La Federazione Carta e Grafica spinge per un’approvazione del testo finale del PPWR

196

La Federazione Carta e Grafica (Assocarta, Assografici, Acimga) e Comieco auspicano l’approvazione del testo finale del PPWR da parte del Parlamento e Parlamentari italiani nella plenaria UE del prossimo 24 aprile.

Come Federazione Carta e Grafica abbiamo accolto con favore l’accordo politico sul Regolamento sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio (PPWR) raggiunto tra il Consiglio dell’UE e il Parlamento europeo, nonché la sua adozione da parte del Coreper I e della Commissione Ambiente del Parlamento, in piena sintonia con la posizione espressa da Fibre Packaging Europe (FPE)*” afferma Michele Bianchi Presidente di Federazione Carta e Grafica.

Michele-bianchi-Reno-De-MediciAl Parlamento e al Consiglio” sottolinea Bianchi “va tutto il nostro apprezzamento per l’impegno profuso per il raggiungimento di questo accordo storico che costituirà il quadro necessario all’industria per innovare e investireAl Parlamento, in particolare, riconosciamo di aver svolto un ruolo fondamentale nell’aver individuato principi e norme che hanno costituito il riferimento essenziale per l’accordo finale. Ai Parlamentari italiani va dato il merito di aver ben rappresentato il sistema italiano dell’economia circolare e del riciclo che, per gli imballaggi cellulosici, ha già raggiunto e superato i target di riciclo dell’85% previsto al 2030 e prossimo all’obiettivo volontario del 90% che il settore si è dato attraverso l’alleanza 4evergreen”.

In questo modo all’industria comunitaria saranno garantite certezza e prevedibilità del quadro normativo. Queste sono le condizioni essenziali per la transizione del nostro continente verso un’economia ancora più circolare tramite la programmazione di ulteriori investimenti da parte dell’industria e l’accelerazione dell’innovazione per lo sviluppo di soluzioni sempre più mirate ed efficaci”, conclude il Presidente Bianchi.

* Fibre Packaging Europe (FPE): una coalizione che comprende le sette associazioni di categoria (Cepi, Ecma, Eppa, Fefco, Pro Carton, Eurokraft, Ace) che in Europa rappresentano l’intera catena del valore degli imballaggi in carta e a cui la filiera italiana della carta, della trasformazione e del riciclo aderisce nelle diverse articolazioni.