo strumento attraverso il quale poter esprimere i valori profondi di un’impresa che ha sempre messo l’aspetto umano davanti a tutto.

A due anni dall’inaugurazione della nuova sede avvenuta nel 2021 a Lainate (Mi) siamo andati a trovare Elisabetta Brambilla, Presidente di Eurolabel ma anche di Gipea, per farci raccontare dell’evoluzione ma anche delle novità che vedranno l’azienda, o meglio il gruppo di aziende che ne fanno parte, protagoniste in un mercato in continua evoluzione all’interno del panorama grafico-cartotecnico capace di attirare l’attenzione per i buoni risultati ottenuti.

Tre aziende, un unico obiettivo: servire il cliente a 360°

ElisabettaBrambillaPlay
L’opinione di Elisabetta Brambilla – Clicca per guardare il video

“Possiamo tranquillamente definirci un’azienda familiare che però ha deciso di intraprendere un nuovo percorso, affidandosi a figure manageriali in ruoli strategici, per dare alla nostra attività una svolta di tipo industriale. Nel 2023 non è più possibile pensare che una realtà produttiva dipenda solo ed esclusivamente dalla presenza del titolare”, esordisce Elisabetta Brambilla, Presidente non solo di Eurolabel ma di un Gruppo fondato dalla mamma, la Signora Cattaneo che negli anni ’70 a causa di uno sciopero nazionale che bloccava l’ingresso e la produzione in Eurolabel, fondò la EDP Label, anch’essa specializzata nella produzione di etichette come risorsa indispensabile per poter lavorare per le multinazionali del settore pharma, che richiedono soluzioni di “Disaster Recovery” e “Business Continuity”. EDP Label, oltre a essere a livello produttivo la sorella minore di Eurolabel, aveva avviato e sviluppato un reparto per la lavorazione di tag in RFID, un settore cresciuto a un livello tale che circa quattro anni fa ha richiesto l’apertura di una terza azienda, la TecnoTag. Nelle tre aziende del gruppo sono impiegate circa 80 persone.

Le etichette RFID oltre a rappresentare un efficace strumento di anticontraffazione, possono contenere al loro interno tutta una serie di informazioni sulla tracciabilità del prodotto, creando anche una customer experience e raccontando la storia del prodotto, diventando un potente strumento di marketing e di contatto con il consumatore”, dice Elisabetta Brambilla.

Eurolabel: focus nel settore farmaceutico

Eurolabel Essere fornitori dell’industria farmaceutica per un etichettificio significa soprattutto garantire la certezza del risultato finale. Se da un punto di vista grafico e del design, non c’è molto spazio alla fantasia, quello del mercato farmaceutico richiede dall’altro lato la massima cura e attenzione anche ai minimi particolari. Ecco dunque che in Eurolabel vi è una grandissima attenzione ai controlli, che vengono eseguiti in prima battura direttamente sulle macchine da stampa, dotate dei più sofisticati sistemi di controllo qualità di stampa e rilevamento difetti e successivamente off-line in un reparto dedicato dove sono presenti 5 tavoli di ispezione che lavorano a ciclo continuo.

“Abbiamo molte delle certificazioni richieste ed abbiamo integrato il nostro sistema con le richieste specifiche previste dalle normative GMP per lavorare nel settore farmaceutico, e anche gli ambienti di produzione sono organizzati per il rispetto di queste rigide regole. Questa impostazione volta a garantire il massimo della sicurezza e della qualità del risultato finale di stampa ci è servita per offrire i medesimi standard anche per le etichette degli altri settori merceologici che serviamo, dalla cosmetica, al wine & spirts, all’alimentare e a svariati settori industriali. Tutto ciò, rappresenta un vantaggio ma anche un vincolo e ha contribuito a elevare il know-how dell’azienda ai massimi standard richiesti”, aggiunge Elisabetta, sottolineando come lavorare con questa accuratezza non consenta all’azienda di poter accettare lavori dove è il prezzo a essere determinante nella scelta del cliente.

EurolabelEurolabel, EDP Label e Tecno Tag, sono  strutturate con circa 30 linee di produzione tra le quali macchine flexo combinate con serigrafia, stampa hot foil e cold foil, stampa sul retro, nobilitazioni nelle più classiche configurazioni comunemente presenti in un etichettificio moderno. Per quanto riguarda la stampa digitale, Eurolabel ha sia tecnologia digital offset e drop-on-demand, che vengono utilizzate principalmente per il settore cosmetico dove è richiesta una certa qualità e per beni durevoli di sicurezza.

Consulenza al cliente per etichette a elevato valore aggiunto

Che il mercato delle etichette sia uno dei più interessanti fra tutti quelli nel panorama grafico-cartotecnico-trasformatore è abbastanza evidente. Un prodotto può esistere senza la scatola, ma senza etichetta assolutamente no! Sono state molte quindi le industrie grafiche che hanno provato a inserirsi in questo settore, apparentemente semplice. “Tutti credono che stampare un’etichetta sia un lavoro facile, ma noi ci troviamo quotidianamente ad affrontare delle sfide tecnologiche che in altri settori non immaginano nemmeno. Purtroppo le aziende che entrano nel settore, magari proveniente dalla stampa commerciale, replicano i loro modelli di business dove la politica del basso prezzo è all’ordine del giorno. Ma noi etichettifici storici sappiamo quanto sia importante il know-how, l’aspetto consulenziale di affiancamento al cliente, i nostri consigli per ottimizzare al meglio la resa grafica e di conseguenza anche un’ottimizzazione dei costi per un lavoro che soddisfi le sue esigenze, per ottenere il prodotto migliore per quel tipo di applicazione, evitando inutili sprechi e al giusto prezzo, in un’ottica di trasparenza e lealtà”, interviene Elisabetta Brambilla.

In Eurolabel l’etichetta è anche inclusiva

EurolabelPartendo dal presupposto che le etichette devono trasmettere informazioni a tutti, in Eurolabel si sono posti il problema di come poter essere inclusivi come produttori di etichette. Perché è vero che la richiesta
dovrebbe partire dal committente, ma comunque, sempre tornando al tema della consulenza e affiancamento al cliente, l’idea di un progetto innovativo può anche provenire dal fornitore. Ecco dunque che Eurolabel ha provato a mettere sul campo un progetto di etichetta inclusiva che andasse oltre l’inserimento del braille, che comunque permette di poter comunicare poche parole e non tutte le indicazioni sul corretto utilizzo di un prodotto o della sua composizione. “Da una collaborazione con la Fondazione Istituto dei Ciechi di Milano abbiamo compreso come il braille fosse estremamente limitativo per le etichette. Abbiamo scoperto pèrò che le persone non vedenti utilizzano una app da cellulare che inquadrando l’etichetta permette di leggerla in tutto il suo contenuto. La difficoltà per loro è quella di capire quale parte di etichetta inquadrare, ma grazie a dei crocini in braille siamo riusciti a fornire indicazioni precise per la corretta lettura dell’etichetta con la app, risolvendo un grande problema”, conclude Elisabetta, sottolineando l’importanza di proporre al mercato delle soluzioni innovative, vincenti e in grado di consentire al cliente di differenziarsi, senza dimenticare che la tecnologia è importante ma sono poi le persone con le loro idee e il loro modo di agire a decretare il successo delle aziende.


Eurolabel people included 2Eurolabel è l’azienda artefice del progetto People Included, un concept innovativo che pone una visione di inclusione nel mondo del packaging e non solo.

Il primo prototipo del concept People Included è stato presentato in anteprima a Cosmoprof 2023 e ha visto la collaborazione di diverse realtà: un’azienda di formule cosmetiche, una di flaconi, una di pompe per dispenser, un’agenzia creativa e ovviamente il know how di Eurolabel per realizzare l’etichetta fisica e in parte digitale, sviluppata con l’ausilio dell’intelligenza artificiale. Una sinergia tra più operatori del settore che si sono uniti per proporre soluzioni fruibili da tutti e senza discriminazioni.