Uteco: focus sulle tecnologie eco sostenibili

0
330

“ONYX XS EcoOne” protagonista dell’Open House dello scorso 6 luglio, presso il Converdrome di Uteco Converting, in collaborazione con Ebeam/Comet, SunChemical; svelati in anteprima inoltre alcuni dettagli relativi a GAIA, la nuova macchina inkjet digitale

 

Lo scorso 6 luglio presso il ConverDrome, centro di ricerca e sviluppo tecnologico di Uteco Converting, si è svolta l’Open House che ha avuto come oggetto “lo stato dell’arte attuale della tecnologia EB”. Al centro dell’attenzione è stata posta la “ONYX XS EcoOne” (presentata in anteprima in Drupa 2016, con risultati sorprendenti), oltre ad alcune importanti anticipazioni relative al nuovissimo progetto Inkjet “Gaia”, che è stato svelato al grande pubblico durante l’ultima edizione di Labelexpo Europe.
Ottima la risposta in termini di partecipazione da parte dei clienti, circa un centinaio di persone che hanno seguito con estremo interesse gli interventi di Elsa Callini, Business Development Manager “ebeam Technologies”, David French, Manager Key Accounts per “Sun Chemical” e Nemanja Mikać CEO di “Al Pack d.o.o.”, Serbia, con la sua testimonianza di utilizzatore di tecnologia EB per la stampa flexo.
Oltre alle caratteristiche tecniche della macchina Uteco, Onyx XS EcoOne, che, con le soluzioni brevettate (su tutte Direct Drive Evo, Kiss&Go, Thermilox e Thermowash) riesce a garantire prestazioni elevate e stabili, Sun Chemical ha introdotto lo stato attuale degli inchiostri EB con tecnologia “Wet on Wet” grazie alla quale si ottiene uno stampato più definito nei punti minimi e nei tratti fini e anche un migliore contrasto nei colori.
Ebeam Technologies ha descritto il principio di funzionamento dell’Electron Beam, ossia nell’ “irraggiamento” dello strato di inchiostro, depositato sul substrato, con un fascio di elettroni che innescano la reticolazione, ossia la polimerizzazione.
L’assenza di foto iniziatori, una completa polimerizzazione di vernici e inchiostri e una migliore adesione superficiale unite a un basso consumo energetico sono le principali caratteristiche che fanno apprezzare la tecnologia Eb agli operatori della filiera.
Un prodotto finale a elevato valore aggiunto con una qualità costante e ripetibile nel tempo.
Elsa Callini della società Ebeam, che collabora con Uteco in qualità di fornitore delle proprie soluzioni di essicazione Electron Beam, ha ricordato i numerosi vantaggi che questa tecnologia può apportare ai diversi attori della filiera della stampa e dell’imballaggio, a partire dai brand owner che possono contare su un prezioso alleato per immettere sul mercato soluzioni di packaging eco-sostenibili, a basso impatto energetico e ambientale sulle quali è possibile fregiarsi del marchio EU Ecolabel. Anche dal punto di vista dei designer vi sono degli importanti benefici sull’impiego della tecnologia EB, in quanto vi è una maggiore fedeltà fra la visione del lavoro sul computer e la resa cromatica in stampa, con un prodotto stampato più lucido e resistente. La stampa Eb inoltre consente la produzione di un packaging più sicuro anche per tirature ridotte e print on demand. Fra i partner citati da Elsa Callini anche Tetra Pak e Sealed Air, oltre a Uteco che ha applicato questa tecnologia sulle macchine da stampa flexo, nello specifico la Onyx XS EcoOne e anche nella nuova tecnologia a stampa inkjet.
Ulteriore interesse ha destato l’intervento del Sig. Nemanja Mikać CEO di Al Pack Group, oltre 20.000 metri2 di superficie suddivisi in 4 siti produttivi, due dei quali in Serbia, uno in Russia e uno in Germania e clienti in 25 paesi nel mondo, da anni utilizzatore di tecnologia EB che, dopo una dettagliata analisi di mercato e tecnica, ha scelto Uteco, come partner per la prossima macchina da stampa con tecnologia EB, una Onyx XS EcoOne mod. 60. Al Pack Group che ha in organico circa 300 collaboratori, trasforma oltre 40 milioni di metri 2 all’anno di film e foil e una vasta gamma di prodotti: coperchi in alluminio, contenitori, etichette per i mercati del food, nello specifico il lattiero-caseario, industria della carne, pasticceria, pet-food, ma anche con clienti nell’industria farmaceutica e cosmetica.
Il Sig. Mikać ha raccontato l’esperienza del suo gruppo con la tecnologia Eb utilizzata sin dagli albori, definendo i suoi stampatori come dei supereroi. La tecnologia nel corso degli anni è stata notevolmente migliorata e le prestazioni incrementate così come gli innegabili vantaggi e quello che sembrava un sogno è ora realtà. L’installazione di Uteco con tecnologia dell’azienda ebeam e inchiostri Sun Chemical è operativa dal dicembre del 2016 e oggi gli stampatori possono dedicare le proprie attenzioni agli aspetti qualitativi della produzione.

 

 

 

 

L’esperienza di Uteco nel mondo EB
Davide Cucinella, Chief Marketing Officer di Uteco Group ha ripercorso le tappe del costruttore veronese nel mondo Electron Beam, con la presentazione a drupa 2008 della prima generazione di macchine Uteco EB. In principio la tecnologia fu sviluppata su una Emerald 825, cui fece seguito la seconda generazione nel 2015 con l’installazione del sistema sulla linea Onyx 810 con stampa su film traspirante a 400 metri al minuto di velocità. Nel 2016 ecco la terza generazione con le prove presso il ConverDrome sulla Onyx 812 utilizzata proprio per sviluppare e testare questa tecnologia.

 

 

 

 

Le demo di stampa e l’anteprima della nuova tecnologia inkjet di Uteco
A seguire, gli ospiti hanno potuto “toccare con mano” le potenzialità della tecnologia con una demo che ha messo in risalto le qualità sia di performance, che di stampa. La macchina ha stampato su materiale flessibile una quadricromia più vernice opaca utilizzando inchiostri Wetflex Sun Chemical perfettamente compatibili con l’asciugatura EB, ottenendo risultati eccellenti.
L’evento è proseguito poi con la presentazione del nuovo progetto Inkjet, che è stato poi svelato in anteprima a LabelExpo 2017: Gaia, stampante digitale a getto di inchiostro modulare, flessibile e facile da utilizzare, ideata per la stampa su supporti flessibili (film plastici, carta, alluminio, non woven, tissue), e adatta all’utilizzo di tecnologie EB, UVLED. Gaia è perfetta per affrontare in sicurezza il mercato dell’imballaggio alimentare, garantendo un bassissimo impatto ambientale. Grazie alla collaborazione con EB Technologies inoltre, Gaia integra l’innovativa lampada Ebeam Compact nel suo processo, permettendo la polimerizzazione completa degli inchiostri.
Alla LabelExpo è stato presentato il modello entry level con una velocità di stampa fino a 25 m/min, con una risoluzione fino a 720 x 360 dpi, e la possibilità di personalizzare al massimo il processo di stampa, anche inserendo in linea elementi tradizionali come quelli flessografici.