La tecnologia OMET apprezzata sul mercato cinese

0
383

L’azienda cinese Top Print I-Labels Technology ha recentemente installato una OMET XFlex X4 a 8 colori, introducendo una macchina flexo a nastro stretto nel suo parco produttivo che già comprende digitale, rotocalco, serigrafia e offset. L’azienda fa parte di un gruppo con sede principale a Singapore e tre sedi produttive che complessivamente impiegano 80 persone: una a Chengdu, inaugurata nel 2013, una a Suzhou e una a Chongqing.

Mr. Wang DaXun, General Manager della sede di Chengdu, sta gestendo un business di grande successo con margini invidiabili, grazie all’alta specializzazione e all’alto livello di competenza richiesto specialmente nel settore dell’anti-contraffazione.
Riguardo la scelta della macchina OMET, Mr. Wang spiega che “fra tutti i brand leader del settore, occidentali o cinesi, OMET ha dimostrato di avere le migliori performance nella stampa su film. Con una larghezza di 440 mm offre un evidente vantaggio sia rispetto alle altre macchine sia a noi rispetto ai nostri concorrenti”. OMET ha inoltre un’ottima reputazione in Cina, grazie alla rete clienti consolidata (oltre 70 macchine installate) e all’efficienza del servizio post-vendita fornito dalla sede OMET di Suzhou.
Top Print attualmente produce molte etichette a trasferimento termico e sta passando dalla stampa rotocalco alla flessografia. Sta crescendo anche nel campo delle shrink sleeves per liquori e settore alimentare: di recente ha ricevuto anche un premio a livello di regione Asia-Pacifico.
La natura complessa di molti lavori limita la velocità della nuova macchina OMET a circa 70 m/min, ma per lavori più semplici raggiunge i 190 m/min. Mr. Wang sottolinea in particolare l’intuitività e la facilità con cui possono essere eseguite le operazioni sulla macchina: “Due o tre giorni sono bastati ai nostri operatori per imparare a gestirla. E’ una linea molto efficiente, con notevoli possibilità in linea”.
La OMET X4 a 8 colori è stata inserita a fatica nell’area produttiva della Top Print per motivi di spazio. L’intenzione del cliente era di installare una 10 colori, ma l’area produttiva di 1200 m2 distribuiti su quattro piani non consentiva di trovare una posizione adatta. Quella acquistata dal cliente è comunque una macchina da stampa ad alta specializzazione, con cold foil, doppia stazione di fustellatura, delam/relam (stampa su adesivo) e sistema di ribaltamento banda. Sarà in grado di lavorare a pieno regime nel nuovo stabilimento di 6.000 mq che l’azienda ha in programma di aprire a breve.
Con la domanda di etichette in rapida crescita, Mr. Wang sta valutando opportunità di espandersi nella regione occidentale della Cina. “Nella zona di Chengdu c’è bisogno di investire in nuove tecnologie per soddisfare le esigenze delle aziende che chiedono etichette sempre più complesse”, ha spiegato Mr. Wang. Forse la Cina ha impiegato molto tempo per apprezzare i prodotti di marca, ma sta recuperando alla velocità della luce: Mr Wang avrà bisogno di tutta la sua esperienza trentennale nel settore della stampa per far crescere la società allo stesso ritmo. La nuova sede produttiva e la nuova macchina OMET sono una perfetta rampa di lancio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here