XSYS introduce la retinatura superficiale Woodpecker Nevis

201

Con Nevis si amplia la famiglia ThermoFlexX Woodpecker per retinatura del cliché ad alta frequenza, sviluppato specificamente per la stampa con inchiostri bianchi su supporti in film.

XSYS ha presentato la nuova versione della tecnologia di microstruttura superficiale ThermoFlexX Woodpecker che consente velocità di esposizione più elevate per lastre flessografiche con punto a testa piatta per la stampa con inchiostri bianchi standard. Essendo una soluzione di retinatura semplice, aperta ed efficace, Woodpecker Nevis ha la potenzialità di far risparmiare il costoso inchiostro bianco, fornendo al contempo un contrasto maggiore e colori più belli per la stampa di imballaggi flessibili. Già disponibile, è l’ultima aggiunta al portafoglio Woodpecker, che include anche le opzioni Sharp, Nano e Replay per gli espositori ThermoFlexX TFxX.

“La retinatura Woodpecker Nevis migliora la brillantezza generale e consente di risparmiare sui costi dell’inchiostro bianco, semplificando e accelerando il processo di esposizione”, dice Christophe Lievens, Global Sales Director XSYS Prepress.

L’obiettivo della soluzione di retinatura superficiale Woodpecker è quello di controllare il trasferimento dell’inchiostro in modo più accurato dall’anilox alla lastra e al supporto. Il risultato è una stesura dell’inchiostro più uniforme e una maggiore opacità, linee più nitide e retini più puliti, senza nessuno dei comuni difetti di stampa che spesso si verificano nella stampa flessografica, come pin hole, vuoti sul bordo inferiore e aloni, alla massima velocità di stampa.

Le microstrutture di superficie di Woodpecker vengono applicate nella fase di esposizione ed è una soluzione adattabile che funziona indipendentemente dal RIP utilizzato. Inoltre, poiché il pattern non è incorporato nel file, fatto che normalmente ne aumenta notevolmente le dimensioni, è possibile ottenere uno scambio di dati e tempi di elaborazione molto più rapidi. Questa significativa riduzione della complessità del flusso di lavoro migliora anche i tempi di consegna delle lastre e, di conseguenza, la velocità di immissione sul mercato per i proprietari di marchi.

Sviluppato per funzionare perfettamente con cilindri anilox di volume più elevato solitamente utilizzati per la stampa con inchiostro bianco standard su supporti in film nel settore degli imballaggi flessibili, Woodpecker Nevis è costituito da tre tipi di pattern superficiali con diversi livelli di granulosità per garantire una gamma più ampia di applicazioni. Mentre un anilox di volume maggiore aumenterà la qualità e l’opacità, c’è anche la possibilità di ridurre il volume anilox che potrebbe consumare meno inchiostro bianco senza influire negativamente sull’opacità.

“Una buona copertura del bianco è essenziale nella stampa di imballaggi flessibili, poiché fornisce la base per colori intensi e grafica di grande impatto. Tuttavia, l’inchiostro bianco può rappresentare fino al 50% dei costi totali dell’inchiostro, XSYS infatti continua a sviluppare nuovi prodotti che possono aiutare a ottimizzare il processo, ridurre i costi e ridurre gli scarti. Con Woodpecker Nevis, stiamo introducendo sul mercato una soluzione flessibile e sostenibile che può essere adattata alle esigenze individuali di ogni cliente”, ha concluso Stephan Reis, Global Marketing Director. “Ora offriamo cliché con retinatura superficie ad alta frequenza per stampare in quadricromia e bianco, coprendo così l’intero spettro”.