Progroup: presto un altro stabilimento per la produzione di cartone ondulato

0
457
Prowell,  società della Progroup AG con sede a Landau, prosegue nella sua politica di espansione e aprirà un ulteriore stabilimento per la produzione di cartone ondulato in diversi formati in Germania. Per far fronte alla continua crescita del mercato e per soddisfare le esigenze dei clienti in termini di affidabilità nella consegna e qualità del pro­dotto, sul sito di Eisfeld/Turingia sorgerà l’undicesimo stabilimento per la produzione di cartone ondu­lato in diversi formati. Con una capacità annua di 140.000 tonnellate di formati dei fogli in cartone ondu­lato, questo nuovo sito  permetterà alla Progroup di incrementare la produzione  a 1,5 milioni di tonnellate. Il volume di investimenti per il nuovo progetto si aggira intorno ai 50 milioni di euro. In un sistema a quattro turni lo stabilimento creerà complessiva­mente 52 nuovi posti di lavoro e di formazione.
Con il nuovo stabilimento per la pro­ duzione di cartone ondulato in diversi formati ad Eisfeld (Turingia), la Progroup persegue con risolutezza la propria strategia Two Twentyfive e continua ad espandersi e ritmi vertiginosi. L’an­ nuncio del nuovo stabilimento per la produzione di cartone ondulato in diversi formati sta a testimoniare ancora una volta che la Progroup è il produt­ tore di carte da ondulazione e cartone ondulato con il maggior tasso di crescita in Europa. Verso gli inizi di agosto la Progroup ha avviato i lavori per la costruzione di un’ulteriore cartiera, investendo la somma di 375 milioni di euro. Negli undici stabilimenti per la produzione di cartone ondulato in diversi formati sparsi in Germania, Francia, Repubblica ceca, Polonia, Gran Bretagna e Italia sarà lavorato l’85 % delle carte da ondulazione prodotte nelle proprie fabbriche. In questo modo la Progroup consoliderà ulteriormente la sua leadership nel mercato dei cartoni ondulati nell’Europa centrale.
Il nuovo stabilimento per la produzione di cartone ondulato in diversi formati verrà realizzato su un’area di 87.000 metri quadrati ad Eisfeld (Turingia). La produzione sarà presumibilmente avviata nel quarto trimestre 2019. L’impianto avrà le stesse innovazioni tecniche di quelle che si utilizzeranno a partire dal novembre 2018 nel nuovo megastabilimento per la produzione di cartone ondulato in diversi formati operativo sul sito di Ellesmere Port (Gran Bretagna).
“I nostri impianti ottimizzati per il piano Industria 4.0 seguono il principio delle linee di produzione automatiche funzionanti in modo autonomo, le quali segnalano i punti deboli nella produzione e nell’impianto stesso”, spiega Jürgen Heindl, CEO e presidente del consiglio direttivo della Progroup AG.
Le innovazioni principali comprendono il concetto One­Man­Dry­End, ovvero­ un efficientissimo magazzino a scaf­falature verticali con 11.000 posti di stoccaggio e tre scaffalatori, sistema di gestione automatica dei pallet, paraspi­goli, reggiatura, ottimizzazione dello smaltimento dei rifiuti e del sistema di incollaggio. L’impianto per la produzione di cartone ondulato avrà una velo­cità massima di 400 m/min, e con una larghezza di lavoro di 2,80 metri si integra perfettamente nel sistema Mill Progroup. Verranno prodotti cartoni ondulati Next Board® a onda singola o a onda doppia nelle combinazioni e nelle qualità B, C, E.
“L’impiego di un impianto di cogenera­zione di energia elettrica e termica ci permette di produrre energia elettrica e calore, rispettando pienamente la filosofia Green Hightech della Progroup. In quest’occasione i residui termici risul­ tanti dalla produzione elettrica vengono utilizzati per generare freddo o per riscaldare. Oltre alla centrale elettrica di cogenerazione, il massimo livello di efficienza ambientale viene raggiunto anche grazie alla produzione dei nostri Next Board® , che permettono di rispar­ miare energia e materie prime, ma anche di ridurre le emissioni di CO2, aumen­ tando al contempo il rendimento”, aggiunge Jürgen Heindl.
Le novità dello stabilimento state­ of­ the­ art vengono completate da un sistema di insonorizzazione, che garan­tisce un basso tasso di inquinamento acustico e lievi sbalzi di temperatura. Una base ideale per creare un ambiente di lavoro piacevole e moderno. Nella regione saranno creati complessiva­ mente 52 posti di lavoro high­tech e tre posti di formazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here