Prosegue il piano di sviluppo di Grifal che registra una crescita del fatturato dell’11,7%

0
262

Il Consiglio di Amministrazione di Grifal Spa, azienda che progetta e produce imballaggi performanti innovativi ed eco-compatibili, ha approvato in data odierna la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2018.

Fabio Gritti, Ceo di Grifal

“I risultati espressi all’interno della nostra relazione finanziaria semestrale sono in linea con
l’andamento previsto nel documento di ammissione.
Dall’inizio dell’anno sono stati lanciati 300 nuovi progetti di imballi di cui il 90% a base cArtù. Il fatturato previsto derivante da questi progetti è di circa 5 milioni di euro.
Anche durante la fiera FachPack a Norimberga che si è appena conclusa, cArtù è stato al centro dell’attenzione dei visitatori – sia da parte dei potenziali utilizzatori finali che dei produttori di imballaggi alla ricerca di materiali ecocompatibili.
Stiamo valutando offerte di collaborazione pervenute da produttori di imballaggi tedeschi, ungheresi, rumeni, polacchi, cechi e israeliani.
E’ molto probabile che il nostro modello di business basato su partnership e controllo della
distribuzione della tecnologia, ci permetta di realizzare il network di siti di produzione locali con tempi in linea con le nostre migliori aspettative”, ha detto Fabio Gritti, Presidente e Amministratore Delegato di Grifal.

 

Attività Svolte nel Primo Semestre 2018
La Società procede nella strategia di crescita comunicata in sede di IPO e cioè la creazione di un network di siti di produzione e commercializzazione di imballaggi in cArtù.
cArtù è un innovativo cartone ondulato che rappresenta l’alternativa ecocompatibile al polistirolo, al poliuretano espanso e alle altre plastiche utilizzate nell’imballaggio di protezione grazie alle sue onde alte – da 10 a 20 mm – che permettono un’efficace azione ammortizzante.
La necessità di sostituire le plastiche per l’imballaggio con un’alternativa ecosostenibile e riciclabile come cArtù è sempre più evidente: il mercato del packaging (31,7 miliardi in Italia e 616 miliardi nel mondo) cresce infatti costantemente, circa del 3 % anno su anno, anche a seguito dell’aumento esponenziale delle vendite effettuate tramite il canale e-commerce.
Grifal sta introducendo in modo capillare cArtù sul mercato, realizzando un proprio reparto di produzione di fogli di cArtù presso il sito produttivo di ogni Concessionario coinvolto.
Il Concessionario, tipicamente un’azienda già attiva nella produzione di imballaggi in cartone ondulato, provvederà a trasformare i fogli di cArtù in imballaggi per i propri clienti.
Sono tre gli accordi di Concessione sottoscritti nel primo semestre per la produzione delocalizzata di imballaggi in cArtù.
I Concessionari attivati sono:
– Cornelli Srl di Rivolta d’Adda (CR) per le province di Cremona, Lodi e Pavia;
– Simba Paper Design Srl di Angiari (VR) per la provincia di Verona;
– Vec Scatolificio Srl di Fossombrone (PU) per la provincia di Pesaro-Urbino.

Nella prima metà di Luglio 2018 è stato avviato l’iter per la costituzione in Germania, di una società partecipata al 100% da Grifal Spa, che ha preso il nome di Grifal Gmbh.
Con questa operazione Grifal mira a sviluppare il principale mercato del packaging a livello europeo e tra quelli maggiormente interessati all’introduzione di una soluzione ecocompatibile quale è cArtù.
La Società intende sviluppare il business in Germania attraverso il potenziamento della propria struttura tecnico-commerciale sul territorio e l’individuazione di partners locali.
Nell’ultima settimana di Settembre Grifal ha partecipato a FachPack 2018, la più importante fiera in Europa del settore dell’imballaggio, dei processi e delle tecnologie, nella quale cArtù ha riscosso, inevitabilmente, molto interesse da parte di operatori provenienti da ogni parte del mondo.

La Società intende continuare nell’implementazione della strategia sopra descritta, estendendo il numero dei concessionari coinvolti nella commercializzazione di cArtù, sia in Italia che all’estero.
I positivi riscontri che cArtù sta avendo sul mercato sia dei trasformatori sia degli utilizzatori finali, rafforzano la convinzione che questo innovativo materiale possa diventare uno standard per le soluzioni di packaging, vale a dire come materiale di ampia diffusione e utilizzo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here