Sappi investe in Italia: cresce la cartiera per le carte sublimatiche

634

Nei prossimi due anni Sappi investirà diversi milioni di euro per espandere il suo “centro di eccellenza” per le carte speciali nel suo stabilimento di Carmignano, nell’Italia settentrionale. Con questo investimento, l’azienda prevede di aumentare la capacità di produzione, per sostenere un’ulteriore crescita nel settore esistente della sublimazione d’inchiostro, in combinazione con un servizio di prima classe e con dei tempi di consegna di prim’ordine.

Picture by Sappi Europe

Già nel 2018, Sappi ha riconosciuto l’importanza della carta sublimatica per la stampa a trasferimento digitale. Ha rilevato il settore della carta speciale di Cham Paper Group, un gruppo svizzero di aziende attive a livello internazionale nel campo della carta speciale con stabilimenti ad alte prestazioni a Carmignano e Condino (Italia). L’apertura del Digital Solutions Centre a Carmignano un anno dopo ha sostenuto il lancio di ulteriori innovazioni di prodotto nel campo della stampa a sublimazione – per esempio Transjet Drive. Ora Sappi si sta impegnando ulteriormente nel sito vicino a Venezia: con un investimento di diversi milioni di euro, il “centro di eccellenza” di Carmignano sarà ulteriormente rafforzato entro la fine del 2023.

Picture by Sappi Europe

“Le nostre carte sublimatiche sono perfette per una varietà di prodotti nei settori della moda, dei tessuti per la casa, dell’abbigliamento sportivo, del soft signage e dei substrati duri. Si comportano eccezionalmente bene con il massimo trasferimento d’inchiostro e il minimo consumo d’inchiostro. Nei prossimi cinque anni, prevediamo un aumento significativo della domanda di queste carte“, dice Luis Mata, Sales Director Packaging & Digital Solutions. “È per questo che ora stiamo espandendo le nostre capacità”. La costruzione inizierà a metà dell’anno. “Con l’espansione del nostro stabilimento di Carmignano, possiamo offrire una soluzione interna completa per le carte sublimatiche, dallo sviluppo alla produzione, dalla conversione alla spedizione. Questo ci permetterà di mantenere i più alti standard qualitativi in tutte le fasi della produzione e di offrire un servizio di classe mondiale ai nostri clienti, con un impatto positivo sulle nostre emissioni di CO2”, dice Pierluigi Masi, direttore della cartiera di Carmignano.
Il completamento dell’espansione è previsto per la fine del 2023.