Miraclon premia l’eccellenza della stampa flessografica

0
288
Chris Horton, Presidente di Giuria dei Global Flexo Innovation Award di Miraclon

Miraclon, che offre le soluzioni Kodak Flexcel, presenta ancora una volta i Global Flexo Innovation Awards dopo la prima edizione nel 2018. Non solo sono premi per la qualità di stampa, perché la giuria cerca di riconoscere l’innovazione e premiare le aziende che sono in prima linea nella trasformazione dell’industria flessografica. Il presidente della giuria indipendente composta da influencer ed esperti del settore è Chris Horton, ex vicepresidente senior di SGS. In qualità di imprenditore, innovatore e manager, Chris ha trascorso gli ultimi 30 anni della sua carriera lavorativa facendo crescere esponenzialmente il settore della flessografia.
Parliamo con Chris per sapere qualcosa di più sui premi, sulle motivazioni per le quali le aziende dovrebbero partecipare e le aspettative dei giurati.

Cosa sono i Global Flexo Innovation Awards e perché le aziende dovrebbero partecipare?
“Questi premi sono unici nel loro genere e aperti a operatori di prestampa, stampatori e brand che stanno cercando di valorizzare il lavoro innovativo che consente loro di spingere sempre più in là i confini della flessografia. Non guardiamo solo il campione stampato, ma riconosciamo il valore aggiunto di tutta la filiera produttiva. Cerchiamo aziende flessografiche di qualsiasi dimensione per dimostrare come il loro approccio innovativo alla stampa flessografica, combinato con la tecnologia Kodak Flexcel NX, abbia consentito loro di offrire un valore eccezionale”.

Perché crede sia così importante evidenziare le storie di successo della stampa flessografica?
Le aziende di tutto il mondo stanno realizzando grandi cose con la flessografia, differenziandosi dalla concorrenza e aggiungendo valore per i propri clienti. Il nostro obiettivo è dimostrare come il processo flessografico continui a innovare e crescere, diventando più forte come strumento per produrre imballaggi eccezionali. Mentre altri premi si concentrano in genere sulla stampa di qualità, i Global Flexo Innovation Awards consentono all’industria di mostrare come utilizza la tecnologia flessografica per essere più efficiente, ridurre gli scarti e sfruttare al massimo i vantaggi ambientali, ed eseguire il lavoro a un livello superiore per soddisfare sia i brand che esigenze economiche. È la piattaforma perfetta per mostrare la trasformazione e il futuro della flessografia.
Credo che quest’anno sia più importante che mai mettere in risalto questo talento. La crisi COVID-19 è stata innegabilmente dirompente, ma la catena del valore della stampa flessografica ha svolto un ruolo chiave nell’aiutare il mondo a rispondere all’emergenza. Dobbiamo riconoscere e premiare la resilienza di queste attività”.

Cosa esaminano i giudici nei lavori?
“Valuteremo ogni candidatura in base a quattro criteri: il grado di creatività nella progettazione grafica del progetto, la conversione da altri processi di stampa alla flessografia, l’efficienza del flusso di lavoro dell’azienda e il livello di sostenibilità della stampa del progetto. Vorremmo anche conoscere chi ha inviato il lavoro, come funziona la sua azienda e quali passi ha intrapreso per arrivare al risultato finale”.

Se dovesse dare tre consigli a un’azienda che ha intenzione di partecipare ai Global Flexo Innovation Awards, quali sarebbero?
“Scopri cosa ti rende speciale e raccontalo nei dettagli; alza il livello delle prestazioni, perché quest’anno il giudizio sarà più rigoroso in quanto abbiamo un livello di esperienza più ampio e completo nel nostro panel di giurati, che include tecnici esperti, accademici, brand manager e ricercatori, quindi ogni campione sarà esaminato da più prospettive per misurare il suo impatto olistico sulla catena del valore. Il mio ultimo consiglio è confermare questo impatto con i fatti: spero di vedere campioni con informazioni dettagliate che dimostrino chiaramente come la moderna flessografia, con la tecnologia Flexcel NX, offre vantaggi concreti per i profitti dell’attività di ciascun concorrente, ma anche per la catena del valore. A riprova di come i marchi siano arrivati ​​al campione finale inviato, vorremmo vedere anche esempi di stampati prodotti con processi di stampa utilizzati in precedenza. In questo modo, possiamo davvero valutare il processo di conversione dall’inizio alla fine. Nella scorsa edizione, poiché per alcuni campioni c’erano solo informazioni scarse e generiche, abbiamo dovuto richiedere maggiori dettagli, mentre le aziende che avevano fornito (come parte integrante del lavoro inviato) maggiori informazioni su ciò che avevano fatto e su come lo avevano fatto avevano maggiori possibilità di successo”.

Può elencare alcune delle tendenze più diffuse nel settore della stampa flessografica? Come si sono evolute dall’ultima edizione dei premi e come vi aspettate che siano presenti nei campioni della seconda edizione?
“La sostenibilità è un fattore chiave nell’industria flessografica, con molti stampatori e marchi che desiderano un approccio più rispettoso dell’ambiente; la seconda tendenza chiave si collega alla sostenibilità, ovvero l’evoluzione dei supporti utilizzati per la stampa flessografica. Ci aspettiamo di vedere nuovi supporti, come materiali riciclabili, e di capire come il moderno processo flessografico affronta le sfide che derivano da questi materiali.
Negli ultimi anni, abbiamo anche assistito alla diffusione dell’e-commerce, che ha portato molti marchi a rivalutare le loro strategie per guardare al di là dei negozi fisici e considerare come i prodotti e i loro imballaggi potrebbero essere progettati in modo diverso per promozioni online e spedizione diretta al consumatore. Sono curioso di vedere come questi cambiamenti stanno influenzando le strategie dei nostri concorrenti e come li stanno implementando nella progettazione e produzione di stampati e imballaggi.
La flessografia è in crescita già diversi decenni e, sebbene la pandemia abbia sicuramente avuto un impatto sul settore, ha però dimostrato quanto possa essere resiliente e adattabile al mercato. Uno degli usi principali della stampa flessografica è la creazione di imballaggi usa e getta, il cui utilizzo è notevolmente aumentato per motivi di igiene.
I Global Flexo Innovation Awards sono una grande opportunità per i fornitori di prestampa, gli stampatori e i marchi che utilizzano la flessografia per essere premiati per la loro innovazione e creatività, quindi esorto coloro che non l’hanno ancora fatto a scaricare un modulo di partecipazione dal sito www.transformingflexo.com e inviare i lavori al più presto possibile. La giuria esaminerà le informazioni inviate prima della valutazione finale e potrebbe richiederne ulteriori, pertanto è meglio affrettarsi a presentare la propria partecipazione. Grazie in anticipo a tutti!”