Uno dei principali centri di riciclo per i cartoni per bevande in Europa avvia le operazioni con il supporto di Stora Enso e Tetra Pak

1164

Con un investimento congiunto di circa 29 milioni di euro da parte di Stora Enso e Tetra Pak, sta entrando in funzione in Polonia una nuova linea di riciclo per cartone per bevande post-consumo.

Stora Enso ha investito circa 17 milioni di euro in una nuova linea di macero che recupererà le fibre di cartone, e Tetra Pak insieme a Plastigram hanno investito un totale di circa 12 milioni di euro per costruire la nuova linea che ha il potenziale per triplicare la capacità annuale di riciclo dei cartoni per bevande nel paese – da 25.000 a 75.000 tonnellate – e offre la possibilità di assorbire l’intero volume di cartoni per bevande venduti in Polonia, e anche volumi aggiuntivi provenienti dai paesi limitrofi, tra cui il Repubblica Ceca, Ungheria, Slovacchia, Lettonia, Estonia e Lituania.

Con una capacità annua di 50.000 tonnellate, la linea presso l’unità produttiva di Stora Enso a Ostrołęka (Polonia) gestisce esclusivamente la separazione del materiale del cartone per bevande, separando le fibre dai polimeri e dall’alluminio. Le fibre vengono quindi riciclate in materiali di cartone, contribuendo alla circolarità dei materiali trasformando gli imballaggi a base carta usati in nuovi materiali di imballaggio a base carta. Questo nuovo impianto di riciclo della carta è completato dalla società ceca Plastigram Industries, che, insieme a Tetra Pak, sta industrializzando una soluzione per riciclare il poliAl* in nuovi prodotti.

“Per decenni, abbiamo lavorato per migliorare la capacità di riciclo dei cartoni per bevande, co-investendo con riciclatori, fornitori di tecnologia, nuove attrezzature e strutture”, commenta Lars Holmquist, EVP Sustainability & Communications di Tetra Pak.Nel 2022, Tetra Pak ha contribuito con quasi 30 milioni di euro a progetti di raccolta e riciclo in tutto il mondo, con piani per andare oltre e investire fino a 40 milioni di euro all’anno nei prossimi anni. Come parte dell’Alleanza per i cartoni per bevande e l’ambiente (ACE), sosteniamo l’ambizione del settore di aumentare la percentuale di riciclo dei cartoni per bevande al 90% e il tasso di riciclo al 70% nell’UE, entro il 2030”.

“Siamo soddisfatti di vedere i risultati della nostra stretta collaborazione con Tetra Pak, che, come Stora Enso, pone al centro lo sviluppo di soluzioni sostenibili. Questa nuova soluzione segna un’aggiunta significativa alla capacità di riciclo europea e un concreto passo avanti nella circolarità degli imballaggi. Oltre a integrare l’attuale portata del nostro sito produttivo in Polonia, l’impianto di riciclo contribuirà in modo significativo agli obiettivi di riciclo e riduzione dei rifiuti della proposta dell’UE per un regolamento sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio”, afferma Hannu Kasurinen, EVP materiali di imballaggio di Stora Enso.

La nuova linea è destinata a incrementare il riciclo dei cartoni per bevande in tutta l’Europa centrale e orientale, segnalando la volontà dell’industria del cartone per bevande di sostenere gli obiettivi di circolarità della proposta di regolamento dell’UE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio (PPWR) e evidenziando il ruolo centrale del riciclo per supportare la transizione verde del settore dell’imballaggio alimentare. L’industria degli imballaggi ha già investito circa 200 milioni di euro per aumentare la capacità di riciclo dei cartoni per bevande nell’UE e prevede di investire altri 120 milioni di euro entro il 2027.

*Il componente non fibroso delle confezioni di cartone è noto come polyAl, cioè gli strati di poliolefine e alluminio utilizzati come barriera contro l’ossigeno e l’umidità per proteggere il contenuto alimentare nelle confezioni di cartone asettico