Premio PPI per Progroup

855

Il produttore di carte riciclate e formati in cartone ondulato ha ottenuto il tanto ambito premio di categoria per la “Sustainability Leadership Award 2023“ del settore cartario. Con questo riconoscimento si fanno degni di nota i siti hightech di Progroup, che ha edificato l’azienda sulla base del principio di un’economia circolare chiusa e del cosiddetto principio a “rifiuti zero”. 

I Pulp & Paper International Awards (PPI Awards), offerti dal servizio di informazione “Fastmarkets Forest Products”, sono stati assegnati per la 14ª volta. Questa volta la Fastmarkets ha invitato per l’occasione alla cena di gala presso il Prager Marriott Hotel. Con questo premio il servizio informazioni dell’azienda vuole lodare le aziende, le fabbriche e le singole persone nel settore della cellulosa e della carta, che se lo sono guadagnato grazie a delle performance particolari. Ogni anno vengono premiate delle qualità di dirigenza straordinarie, le visioni, le innovazioni attuate e i guadagni strategici. Per questo l’importante premio per la sostenibilità è andato a Progroup. L’azienda si è affermata in un forte campo internazionale contro numerosi grandi concorrenti. 

“Perseguiamo da sempre una coerente strategia all’insegna della sostenibilità. Ci lavoriamo in maniera permanente in tutti i nostri siti in modo da produrre in modo più efficiente ed ecosostenibile. Perché come azienda a conduzione familiare siamo rivolti alle generazioni future, ci vediamo impegnati nei confronti delle generazioni future ed è questa comprensione che ci spinge avanti”, afferma Maximilian Heindl, CEO di Progroup. 

Emblema dell’economia circolare chiusa

Come poi il tutto è messo in pratica lo si dimostra ad esempio nella città tedesca di Eisenhüttenstadt. È qui che Progroup produce, esclusivamente sulla base di carta da macero, delle carte particolarmente leggere ma comunque forti in termini di performance. Grazie alle macchine innovative a livello tecnologico, la produzione di queste carte è estremamente economica e rispettosa dell’ambiente. L’energia pulita per la produzione viene fornita dal vicino termovalorizzatore aziendale. Questo utilizza i cosiddetti scarti a livello termico, e quindi i residui provenienti dalla produzione della carta e dall’industria, approvvigionando con vapore surriscaldato l’intera cartiera. Inoltre la centrale produce corrente riducendo significativamente l’impiego da parte di Progroup dei combustibili fossili. 

Dalle carte sostenibili l’azienda produce poi in uno dei suoi dodici stabilimenti dei formati in cartone ondulato, in modo estremamente efficiente e improntato al risparmio delle risorse, come ad esempio nella città polacca di Stryków. Qui all’inizio dell’anno è stato messo in esercizio lo stabilimento per la produzione di formati in cartone ondulato PW14. Grazie a processi perfettamente ottimizzati e a un elevato grado di connessione in rete, questo stabilimento stabilisce ancora una volta le tendenze nel confronto del settore per quanto riguarda la produttività e la sostenibilità

Dopo il loro impiego le carte e il cartone ondulato si riciclano ritornando così nel ciclo dei materiali. “In questo modo riusciamo in un perfetto concetto rifiuti zero, che continuiamo a costruire giorno dopo giorno”, afferma Peter Resvanis, direttore centro di competenza progetti di sviluppo Paper, che ha ricevuto il premio per conto di Progroup. “Questo riconoscimento è per noi qualcosa di molto particolare, in quanto è la conferma del nostro lavoro e riconosce la nostra esigenza di proseguire in materia di sostenibilità”.