Reboot, l’appuntamento live settimanale di Lombardi Converting Machinery

1029

 

Nicola Lombardi, marketing manager Lombardi Converting Machinery

“Buongiorno a tutti e benvenuti in Lombardi Converting Machinery, iniziamo oggi un nuovo esperimento in live-streaming dalla nostra azienda per ricollegarci tutti insieme, eliminando le distanze per mostrarvi delle demo live sulle nostre tecnologie presenti in azienda”, esordiva così lo scorso giovedì 7 maggio Nicola Lombardi, marketing manager dell’azienda di famiglia che ha la sede a Brescia, in una delle zone più colpite dal Covid-19.

L’appuntamento è diventato un evento settimanale fisso, programmato per tutti i giovedì di maggio a partire dalle ore 14, con un palinsesto che ha visto l’approfondimento di tutte le tecnologie e i moduli di Lombardi, che proprio a causa dell’emergenza corona virus, si è ritrovata lo showroom con diverse macchine da poter mostrare.

“Ho capito che dovevo inventarmi qualcosa quando ho iniziato a percepire da tutti i nostri agenti nel mondo una reale preoccupazione per ciò che stava accadendo nella nostra zona”, dice Nicola Lombardi, “i nostri rappresentanti mi chiamavano preoccupati per via delle notizie diffuse dai telegiornali in tutto il mondo, temendo per la nostra salute e anche per le problematiche lavorative”.
L’ufficio marketing che solitamente, in una normale attività quotidiana segue a ruota l’ufficio tecnico, si è ritrovato invece a prendere per mano l’azienda, diventando il punto di riferimento per i collaboratori interni e per quelli esterni collegati da casa. Di fatto Lombardi non si è mai fermata, e messe in atto tutte le procedure di sicurezza, Nicola Lombardi, non nuovo a una gestione frizzante degli aspetti comunicativi, si è concentrato su questo nuovo progetto live che numeri alla mano ha avuto un successo enorme, e che verrà mantenuto anche in futuro come strumento da poter utilizzare. Ogni lunedì, insieme al service viene deciso il programma della dimostrazione che verrà trasmesso il giovedì.

“La quarantena ha aguzzato l’ingegno e mi ha dato la possibilità di studiare il software che ho utilizzato per il live-streaming, del quale sono conduttore e regista, perché l’idea era proprio quella di trasmettere una demo live dove trasparisse l’artigianalità dell’operazione, e credo che questo aspetto sia stato molto apprezzato dai nostri spettatori. Non volevo un prodotto “patinato”, costruito come può essere un bel video aziendale ed esserci mostrati senza veli, correndo anche dei rischi, ha avuto il suo appeal. Aver aperto le porte della nostra azienda al mondo ha permesso di avere incollati al video centinaia di operatori del nostro settore, aziende competitor, giornalisti, come se fossimo in una demo in fiera. Questa iniziativa ha rivitalizzato  i nostri collaboratori, che hanno creduto e si sono spesi per questo nuovo progetto”, aggiunge Nicola orgoglioso della sua iniziativa.

Da un punto di vista tecnico, sono state effettuate dimostrazioni di velocità e cambi lavoro sulla Synchroline 430, confronti fra stampa a caldo e a freddo con il modulo Toro, il tutto in una modalità informale, vera, reale, che è forse l’aspetto più positivo che questa emergenza ha messo in risalto. La gente oggi ha voglia di ripartire, e aver perso per un certo periodo la nostra libertà ci ha fatto capire l’importanza e il valore del tempo, delle cose belle, ma soprattutto delle cose essenziali, e parlando di una azienda che costruisce macchine, cosa c’è di più vero ed essenziale se non di mostrarsi in maniche di camicia, all’interno del proprio stabilimento per far vedere le tecnologie in funzione?
“Penso che continueremo a sfruttare le dirette anche in futuro, sia quando torneremo a organizzare open-house fisici qui da noi in azienda, con dirette aperte a tutto il mondo ma anche negli stand fieristici, che saranno collegato con lo stabilimento di Brescia dove potremo mostrare più macchine contemporaneamente. Questo ci consentirà senz’altro di poter aumentare la nostra visibilità, contenendo i costi, gli spostamenti, e raggiungendo ugualmente il nostro obiettivo”.

Reboot di Lombardi è senz’altro un bell’esempio di come con un pizzico di inventiva, istinto e creatività, un’azienda è riuscita a reagire a un momento di difficoltà, proponendo un momento di aggregazione del mercato attorno alle proprie tecnologie, con un format tutto nuovo, capace di rispondere alle attuali esigenze del mercato.