Tendenze e prospettive per il settore degli imballaggi

1171

banner shaping the futureIntergraf ha intervistato Tom Hallam di Smithers sulle ultime tendenze per gli imballaggi che interessano il mercato europeo. Tom ne parlerà alla conferenza Shaping the Future with Packaging il 9 e 10 marzo 2023. Ci si può registrare qui per l’evento.

tom hallamDi che cosa ti occupi in Smithers?

“La mia qualifica è Project Director, Packaging Consultancy e sono responsabile dell’intero processo di un progetto di consulenza per l’imballaggio che inizia con una bozza di proposta che viene poi messa a punto per soddisfare le specifiche esigenze del cliente. Una volta avviato il progetto, supervisiono tutti i suoi elementi, dalla ricerca primaria e secondaria alla consegna finale. I nostri clienti spaziano dai proprietari di marchi globali nel settore B2C ai fornitori di materiali e sviluppatori di tecnologia nel settore B2B”.

Quali sono i vantaggi per Smithers di lavorare con Intergraf?

“I nostri clienti si rivolgono a noi per dati di mercato credibili che aiutino a prendere decisioni. I clienti si fidano dei nostri dati grazie alle conoscenze tecniche, all’esperienza nella valutazione del mercato, alla rete di esperti e ai consolidati rapporti all’interno dei settori che serviamo. Lavorare a stretto contatto con molte associazioni credibili come Intergraf, come abbiamo fatto per molti anni, ci aiuta a rimanere in contatto con il settore e fornisce un ulteriore controllo delle nostre previsioni”.

L’industria dell’imballaggio è cresciuta e ha subito molti cambiamenti. Quali sono secondo te le principali tendenze?

“Le tendenze chiave in Europa sono: regolamentazione/legislazione (in particolare la regolamentazione su imballaggi e rifiuti di imballaggio), sostenibilità, maggiore conoscenza dei consumatori sulle questioni ambientali e sugli imballaggi, e-commerce che cresce più rapidamente rispetto alla vendita al dettaglio tradizionale, la digitalizzazione che offre un’ampia gamma di opportunità e la crescente esigenza di praticità e facilità d’uso nel settore degli imballaggi per la ristorazione”.

Quali sono gli sviluppi nella tecnologia di stampa utilizzata nella stampa di imballaggi?

“Sebbene vi sia la percezione che la stampa stia attraversando un periodo difficile, in realtà si tratta di un’attività altamente competitiva e dinamica, in particolare nel settore degli imballaggi. Un fattore importante è la tendenza verso tirature sempre più corte, che è uno dei fattori che sta guidando la crescita della stampa digitale. Quando si producono tirature più brevi, le differenze dei costi per l’avviamento possono contribuire in modo significativo alle variazioni del costo per copia a seconda dei processi di stampa.
Chiaramente, c’è un enorme entusiasmo nello sviluppo della stampa digitale, sia inkjet che elettrofotografica. I primi ad adottare il digitale stanno facendo i conti con il flusso di lavoro e le implicazioni logistiche della gestione di tirature molto più brevi. I converter di imballaggi stanno lavorando per implementare importanti miglioramenti a monte nell’elaborazione degli ordini, nella progettazione e nella prestampa, a valle relativamente a finitura e logistica.
Ci sono anche entusiasmanti sviluppi in corso nella stampa analogica. Gli sviluppi mirati a migliorare le prestazioni a breve termine di offset, flexo e rotocalco comprendono la stampa con palette fissa, la correzione automatica del colore e la messa a registro, la preparazione semplificata di lastre e cilindri, il montaggio robotizzato delle lastre e molto altro”.

Quali sono le sfide per i produttori/stampatori di imballaggi?

“Per i fornitori di imballaggi, le sfide sono influenzate dai settori di utilizzo finale a cui va il loro prodotto, dai formati di imballaggio che producono e dalle materie prime che utilizzano (imballaggi in plastica o a base di fibre). Le sfide che devono affrontare sono strettamente legate alle tendenze e ai driver del mercato degli imballaggi. A un livello macroscopico ci sono altri tre fattori che stanno attualmente avendo un enorme impatto sui fornitori di materie prime e sui trasformatori di imballaggi in Europa: inflazione vertiginosa, aumenti senza precedenti dei prezzi dell’energia e il continuo impatto della guerra in Ucraina. Un’altra grande sfida che interessa sia gli stampatori che i fornitori di imballaggi è la continua interruzione della catena di approvvigionamento e l’impatto sui prezzi delle materie prime”.

Quali sono le opportunità?

“Le maggiori tendenze nel packaging oggi riguardano la sostenibilità e l’e-commerce, che stanno creando enormi opportunità. La stampa digitale presenta vantaggi quando si tratta di personalizzazione poiché è possibile realizzare progetti di stampa individuali. Ciò può essere ottenuto quando il proprietario del marchio/rivenditore dispone di un database di clienti ben sviluppato (“big data”). Quando si tratta di flexo, i miglioramenti nella qualità del cartone, come i kraftliner bianchi, consentono ai marchi di implementare ciò che viene definito “Packvertising”, ovvero stampare le loro scatole in cartone ondulato con immagini di alta qualità per promuovere il marchio e migliorare l’esperienza del cliente quando apre la scatola”.

In che modo i produttori/stampatori di imballaggi possono prepararsi per il futuro?

“Il mercato sta cambiando radicalmente. Il modo migliore per prepararsi al futuro è essere consapevoli di questi cambiamenti e tendenze, utilizzare queste intuizioni per identificare le nicchie di mercato più redditizie che è possibile servire e quindi utilizzare il meglio della tecnologia, delle persone e dei processi disponibili. Una parte fondamentale di questo è capire/conoscere il tuo cliente e il cliente del tuo cliente.

Coloro che vedono le sfide come opportunità sono quelli che vinceranno a lungo termine, ma per raggiungere il successo i fornitori dovranno investire negli strumenti e nei processi per far sì che ciò accada: la migliore conoscenza del mercato, assumendo pensatori creativi/innovativi, incoraggiando il cross business e la collaborazione di terze parti. Nulla accadrà dall’oggi al domani, ma la pianificazione strategica per i prossimi 2-5 anni è fondamentale per garantire che il modello di business rimanga competitivo a lungo termine”.