Congresso d’autunno Gipea, etichettifici riuniti a Bologna

734
Elisabetta Brambilla, Presidente Gipea

Congresso d’autunno in presenza anche per Gipea, il Gruppo Italiano dei produttori di etichette autoadesive, riunito a Bologna il 30 novembre-1 dicembre per l’Assemblea del Gruppo, in forma privata, che ha preceduto poi il convegno aperto dalla relazione del Presidente Elisabetta Brambilla, confermando il trend positivo che partendo da tutto il comparto grafico-cartotecnico, ha visto protagonista con risultati soddisfacenti anche il settore della produzione di etichette autoadesive, attraversato, come del resto tutta l’industria, dal problema della carenza di materie prime e dall’impennata dei costi di energia e trasporti, fattori questi che gettano qualche velo di incertezza per l’immediato futuro.

Italo Vailati, Segretario Gipea

Al Segretario di Gipea Italo Vailati il compito invece di aggiornare gli etichettifici presenti sulle novità in ambito normativo, dalla SUP sulla plastica monouso che non riguarda però il settore etichette alla Plastic Tax, per la quale dopo il rinvio di  un anno, si stà lavorando, con azioni di lobbying sul legislatore, affinché possa essere eliminata, fino all’etichettatura ambientale degli imballaggi.

 

Valeria Fazio di BDO Italia ha tenuto una relazione incentrata su ESG, evoluzioni normative e trend di mercato. Sul tema della sostenibilità oggi è il mercato, e quindi i consumatori, ma anche gli azionisti a richiedere una rendicontazione reale e i bilanci delle aziende devono presentare oltre al valore economico, anche quello sociale e ambientale. Proprio per questo motivo, Elisabetta Bottazzoli di Assografici e Alberico Tremigliozzi di Re2N, hanno presentato un nuovo tool, che sarà pronto a breve, per aiutare le aziende a raccogliere i dati e analizzarli così da conoscere approfonditamente l’impegno concreto e reale della propria azienda in tema di sostenibilità.

Martina Corradi, HP Indigo

Parlando invece di tecnologia, Martina Corradi di HP Indigo ha illustrato gli ultimi trend nella stampa digitale firmati da HP, che tra l’altro durante le 2 giornate di convegno, ha presentato in realtà virtuale l’ultima nata di casa HP per il mondo label, la nuovissima V12 che nel prossimo anno verrà testata in versione beta  presso alcuni selezionati clienti, per essere poi lanciata sul mercato a partire dal 2023.

Il prof. Federico Visconti

Non poteva mancare infine la presenza del prof. Federico Visconti, Rettore LIUC Università Cattaneo di Varese, che con il suo stile sempre molto frizzante e capace di catalizzare l’attenzione della platea, ha parlato di Imprenditori e Piccole-Medie Imprese nel post Covid, chiamati a dover intraprendere un doppio percorso fra scelte aziendali e azioni di sistema. Nuove sfide per le imprese, dall’economia circolare, alla contaminazione con le nuove generazioni, fino alla dimensione delle aziende e alla necessità di ripensare a una politica industriale. In un mondo sempre più dominato da dati, analisi, intelligenza artificiale e algoritmi, il prof Visconti ha sottolineato la centralità del ruolo dell’imprenditore, cui spetterà sempre l’ultima parola. “Ci vuole sensibilità, equilibrio, saggezza e capacità di soppesare azioni e reazioni complesse, che richiedono la centralità della persona”, conclude il prof. Visconti.

Il dott. Gianluca Cinti di WePartner che ha presentato i dati del 10é Osservatorio Gipea

Ha chiuso la mattinata, e dunque il convegno, il dott. Gianluca Cinti di Wepartner, con l’atteso Osservatorio economico sul settore delle etichette, giunto alla decima edizione. Dati positivi per l’Osservatorio, che ha analizzato i bilanci di 82 etichettifici, poche aziende ma comunque rappresentative dello stato del settore. Gipea, a noem del Presidente Brambilla, si è impegnata a confrontarsi preventivamente per il prossimo Osservatorio, così da incrociare i dati degli etichettifici italiani, che risultano essere circa 600, anche se molte di queste realtà sono formate da poche unità, di carattere familiare, difficile quindi da raggiungere e analizzare per un Osservatorio che prende in considerazione aziende che seppur piccole, partono comunque da un minimo di 20 operatori. I risultati dell’Osservatorio 2020 parlano comunque di una crescita che si aggira attorno al 2%, un dato che conferma il trend di crescita del settore, che mediamente dal 2009 a oggi è cresciuto del 4,3%.
Per il 2021, analizzando i dati dei primi 9 mesi dell’anno, la crescita del fatturato degli etichettifici si attesta al +9,3%, seguendo l’andamento dell’acquisto di materiali autoadesivi, in crescita nello stesso periodo dell’11,9%.

Per il prossimo anno sono diversi gli appuntamenti che attenderanno Gipea e gli etichettifici associati, a partire dall’elezione del nuovo Presidente e rinnovo del Consiglio Direttivo, la presenza a Labelexpo, il convegno primaverile con luogo e data da definirsi, e il Convegno Finati di Baveno nel giugno 2022.