Tariffazione puntuale per far crescere la differenziata di carta e cartone

0
944
Carlo Montalbetti, Comieco

Obiettivo, aumentare il recupero e dare nuovo valore ai rifiuti. La tariffa puntuale nasce, ispirandosi al principio europeo “chi inquina paga”, con finalità di equità e controllo e si rivela anche uno strumento di spinta verso il raggiungimento degli obiettivi di economia circolare. Ma, in particolare, come incide sulla raccolta differenziata di carta e cartone?

Dallo studio emerge che nei Comuni che hanno adottato, insieme a sistemi di raccolta avanzati, la tariffazione puntuale come nuova modalità di rapporto con gli utenti si è registrato un aumento della quantità di carta e cartone raccolta (da pochi punti percentuali fino al 100%), un incremento della raccolta differenziata complessiva e una riduzione significativa dei rifiuti a smaltimento. La tariffa puntuale si rivela inoltre un efficace strumento di comunicazione per le amministrazioni: raccogliere di più e meglio e allo stesso tempo ridurre la quantità di indifferenziato si può tradurre in benefici non solo ambientali ma anche economici, con riduzione della Tari per famiglie e utenze più virtuose. Una particolare attenzione deve però essere riservata alla qualità della raccolta differenziata con strumenti da attivare in fase di raccolta e controlli puntuali.

Con la riattivazione di numerose convenzioni con i Comuni, nel corso del 2019 Comieco si farà carico di gestire oltre 500 mila tonnellate di carta in più rispetto all’anno precedente e l’apertura di tre nuove cartiere sul territorio italiano, con una capacità di riciclo di oltre 1 milione di tonnellate, permetterà di gestire l’aumentata offerta di macero.

 

 

L’impegno quotidiano dei cittadini rimane fondamentale, e per sensibilizzare sull’importanza di una corretta raccolta differenziata di carta e cartone Comieco ha trasformato marzo nel Mese del Riciclo di Carta e Cartone: una serie di iniziative, sparse sull’intero territorio nazionale, rivolte a cittadini, scuole, media, istituzioni, associazioni e aziende. La campagna, in collaborazione con Federazione della carta e della grafica, Assocarta, Assografici e Unirima, gode del patrocinio di Anci, di Progetto Economia Circolare di Confindustria, del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.