Labmak acquista una seconda Tau RSC Durst per rispondere all’aumento della domanda di qualità da parte dei brand

0
127

La macchina per la produzione Durst Tau 330 RSC, installata in gennaio, ha fatto fare un altro salto di qualità e portato a un aumento della capacità produttiva pari al 60% per The Label Makers, nota come Labmak e con sede a Bradford, nel Regno Unito. Alla fine dell’autunno, l’azienda ha completato con successo i test della fase beta della prima macchina al mondo di questo tipo.
“Anche in questo caso, la qualità fotografica è incredibile,” ha dichiarato David Webster, Managing Director di Labmak, che nell’arco degli ultimi sei anni ha investito 2,5 milioni di sterline in tecnologia Durst. “Per soddisfare le stringenti esigenze dei clienti abbiamo bisogno di flessibilità, continuità e produzione in scala industriale. La Durst Tau RSC fornisce tutto questo e molto altro ancora, grazie alla capacità di stampare 78 metri lineari al minuto.
“Le esigenze dei clienti si evolvono continuamente. In questo mercato, le date di consegna delle etichette vengono oggi modificate su base oraria, neanche giornaliera, perciò abbiamo bisogno della flessibilità di poter stampare indifferentemente su una delle due macchine o addirittura di trasferire lavoro dalla flessografia. Il software Durst Workflow ci consente di manipolare i file sul lato macchina, quindi i lavori possono essere modificati immediatamente, senza dover rimandare il file all’ufficio grafico, operazione che può facilmente richiedere fino a 20 minuti. Qualsiasi modifica viene ora apportata in cinque minuti: risparmiamo così tantissimo tempo.”
Webster ha poi aggiunto: “La qualità di stampa è fenomenale. Oggi abbiamo catene di supermercati che chiedono che i lavori siano stampati a getto d’inchiostro anziché con la flessografia per via della vividezza dei colori, dell’effetto serigrafico degli inchiostri e della perfezione della messa a registro. L’investimento in questa seconda Tau RSC ci offre l’opportunità di acquisire un maggior numero di clienti e di servire meglio i clienti esistenti. In precedenza utilizzavamo le stampanti Durst Tau principalmente per i mercati della cura della persona. Ora, grazie alle nuove funzionalità, con la Durst Tau RSC produciamo di tutto: dalle etichette alimentari fino ai vini e ai superalcolici di alta qualità.”
Helmuth Munter, Segment Manager, Durst Labels & Package Printing, spiega: “Nel Regno Unito, The Label Makers è un perfetto esempio del nostro slogan ‘Configure Your Future’ e di quello che è possibile ottenere con la tecnologia Durst. La Tau RSC è in grado di gestire una vasta gamma di sostrati destinati a un ampio spettro di possibili applicazioni. Dopo il lancio iniziale, avvenuto in occasione di Labelexpo 2017, la Durst Tau RSC è ora presente in più di 25 sedi in tutta Europa. Si tratta di una tecnologia all’avanguardia e rivoluzionaria, in grado di offrire le massime velocità di stampa, disponibile a un costo economicamente vantaggioso su scala globale per un’ampia gamma di clienti, fra cui convertitori di etichette medio-piccoli.”
La stampante Tau 330 RSC di Durst offre una larghezza di stampa di 330 mm, una velocità di stampa all’avanguardia che può arrivare a 78 metri lineari al minuto, con risoluzioni di 1200 x 1200 dpi. La macchina da stampa raggiunge una capacità di produzione di 1.485 m² all’ora e grazie alle sue 8 postazioni di colore (CMYK+W+OVG), con inchiostri ad alta pigmentazione di nuova progettazione, offre una qualità di stampa eccezionale, simile alla flessografia, con una copertura della gamma cromatica Pantone che si avvicina al 95%.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here