Seminario in Giappone per le tecnologie flexo, rotocalco e digitali di Uteco

0
427

Uteco Group, da sempre molto attenta alla sostenibilità  e a tutti quei processi innovativi che contemplino la tutela del nostro ambiente, ha partecipato ad un seminario tenutosi prima a Tokyo e poi ad Osaka il 26 e 28 Febbraio durante il quale, oltre a presentare la sua intera gamma delle soluzioni di stampa e laminazione green, ha introdotto ad una platea molto qualificata di Converter giapponesi, le diverse soluzioni  di inchiostri a base acqua applicate alla stampa flexo, rotocalco e digitale.

Ha inoltre presentato  le nuove soluzioni monomer free per la laminazione solventless per le applicazioni mono material, che erano state anticipate con grande successo durante l’ ultima edizione della fiera K  e che verranno ulteriormente approfondite in occasione della prossima fiera Drupa.
”Uteco è una delle poche aziende che può fornire soluzioni di stampa senza l’uso di solvente qualunque sia la tecnologia di stampa utilizzata, rotocalco compresa, molto diffusa in Giappone. Infatti grazie alla collaborazione con importanti gruppi multinazionali come Basf e Flint Group offriamo una tecnologia  “true water based”, dice Alessandro Bicego Chief Product Manager – Rotogravure B.U. Manager.

“Il mercato giapponese – commenta Giuseppe Sauli – South Asia & Far East Area Manager –  si sta rivelando molto sensibile al tema ambientale e Uteco intende giocare un ruolo fondamentale per aiutare gli stampatori giapponesi nella transizione dalla stampa base solvente a quella base acqua proponendosi come partner di sviluppo tecnologico. Infatti è proprio in Giappone presso un importante converter che Uteco ha recentemente installato la sua esclusiva soluzione digitale a base acqua: la macchina ibrida digitale Sapphire EVO, sviluppata in collaborazione con Eastman Kodak Company.”

Il successo del seminario è da attribuire anche al grande supporto dato dal dealer in Giappone Itochu Corporation e alla grande partecipazione degli stampatori che nonostante la “difficile” situazione sanitaria mondiale hanno voluto approfondire i temi della sostenibilità, del riciclo dei materiali e delle emissioni voc.