Dow amplia il suo impegno per il riciclo degli imballaggi flessibili in tutta l’Africa

182

Dopo una fase pilota di successo in Nigeria, Dow espande la sua iniziativa a favore del riciclo degli imballaggi flessibili – Project REFLEX – in nuovi mercati in Africa.
Il riciclo post-consumo (PCR) prodotto durante la fase pilota è testato da un importante marchio per l’uso in alcune delle sue applicazioni di imballaggio.
Dow ha l’obiettivo di riciclare 10.000 tonnellate metriche (MT) di rifiuti di imballaggio flessibile entro il 2025 attraverso il progetto REFLEX, che sostiene l’impegno globale di Dow per contribuire a promuovere un’economia circolare per la plastica e ridurre i rifiuti di plastica.

Dow ha annunciato l’espansione della sua iniziativa Project REFLEX in Egitto e Guinea, dopo una fase pilota avvenuta con successo in Nigeria. Lavorando insieme ai partner locali, l’iniziativa mira ad aumentare il riciclo degli imballaggi flessibili in Africa per creare un mercato di prodotti riciclati che aiutino ad affrontare il problema dei rifiuti fornendo al contempo opportunità di lavoro alle comunità locali.

Il progetto, lanciato nel 2020, si rivolge in modo specifico agli imballaggi flessibili come le buste in plastica per l’acqua che garantiscono alle comunità locali l’accesso all’acqua pulita, per dimostrare che possono essere raccolti e riciclati per essere utilizzati in nuove applicazioni per imballaggi di qualità.

Il riciclo post-consumo (PCR) che è stato creato nella fase pilota è attualmente in fase di sperimentazione da parte di un grande marchio per l’uso in alcune delle sue applicazioni di imballaggio non alimentare. In caso di successo, questo sarà un esempio reale di un sistema a circuito chiuso per la plastica in Africa e dimostrerà ulteriormente l’usabilità commerciale dei materiali PCR provenienti dai rifiuti di imballaggio flessibile.

Attraverso il progetto REFLEX, Dow ha l’obiettivo di riciclare 10.000 tonnellate metriche (MT) di rifiuti di imballaggio flessibile entro il 2025 che altrimenti finirebbero nelle discariche o nell’ambiente, creando anche opportunità di lavoro dirette per oltre 50.000 persone in Nigeria, Egitto e Guinea attraverso una società innovativa di gestione dei rifiuti, Wecyclers. Finora, il progetto ha raccolto un totale di 520 tonnellate di rifiuti di imballaggi flessibili in flussi di riciclo meccanico e nuove applicazioni.

“In Dow, sappiamo che una parte fondamentale della soluzione della crisi dei rifiuti di plastica è abilitare un sistema a circuito chiuso. Utilizzando la nostra esperienza nella scienza dei materiali e nella tecnologia, riteniamo di essere nella posizione migliore per aiutare ad accelerare il ritmo del cambiamento nei paesi in via di sviluppo come l’Africa, supportando le imprese locali innovative per trovare soluzioni a beneficio dell’ambiente e delle comunità locali. L’iniziativa Project REFLEX è un ottimo esempio di come questo possa prendere forma e crescere in modo sostenibile, soprattutto per quanto riguarda le applicazioni di imballaggio flessibile”, dice Sami Mainich, Regional Director Dow North & West Africa.

La collaborazione è fondamentale: espandere il progetto REFLEX in nuovi mercati in Africa
L’espansione in Egitto è iniziata nel dicembre 2021 con l’avvio di una partnership di 18 mesi tra Dow e l’organizzazione internazionale non governativa WasteAid, che condivide le capacità di gestione e riciclo dei rifiuti nei paesi a reddito medio e basso, per promuovere il recupero e il riciclo dei rifiuti di plastica nel governatorato di Assuan. La strategia di espansione del progetto REFLEX vedrà collaborazioni simili con attori pubblici, privati ​​e a livello di comunità in Egitto e Guinea per aumentare la raccolta e la valorizzazione della plastica flessibile.

“Lavorando a fianco di grandi player come Dow per trovare soluzioni sostenibili nella lotta ai rifiuti di imballaggio flessibile in Africa, possiamo contribuire a garantire che questo materiale mantenga il suo valore. È stato sia gratificante che stimolante vedere l’impatto positivo di questi sforzi congiunti sulle comunità imprenditoriali locali della Nigeria attraverso la fase pilota del progetto REFLEX. Non vediamo l’ora di estendere la nostra attività in Egitto e Guinea, contribuendo a sensibilizzare sui vantaggi socioeconomici della gestione sostenibile dei rifiuti”, commenta Olawale Adebiyi, CEO di Wecyclers.

Focus socioeconomico: aiutare a fermare gli sprechi e sostenere le comunità locali
Il progetto ha un forte focus socioeconomico, quindi oltre a fornire competenze, finanziamenti e tecnologia per incrementare gli sforzi per togliere i rifiuti di plastica dall’ambiente, Dow e Wecyclers vogliono far conoscere alle comunità locali in Africa il valore di questi materiali e le opportunità di reddito che possono fornire attraverso la raccolta, lo smistamento e il riciclo. Ad esempio, le due organizzazioni hanno organizzato un evento a marzo in collaborazione con un’organizzazione di impatto sociale che riunisce membri della comunità e organizzazioni locali per far conoscere il riciclo della plastica e partecipare attivamente a un’esercitazione di pulizia nell’isola di Lagos (Lagos), dando il via una campagna di base per garantire che sempre più persone raccolgano e riportino le loro buste di plastica per l’acqua.

“Il motivo per cui siamo così orgogliosi di Project REFLEX in Africa è che affronta l’intero ciclo di vita degli imballaggi flessibili in plastica, dalla produzione fino all’uso. La nostra speranza è che l’istruzione, i materiali e il supporto alle comunità e alle imprese locali in Nigeria, Egitto e Guinea, e potenzialmente in altri mercati africani, ricevuti attraverso il programma si traducano in una raccolta sostenibile a lungo termine per gli imballaggi flessibili”, ha dichiarato Adwoa Coleman, Africa Sustainability and Advocacy Manager for Packaging and Specialty Plastics di Dow.

Collaborando con le singole persone e organizzazioni che stanno già supportando le infrastrutture di gestione dei rifiuti e il riciclo, Project REFLEX sta guidando e ridimensionando soluzioni locali e sostenibili in Nigeria, Egitto e Guinea. Questo progetto è allineato all’obiettivo globale di sostenibilità Stop the waste di Dow, che consentirà la raccolta, il riutilizzo o il riciclo di un milione di tonnellate di plastica a livello globale entro il 2030.

Il finanziamento per Project REFLEX proviene dal Business Impact Fund di Dow, un programma di sovvenzioni competitivo che assegna contributi aziendali a progetti a valore condiviso per aiutare ad affrontare i problemi sociali attraverso la tecnologia e l’esperienza dell’azienda.

Chi è Wecycler
Wecyclers offre comodi servizi di riciclo domestico utilizzando molti e vari metodi di raccolta a basso costo. L’azienda sta alimentando il cambiamento sociale consentendo alle persone nelle comunità a basso reddito di trarre valore dai loro rifiuti. Il modello dell’azienda risolve la sfida dei rifiuti urbani per le famiglie e i riciclatori. Wecyclers offre un comodo servizio di riciclo domestico in quartieri a basso reddito densamente popolati. Wecyclers lavora in collaborazione con la Lagos Waste Management Authority (LAWMA) e raccoglie rifiuti riciclabili, comprese bottiglie di plastica, sacchetti di plastica e lattine di alluminio, a livello domestico.
Gli abbonati e le famiglie vengono premiati con punti riscattabili in base al volume e alla qualità dei materiali riciclabili forniti. Wecyclers serve oltre 25.000 famiglie e ha dirottato oltre 10.000 tonnellate di materiali riciclabili dalle discariche e dall’oceano verso il riutilizzo produttivo.