Taghleef Industries tra i finalisti di Best Packaging 2021

223

Tra i 27 finalisti in corsa per il titolo di Best Packaging 2021, il concorso organizzato da
Packaging Meeting Srl e promosso da Istituto Italiano Imballaggio, con il patrocinio della
Fondazione Carta Etica del Packaging, Taghleef Industries è stata selezionata con tutti i 4
progetti presentati assieme ai propri partner.

Lo scopo principale della manifestazione è la promozione di soluzioni di packaging e sistemi di imballaggio innovativi o migliorativi rispetto a quanto presente sul mercato e su quello di
riferimento per il settore di utilizzo. Contribuire a fornire soluzioni sostenibili in linea con i
principi dell’Economia Circolare e ridisegnare in maniera innovativa e sostenibile le
soluzioni di packaging tradizionali è quanto Taghleef Industries si prefigge oggi e valorizza
attraverso Dynamic Cycle, il set di iniziative volte ad affrontare le sfide legate alla sostenibilità nella propria industria. Attraverso scelte strategiche, know-how avanzato e la condivisione di competenze e finalità, Taghleef contribuisce alla qualità della vita delle future generazioni.
L’approccio olistico adottato e la capacità di ideare soluzioni innovative ha portato Taghleef
Industries a presentare, assieme a Poplast, una nuova stand-up pouch accoppiando alla carta monopatinata del converter il film alta barriera EXTENDO® XZMX 18μm per migliorare così la conservazione del prodotto, in un’ottica di riduzione dello spreco alimentare e consentire il conferimento della confezione, a fine vita, nella filiera di riciclo della carta, per cui è in corso la valutazione per il conseguimento della certificazione Aticelca.
La stessa attenzione al riciclo è stata posta nello sviluppo del progetto ideato assieme a
Lineapack per il packaging flessibile di tisane o prodotti di erboristeria: la struttura finale è
composta da una carta compostabile certificata FSC® mentre all’interno troviamo il film biobased e compostable in PLA, NATIVIA® NTSS 40μm, per ottenere una soluzione che permetta una duplice possibilità di riciclo. È infatti possibile non solo riciclare il packaging nel tradizionale stream della carta, ma anche conferirlo nella raccolta dell’organico per provvedere al successivo avvio al compostaggio industriale. Con il supporto dello stesso converter, Taghleef Industries ha ridisegnato il tradizionale imballaggio per formaggio morbido in monoporzione, utilizzando il film EXTENDO® rcXTMH – parte della gamma reLIFE™ che include soluzioni in BOPP con granulo derivato da processo di riciclo chimico di plastiche post consumo – per permettere un significativo risparmio di materia prima vergine. La scelta di una struttura a base di polipropilene ha consentito, da una parte, di ridurre il peso del packaging tradizionale e, dall’altra, la possibilità per il nuovo imballo di tornare a nuova vita attraverso il riciclo meccanico nella filiera delle poliolefine. A garanzia della sostenibilità dei processi, a partire dalla gestione delle materie prime, Taghleef Industries è certificata secondo i requisiti dell’International Sustainability and Carbon Certification.
Sulla base della stessa certificazione, in collaborazione con Filmac, tra i finalisti rientra il progetto del nastro adesivo Biotape, realizzato con il film in polipropilene biobased ottenuto dal tallolio, materiale rinnovabile di origine vegetale, film abbinato in questo caso a una soluzione acrilica, a base acqua, priva di solventi rispetto ai tradizionali collanti.
Sostenibili, responsabili, sicuri, equilibrati sono i principi della Carta Etica del Packaging
promossi dall’Istituto Italiano Imballaggio attraverso le proposte ideate da Taghleef Industries, assieme a Poplast, Lineapack e Filmac.