Da Fedrigoni e Xacus nascerà Renaissance, una carta di pregio creata dai ritagli di cotone in eccesso

452

Renaissance è il titolo della terza opera del progetto “The Art of Becoming” nato in occasione dell’opening di Milano Brera Store, primo store monobrand del marchio e luogo di racconto, grazie al coinvolgimento di artisti emergenti, in un rovesciamento del tradizionale rapporto fra arte e moda: dalla moda ispirata all’arte, ispirata alla moda.

Fedrigoni renaissance

Il messaggio centrale di questa nuova fase del progetto, legato al valore della sostenibilità sia in termini di ricerca di prodotto che come azienda nella sua globalità, nasce da una partnership d’eccellenza, quella con Fedrigoni: allo studio la progettazione di una carta speciale, nella prima metà del 2024, contenente gli sfridi in cotone delle camicie, in una visione in cui i materiali si possano riutilizzare all’interno del ciclo produttivo, generando ulteriore valore.

Questi piccoli ritagli di cotone nobile avanzati dal confezionamento delle camicie Xacus, debitamente lavorati grazie alle tecnologie ormai rodate da Fedrigoni, verranno infatti trasformati per diventare parte integrante nella produzione di una carta di elevatissima qualità strutturale ed estetica, dall’evocativo nome Renaissance.

L’utilizzo di fibre di cotone permette di ridurre del 20% la quantità di cellulosa necessaria per il processo dando vita a un progetto di upcycling in cui il materiale di scarto di un determinato ciclo produttivo diventa nuova materia prima per un prodotto di pregio che anche Xacus riutilizzerà per il packaging e l’immagine coordinata.

Da sempre parte del Manifesto aziendale, il tema della sostenibilità è già parte del percorso aziendale, a livello trasversale sia corporate che di prodotto nello sviluppo di progetti dall’impronta green come la Active Shirt, realizzata con fibre di poliammide derivate dal riutilizzo di reti da pesca recuperate dai fondali marini trattate con processi innovativi atti alla salvaguardia dell’ambiente e delle sue risorse. Il risultato è un tessuto di altissima qualità prodotto a basso impatto.

“Siamo consapevoli, ormai da anni, dell’importanza di essere responsabile del proprio impatto ambientale.” – Dichiara Paolo Xoccato, AD di Xacus – “Xacus lo sta facendo su diversi fronti e abbiamo ricevuto certificazioni a riguardo, sia di carattere ambientale che sociale. Abbiamo iniziato questo processo focalizzandoci, inizialmente, sul prodotto nella ricerca di un’offerta nuova e sostenibile. Ultimo nato è il progetto Renaissance su cui stiamo lavorando con Fedrigoni. Partiamo dal selezionare ed usare gli sfridi derivanti dalla fase di taglio dei tessuti. Grazie all’expertise di Fedrigoni, da questi materiali normalmente considerati scarto, otterremo dei nuovi prodotti, in questo caso carte o cartoncini, che utilizzeremo nel packaging dei nostri capi”.

E proprio dall’uso di carte, della stessa famiglia di Renaissance, nate all’insegna del recupero e della circolarità nasce l’opera di Anaïs Herd-Smith, che si propone come un’espressione astratta della bellezza e della potenza della natura: una creatura in divenire che nasce dal recupero e lentamente cresce, si trasforma, prende forma e si moltiplica.

Plasmata dalle mani della giovane artista parigina, Renaissance trasforma il senso più attuale e profondo della rinascita in un’opera d’arte originale per dare voce a uno dei valori a cui Xacus è più legata: la sostenibilità.

“Questo progetto affonda le sue radici in alcuni valori fondamentali: il know-how di Fedrigoni, la spinta all’innovazione e la volontà di supportare i nostri partner in tale direzione – Afferma Gabriele Comoletti, Trade Marketing Manager, Fedrigoni Paper -. Grazie a questa partnership, infatti, perseguiamo l’ambizioso obiettivo di recuperare scarti tessili destinati allo smaltimento in ottica di upcycling”.

In un continuo gioco di rimandi e corrispondenze fra creazione artistica, sartoriale e naturale, l’opera di Anaïs Herd-Smith è un inno al fascino di quella lentezza che deriva dalla cura, dal rispetto e dall’attesa.

L’opera è stata presentata lo scorso 14 Novembre all’interno di Xacus Brera Store, dove rimarrà esposta per alcune settimane.