Cograf aumenta produttività e affidabilità con la BOBST VISION M1

272

Cograf - Macchina BobstCograf nasce dedicandosi alla stampa di etichette destinate a piccole aziende locali, ed ha poi investito per servire più clienti attraverso i mercati di vino e liquori, del food, del pet food e delle etichette neutre, racchiudendo tutti i processi di stampa in azienda. Nonostante conti solo 35 dipendenti, nel 2022 ha prodotto 9 milioni di metri quadrati di etichette e registrato un fatturato superiore a 8 milioni di euro. Orgogliosa della profonda esperienza tecnica, Cograf fa parte della Rete di Imprese 4.6, assieme a quattro dei più importanti etichettifici italiani.

Cograf ha di recente investito nella sua prima macchina da stampa flessografica BOBST VISION M1 per rinnovare il proprio parco macchine ed espandere le proprie capacità, portando il totale delle sue macchine rotative a quattro.

Roberto Cotterchio, proprietario di Cograf.
Roberto Cotterchio, proprietario di Cograf

“La decisione è stata molto semplice. BOBST è da tempo all’avanguardia nel settore della stampa e dell’imballaggio e conosco da anni le potenzialità della VISION M1. Per il nostro reparto di produzione, offre tutto ciò di cui abbiamo bisogno per stare al passo con la concorrenza: semplicità, versatilità, economia e compattezza” spiega Roberto Cotterchio, proprietario di Cograf.

“È un fantastico pezzo di ingegneria e si adatta facilmente a un flusso di lavoro Industry 4.0 più connesso. In definitiva, aumenta le nostre capacità e ci aiuta ad ottenere di più per i nostri clienti, rappresentando un’aggiunta estremamente preziosa alla nostra flotta” conclude.

“la VISION M1 ha un fantastico controllo del registro, può arrivare ad alte velocità con laminazione e lamina a freddo, aumentando fisicamente il nostro volume di uscita senza sacrificare precisione o qualità. Fin dalla prima tiratura, il vantaggio è stato chiaro e non potremmo essere più felici del risultato” dichiara Riccardo Giordana, Production Manager di Cograf

etichette La VISION M1 è una macchina flexo progettata per etichette con banda fino a 420 mm e offre un eccellente TCO (costo totale di proprietà) per la produzione di etichette su quasi tutti i substrati. 

Secondo Nadia Ounnadi, coordinatrice della produzione di Cograf, “la presenza della M1 ci ha permesso di normalizzare e standardizzare la produzione, affidando alla macchina lunghe tirature in quadricromia e ottimizzando il flusso produttivo. Siamo davvero soddisfatti e stupiti dalla sua facilità d’uso. Abbiamo anche registrato una diminuzione degli scarti grazie al passaggio carta ridotto, e in seguito alla sostituzione della macchina precedente, abbiamo aumentato la produzione del 50%”. 

La VISION M1 offre una serie di vantaggi per le aziende che operano nella stampa a fascia stretta che vogliono ottenere etichette ripetibili e di alta qualità, ma anche efficienza operativa e flessibilità. Oltre a stampare e fustellare in un unico passaggio, la VISION M1 è dotata di una gamma di accessori unici e rapidamente spostabili sul binario, rimanendo sempre compatta e flessibile. 

operatori cograf con macchina “Cograf si sta evolvendo insieme al mercato e la connettività si rivelerà fondamentale. La tecnologia a cui possiamo accedere su VISION M1 aiuta i nostri operatori a ottenere di più nello stesso tempo e, poiché le sfide della forza lavoro continuano, questo è un enorme vantaggio per noi. Siamo un’azienda che investe con orgoglio nelle aziende di stampa di domani e, con la tecnologia all’avanguardia a portata di mano, quest’obiettivo è ancora più semplice da raggiungere. Inoltre viste le nuove richieste in arrivo, stiamo pensando di valutare una macchina ibrida, e sicuramente visiteremo il Competence Center di BOBST a Firenze per toccare con mano la DIGITAL MASTER 340 o 510″” conclude Roberto Cotterchio.

La serie DIGITAL MASTER ha suscitato la sua attenzione non solo per la sua compattezza, che permette di passare da un lavoro all’altro cambiando configurazione velocemente, ma anche perché la macchina è 100% BOBST sia nella parte digitale che flexo.