Un appello e richiesta di aiuto dall’industria grafica Ucraina

1219

Ecco la lettera appello letta da Jacek Kusmierczyk, presidente dell’Associazione dei poligrafici della Polonia, ai giornalisti presenti alla conferenza “Shaping the Future” dello scorso 9 e 10 marzo a Bruxelles, per parlare della catastrofica situazione in Ucraina.

“Stampatori ed editori d’Europa, crediamo di poterci rivolgere a voi con le parole “Cari amici”!

La nostra patria è stata attaccata dalla Federazione Russa, migliaia dei nostri eroici difensori e civili sono stati uccisi, le donne sono state violentate, centinaia di bambini ucraini sono stati rapiti in Russia per la russificazione. L’aggressore distrugge deliberatamente ospedali, scuole, edifici residenziali, strade, ponti, centrali elettriche e fabbriche per assoggettare il nostro popolo alla tirannia. Secondo il piano criminale di Putin, l’Ucraina deve cessare la sua esistenza come stato indipendente.

I piani crudeli del dittatore non porteranno ai risultati sperati. Difendiamo noi stessi e i valori democratici, difendiamo l’integrità dell’Europa e combatteremo fino a quando l’ultimo soldato dell’Armata Rossa lascerà la nostra terra, vivo o morto. Gli sforzi sono enormi, insopportabili anche per una nazione eroica! Pertanto, vi chiediamo aiuto.

Noi, accademici e studenti dell’Accademia ucraina di stampa di Lviv, la più grande università per l’editoria e la stampa dell’Europa centrale, tipografi ed editori ucraini, dipendenti e datori di lavoro per conto della nazione, tra cui 25.000 persone impegnate nell’industria della stampa e dell’editoria, noi ci rivolgiamo a voi, Fratelli e Sorelle, per qualsiasi sostegno possiate offrirci. Ne avevamo bisogno ieri, ne abbiamo bisogno oggi e ne avremo bisogno domani, perché la guerra non finirà in un attimo. Molte persone innocenti saranno uccise e ferite, le nostre aziende non saranno in grado di produrre libri o imballaggi e gli studenti dovranno studiare nei rifugi. Abbiamo bisogno del vostro aiuto con medicine, bende, veicoli che portino i feriti dal fronte agli ospedali e i morti alle loro famiglie, perché possano seppellirli con il sostegno delle famiglie che stanno perdendo fratelli e genitori. Questi bisogni sono enormi ed è impossibile elencarli tutti. Letteralmente ogni centesimo è vitale e ogni piccolo aiuto può salvare una vita umana.

E quando le armi si tacceranno, speriamo che tu sia disposto a prendere parte al più grande progetto di ricostruzione dalla Seconda guerra mondiale, la ricostruzione della nostra patria, l’Ucraina europea. Ricordiamo che i nostri uomini, che sacrificano ogni giorno la propria vita al fronte, non potranno più stare davanti alle macchine, i feriti in battaglia non potranno adempiere ai loro doveri professionali e coloro il cui stato psicologico non è in grado di sopportare le atrocità della prigionia non gestiranno più le aziende. Noi, insieme a voi, dovremo insegnare ai bambini e ai giovani, ricostruire le fabbriche dalle rovine e creare una base di fiducia e sicurezza distrutta dalle bombe russe. Tenete i vostri cuori aperti così possiamo sopravvivere, per favore.

Non potendo stare davanti a voi realmente, ringraziamo il signor Jacek Kusmierczyk, presidente dell’Associazione dei poligrafici della Polonia, che ha visitato molte volte l’Ucraina dall’inizio dell’attacco e ci sta aiutando a diffondere questa lettera.

Ascoltate il nostro appello con attenzione e comprensione, per favore.

Gloria all’Ucraina, gloria all’Europa democratica

Firmato da

Rector of the Ukrainian Academy of PrintingBohdan Durniak

Head of the student self-government body of the Ukrainian Academy of Printing – Anastasiia Melnykova

Chair of the publishers and book distributors association of Ukraine – Olexandr Afonin