Industria Grafica Falciola investe nel digitale

0
234

Una Versafire EV per espandere ulteriormente la propria offerta e guadagnare ancor più dinamicità sul mercato: Industria Grafica Falciola ha scelto l’esperienza di Heidelberg, di cui è cliente fin quasi dalla fondazione, per compiere questo investimento.

Un passo significativo per un’azienda che – nata nel 1955 da un’idea di Osvaldo Falciola – ha virato presto dalla tipografia alla stampa offset, trasformandosi negli anni in uno specialista che segue il cliente in tutte le fasi della lavorazione secondo una filosofia aziendale di costante servizio. Accanto all’impegno quotidiano, alla caparbietà, alla flessibilità e all’esperienza, Industria Grafica Falciola mantiene viva quell’attenzione per l’innovazione (tecnologica e non) cara al suo fondatore. A dimostrarlo c’è, per esempio, l’impegno ambientale, testimoniato dall’utilizzo di prodotti chimici a impatto zero e dall’uso di supporti cartacei FSC®, certificazione ottenuta anche dall’azienda.
In questo quadro si inserisce l’investimento appena compiuto, fatto dalla terza generazione della famiglia Falciola. Per inserire un sistema di stampa digitale che garantisse ancor più flessibilità e capacità di rispondere alle esigenze di un mondo sempre più connesso, Industria Grafica Falciola ha scelto di rivolgersi nuovamente a Heidelberg, suo partner tecnologico da decenni.
La scelta è caduta su Versafire EV, progettata pensando alle necessità che ogni giorno affrontano gli stampatori commerciali. Disponibile in configurazioni da 85 e 95 ppm, Versafire EV offre il più alto rapporto qualità prezzo, minimizzando gli avviamenti ed eliminando gli sprechi di carta grazie alla sua elevata produttività, la sua costante qualità di stampa e la sua alta flessibilità. Inoltre, la digitale di Heidelberg può essere upgradata con un 5° colore: Bianco, Vernice, Giallo Neon, Rosa Fluo, Rosso invisibile.

Il nuovo sistema va ad aggiungersi alle macchine da stampa offset di ultima generazione, tutte reversibili, con forni in linea per la verniciatura, che avviene con l’uso di soluzioni ecologiche a base d’acqua. Affiancate, ci sono una taglierina Polar e una Heidelberg cilindro per fustella. Completano il quadro i sistemi del reparto legatoria: una raccoglitrice Maxima a 18 stazioni, una piegatrice Heidelberg Stahlfolder, una brossuratrice, una macchina perforatrice, una macchina plasticatrice e una linea per il confezionamento dei pacchi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here