Collaborazione Pozzoli – B+B International: implementata l’automazione di magazzino grazie a Packway Logistica

134

Con 2 plant produttivi a Inzago (Milano) e Marano Vicentino (Vicenza), 3 sedi commerciali in Inghilterra, Germania e Francia, 33.000 mq di stabilimenti e 150 dipendenti, Pozzoli S.p.A. è una delle aziende più rilevanti del settore cartotecnico italiano

Lo stabilimento di Pozzoli spa a Inzago (Mi)

Tradizionalmente riconosciuta per la produzione di packaging personalizzato per il mercato dell’home entertainment, che ancora oggi ricopre un ruolo dominante, Pozzoli Spa da oltre 50 anni si distingue in tutta Europa per i suoi prodotti innovativi, dall’effetto wow e per il servizio completo che incorpora valori come creatività, innovazione e qualità.
Nell’ultimo decennio, stimolata da un mercato in continua evoluzione, l’azienda ha vissuto un cambiamento estremamente rilevante sia dal punto di vista del business di riferimento che in quello relativo al suo assetto organizzativo.
La diversificazione dei propri prodotti scaturita da un’attenta analisi di mercato, ha spinto l’azienda a entrare in settori quali la profumeria luxury di alta gamma, il settore wine & spirits e da qualche anno in quello del food.
La sua attenzione verso la sostenibilità ambientale ha negli anni portato l’azienda a dotarsi di un’organizzazione e di un sistema di certificazioni sempre più importanti e articolati tra i quali: ISO 9001:2015, ISO14001, ISO 45001:2018 e ISO 22000 per la certificazione nel settore alimentare. Il processo, in continuo aggiornamento, annovera tra queste anche quelle rivolte al mercato francese: Ecovadis e Smeta e FSC/Pefc per l’utilizzo di carta proveniente solo da foreste certificate.
Pozzoli, già di natura fortemente customer oriented, a fronte degli stimoli che provengono da una clientela estremamente prestigiosa con richieste elevate ai propri fornitori, è molto attenta alla gestione organizzata e informatizzata del proprio business e si avvale di partnership che possano supportarla nel perseguimento del suo obiettivo.
Questa è la spinta che ha portato Pozzoli S.p.A. ad adottare Packway di B+B International 20 anni fa.

A tu per tu con il Dott. EMILIO CATTANEO (CHIEF HR & OPERATIONS OFFICER)
e il Dott. MAURO DRUSIAN (SUPPLY CHAIN MANAGER)
Negli ultimi anni l’azienda ha effettuato rilevanti investimenti in termini di logistica di magazzino. Quali motivazioni hanno spinto questa scelta?
Dott. Cattaneo: “Oltre alla scatola, il cluster, il cofanetto e alla loro presenza estetica e funzionale, le multinazionali dei Brand Owner pretendono un servizio che comprenda la tracciabilità degli articoli, dati precisi, le certificazioni, e in base a chi è in grado di garantire questi standard qualitativi, scelgono il loro fornitore cartotecnico.
Ci siamo resi conto di poter servire una vasta platea di clienti internazionale, puntando su tutto ciò che viene riconosciuto come valore per il cliente, comunemente viene chiamato servizio, ma che ha raggiunto livelli veramente altissimi.

Da sinistra: Davide Dal Col (Direttore Generale B+B International S.r.l.), Emilio Cattaneo (Chief HR & Operations Officer Pozzoli S.p.A.), Mauro Drusian (Supply Chain Manager Pozzoli S.p.A.) e Marco Tocchetti (Sales Executive B+B International S.r.l.)

Attraverso la costruzione di un magazzino altamente automatizzato da 2.720 posti pallet, 34 tunnel per 20 pallet profondi a 4 livelli, che ha portato la capacità di stoccaggio a 7.600 mq., elementi quali time to market, on time delivery, tracciabilità delle materie prime, semilavorati e dei prodotti finiti sono diventati i fattori standard di riferimento che aumentano il valore aggiunto del servizio che Pozzoli offre ai propri clienti. Questo investimento ha però portato al contempo una grandissima necessità di poter gestire tutti questi processi a livello informatico e di monitorare in tempo reale tutti i materiali, i semilavorati e i prodotti finiti in ogni spostamento sia interno che esterno all’azienda”.

In quale modo Packway Logistica ha contribuito?
Dott. Cattaneo: “L’esigenza era quella di avere un software gestionale unico e completo, capace di gestire tutti i processi aziendali e con l’inserimento del modulo Packway Logistica siamo riusciti a raggiungere un risultato eccezionale, consentendoci sempre di identificare la posizione del materiale, non perdendo mai un bancale e consegnando nei tempi prestabiliti. Ora riusciamo agevolmente a rispondere alle richieste dei clienti che ci richiedono consegne frammentate in tempi lunghi e unire vari ordini in base alle esigenze di consegna, così come gestire i prodotti finiti che i clienti stessi ci consegnano per il confezionamento: un sistema di rendicontazione estremamente complesso che grazie a questo modulo riusciamo a rendere automatico.
Questo inevitabilmente si traduce in un miglioramento nella relazione con la clientela, in un processo di fidelizzazione che fa pendere l’ago della bilancia in fase di negoziazione, riuscendo a soddisfare anche chi persegue protocolli rigidi e standardizzati come i clienti esteri”.
Dott. Drusian: “Il modulo Packway Logistica si occupa principalmente di rendere ogni elemento del magazzino tracciabile, non solo delle materie prime e dei prodotti finiti, ma anche dei semilavorati.
Nella gestione delle varie aree di business e nello sviluppo del processo produttivo creiamo molti semilavorati che possiamo tracciare, gestire e stoccare oltre che individuare quando passano da una macchina all’altra.
Questa preziosa possibilità che questo modulo ci garantisce, ci permette di poter erogare un servizio ancora più dettagliato al cliente, dimostrando agli auditor la tracciabilità e il controllo di tutto il processo logistico produttivo.
La possibilità di poter definire tutto il percorso dell’unità di movimento (entrata, passaggio tra i vari macchinari, centri di lavoro manuali e uscita) consente di adempiere a tutti gli obblighi che le norme per le certificazioni richiedono.
Possiamo calcolare gli indici di magazzino e quelli di rotazione in tempi estremamente rapidi, comprendere nel giusto timing le informazioni necessarie affinché i mezzi finanziari investiti nelle merci vengano valorizzati; questa è un’informazione di estremo valore per noi”.

Quali sono state le motivazioni che vi hanno portato a introdurre Packway di B+B International 20 anni fa?
Dott. Cattaneo: “Prima di tutto la completezza nel riuscire a gestire tutti i nostri prodotti, talvolta anche molto complessi, composti da varie materie prime e processi produttivi differenti, grazie alla scheda tecnica grafica di Packway, ma anche nel poter gestire veramente tutti i processi aziendali con un unico software, dal CRM alle spedizioni, passando per la produzione, la rilevazione dei dati dai nostri 42 bordi macchina, fino alla logistica integrata. Specializzazione in quanto Packway è sviluppato per le aziende che producono packaging, questo è un aspetto essenziale del software ma anche delle persone, dei consulenti di B+B che parlano il linguaggio cartotecnico, ci affiancano nelle fasi implementative e formative.
Uno dei valori aziendali è basato sul servizio di alto livello offerto alla clientela per prodotti di alta qualità. Garantire uno standard simile, equivale a dover gestire in modo puntuale ogni attività dell’azienda, traducendola in dati controllabili. Avvalersi di partner che sostengono questa nostra modalità operativa sia dal punto di vista organizzativo/commerciale che informatico con dei sistemi integrati, è ciò che consente al nostro business e alla nostra organizzazione di essere efficienti, riducendo al minimo gli sprechi. Questa è stata la motivazione che ci ha portati a stringere una partnership sempre più stretta con un interlocutore come B+B International nel lontano 2001.
Mi sentirei di esprimere che la stessa B+B sia cresciuta insieme a noi 20 anni fa. Siamo partiti sviluppando il reparto dell’assistenza clienti, migliorando le comunicazioni tra ufficio commerciale e ufficio tecnico e progressivamente abbiamo sostituito tutti quei software che gestivano in maniera settoriale determinati ambiti, con un approccio organico che in maniera trasversale occupasse e riguardasse tutti i settori dell’azienda.
Pozzoli è cresciuta molto negli anni a livello organizzativo e ha dovuto accompagnare questa crescita con un sistema informatico integrato. Abbiamo compreso quanto fosse indispensabile nel processo di efficientamento dell’azienda, integrare in maniera sicura e affidabile i propri sistemi informatici per avere informazioni
attendibili, disponibili e facilmente utilizzabili per la propria business intelligence”.
Dott. Drusian: “Prima dell’inserimento di Packway avevamo diversi software non integrati fra loro per gestire i vari ambiti aziendali, preventivazione, produzione, contabilità, etc.. Ci eravamo resi conto però, data la complessità organizzativa e di produzione che ci contraddistingue, quanto fosse necessario dotarsi di un sistema completo che potesse far dialogare tutta l’azienda non perdendo più nemmeno un dato.
Questa esigenza ci spinse in prima battuta ad adottare un software orizzontale di standing internazionale di una nota software house multinazionale, cercando di personalizzarlo per le nostre esigenze, ma fu un progetto di brevissima durata, perché non conforme alle nostre esigenze. La difficoltà che avevamo riscontrato in quell’esperienza era di trovare un partner che conoscesse profondamente le complessità di un’azienda cartotecnica e che ci potesse servire con un software specifico che fosse in grado di assistere la nostra struttura, calzata sulle esigenze cartotecniche, ma declinata su diverse visioni che ogni settore di business imponeva. Avevamo bisogno di un software rigido ma al tempo stesso anche flessibile, modellabile sulle nostre modalità operative. Quando dopo un’attenta e approfondita analisi, capimmo che la scheda tecnica di Packway ci permetteva di gestire davvero tutte le nostre variabili e complessità di prodotto, scegliemmo di intraprendere questo percorso con B+B International, e ancora oggi possiamo dire di essere soddisfatti della continuità di sviluppo, aggiornamento del software e in generale del servizio offerto”.

Quali reparti e aree funzionali attualmente vengono gestite con Packway?
Dott. Cattaneo: “Packway è in grado di darci le risposte di cui abbiamo bisogno e che ci servono per la relazione con i nostri clienti. Supporta le attività di definizione del prezzo e la politica di preventivazione organizzata e sistematica facilitando la comunicazione con l’area commerciale, permettendo che tutte queste informazioni arrivino in produzione con il lancio della commessa. Questo consente di creare un flusso continuo e ininterrotto di informazioni a tutta la catena di costruzione del valore per il nostro cliente.
Attualmente gestiamo con Packway CRM l’ufficio commerciale e ufficio tecnico grazie alla digitalizzazione di tutte le informazioni necessarie, la pianificazione delle loro attività. Questo ci consente di avere una fotografia immediata del carico di lavoro dei nostri tecnici, di renderli partecipi e consapevoli delle attività da effettuare per una certa data quindi di definire tempi e priorità.
In un business complesso come il nostro, la vera sfida che affrontiamo è che ogni prodotto che realizziamo nei diversi settori segua logiche produttive e di supply chain diverse. Quello che per noi è importante e che pretendiamo dal nostro partner informatico è che ci sia lo stesso livello di conoscenza e di gestione del dato per ogni prodotto che realizziamo e per ogni commessa che lanciamo.
In Pozzoli produciamo un numero molto elevato di Preventivi, la loro elaborazione deve avvenire in modo fortemente strutturato e altrettanto veloce. La scheda tecnica grafica è il motore di Packway perché semplifica la visualizzazione di flussi complessi come sono quelli dei nostri prodotti.
Il preventivo, l’ordine, la commessa, la produzione e la logistica sono tutti figli della scheda tecnica. La completezza e la forza di Packway è insita nella sua capacità di gestire articoli con più materie prime e con cicli di trasformazione anche molto diversi l’uno dall’altra, includendo l’utilizzo di lavorazioni interne, esterne e semilavorati che devono confluire in un singolo prodotto.
Abbiamo dotato la produzione di terminali a bordo macchina che restituiscono istantaneamente gli andamenti della commessa rispetto agli standard individuati in fase di preventivazione. Questo da un lato ci dà il polso di come si stia svolgendo la produzione e dall’altro di come sta andando tutta l’azienda. È proprio sulla base di queste informazioni che riusciamo a elaborare delle politiche di prezzo sempre più efficienti e puntuali, efficientando i nostri processi produttivi.
In questo modo i sistemi informatici ci accompagnano in tutto il processo produttivo: noi oggi abbiamo indicazione sistematica e istantanea di quelli che sono gli andamenti produttivi di ogni macchina, importante per il processo di consuntivazione, e di raccolta dei dati dell’area produttiva oltre che del reale andamento dell’azienda.
Consuntivare in maniera rapida ogni commessa è per noi fondamentale per comprendere se le decisioni che prendiamo quotidianamente sono sostenute da delle basi solide, questo è quello che ci consente lo strumento informatico Packway ed è alla base del nostro controllo di gestione.