È pronta la ONYX 810 CI con tecnologia di essiccazione LED UV

0
818
Da sinistra/From the left: Paolo Nascimbeni AMS Europe, Marco Mastandrea Flint Inks Italy, Moreno Melegatti, Uteco Printing Department Manager, Pino De Gradi, La Gerunda Managing Director, Davide Cucinella, Uteco Chief Marketing Officer
Da sinistra/From the left: Paolo Nascimbeni AMS Europe, Marco Mastandrea Flint Inks Italy, Moreno Melegatti, Uteco Printing Department Manager, Pino De Gradi, La Gerunda Managing Director, Davide Cucinella, Uteco Chief Marketing Officer
Da sinistra/From the left: Paolo Nascimbeni AMS Europe, Marco Mastandrea Flint Inks Italy, Moreno Melegatti, Uteco Printing Department Manager, Pino De Gradi, La Gerunda Managing Director, Davide Cucinella, Uteco Chief Marketing Officer

È targato Uteco e AMS il nuovo macchinario che andrà ad occupare una parte della sala stampa de La Gerunda Merletti S.R.L.

La prima macchina da stampa flessografica VLF ultraveloce a bassa migrazione con LED UV ha superato i test di stampa con eccellenti risultati, ed è pronta per la messa in servizio nel mese di novembre nella sala stampa dell’azienda La Gerunda Merletti S.R.L., di Cremona Durante i test, eseguiti in ottobre, presso UTECO, oltre al team La Gerunda si sono uniti gli specialisti del produttore partner Air Motion Systems per assistere alle prove della ONYX 810 CI di Uteco, che in piena velocità raggiunge a 400 m/min. A tutte le velocità raggiunte è stato mantenuto il registro perfetta, con colori brillanti e il substrato stampato era asciutto in uscita come previsto dai test ASTM; non essendoci emissione di calore durante l’essiccazione LED UV, la bobina stampata era pronta per le successive lavorazioni. Le lampade AMS utilizzano LED a luce blu che si accendono e spengono istantaneamente (10 millisecondi), quindi la modalità di standby risulta inutile e i consumi di elettricità diminuiscono fino al 60% rispetto all’UV convenzionale; anche i prezzi degli inchiostri stanno diventando più competitivi, al diffondersi del processo LED UV nel settore degli imballaggi flessibili. Secondo Pino De Gradi, AD di La Gerunda, questi vantaggi operativi offrono un miglioramento produttivo evidente rispetto alle sue quattro macchine da stampa UV ed EB 2-la-gerunda-uteco-final-ams-unit-above-cmykesistenti, ma anche le caratteristiche tecniche e ambientali della nuova macchina Uteco sono importanti per la sua azienda, che fattura 8,5 milioni di € e ha intenzione ora di approcciare nuovi 5-la-gerunda-uteco-ams_antonio-lucatelli_sleeve-cmykmercati. “Il cuore della nostra attività è nei settori dell’orticultura, dell’agricoltura e del cibo per animali domestici, ma ora vogliamo entrare nel settore degli imballaggi sanitari e alimentari, che registrano buoni trend di crescita; per servire questi settori è indispensabile garantire integrità del substrato e più in generale un’operatività ecologicamente sostenibile. I nuovi inchiostri LED UV a bassa migrazione e le lampade a LED a basso consumo, senza ozono e prive di mercurio, ci assicurano entrambe le richieste. Abbiamo già alcuni contratti per la fornitura di imballaggi per pannolini e per prodotti alimentari in grande volume; il nostro obiettivo è di crescere nel giro di 3 anni per arrivare a un afatturato di 12 milioni di €”, commenta Pino De Gradi. Per La Gerunda, la nuova ONYX rappresenta un ritorno a Uteco dopo oltre 20 anni, ed è il risultato di un approfondito esame delle tecnologie disponibili dai principali costruttori. “Abbiamo trovato i livelli di automazione e le tecnologie incorporate nella ONYX decisamente entusiasmanti”, prosegue De Gradi, “in questo settore, i cicli di produzione possono essere brevi, per questo la tecnologia Direct Drive Evo® e la soluzione Thermilox® Anilox di Uteco risultano vantaggiose per la produttività; inoltre gli avanzati sistemi di lavaggio favoriscono una maggiore rapidità di cambio lavoro con meno sprechi”. La ONYX 810 per La Gerunda è stat 7-la-gerunda-uteco-ams_team-discussion-cmyka configurata a 8 colori, una larghezza di banda massima di 1250 mm e un ciclo di ripetizione stampa max. di 1100 mm. Presso le unità di stampa attorno al tamburo centrale sono state installate sette lampade di essiccazione AMS LED UV, e l’ottava prevista all’uscita del nastro, sul ponte superiore. I test di stampa hanno confermato velocità ben superiori ai 300 m/min preventivati, arrivando anche a 400 m/min; la macchina da stampa è stata fornita con l’alloggiamento per una nona unità AMS adiacente all’ottava, nel caso in La Gerunda decidesse in futuro di aggiornare la macchina all’opzione 500 m/min con il modello AMS di lampada LED UV, la XP ULTRA. “Ancora una volta Uteco è all’avanguardia nella spinta verso prestazioni superiori e una produzione più responsabile nei confronti dell’ambiente. Il settore tiene d’occhio questo progetto da diverso tempo, già dalla DRUPA, e l’eccellente riuscita di questi test di stampa conferma che questa soluzione giocherà un ruolo importantissimo nel futuro del nostro settore; abbiamo già altri ordini in arrivo e il verdetto è chiaro – luce verde per la luce blu nella stampa flessografica per grandi formati!”, commenta soddisfatto Davide Cucinella, direttore marketing Uteco.