Heidelberg: focus su implementazione della trasformazione digitale

738

Dopo la positiva conclusione dell’esercizio 2018/2019, Heidelberg punta a portare avanti la propria trasformazione digitale. La società sarà meno soggetta alle fluttuazioni economiche future, principalmente a causa dell’espansione di modelli di business digitali innovativi e del conseguente aumento dei contratti. Circa 30 contratti sono stati conclusi nell’anno finanziario 2018/2019 e domande dei clienti in aumento, motivi per cui Heidelberg sta continuando a espandere la sua offerta di contratti in abbonamento. Allo stato attuale, ai clienti viene offerto un pacchetto completo che combina attrezzature, servizi, software e materiali di consumo in un unico contratto di utilizzo pluriennale. In futuro, i clienti saranno anche in grado di combinare e utilizzare i singoli componenti di questa offerta in un determinato periodo di tempo e in linea con gli standard stabiliti. Ciò consentirà loro di passare a modelli di servizio basati sull’utilizzo seguendo un processo graduale. A medio termine, circa un terzo delle vendite complessive e circa due terzi delle vendite di Heidelberg devono essere generate su base sostenibile attraverso le attività a contratto.

Inoltre, Heidelberg sta lavorando a una piattaforma di settore che offrirà alle tipografie strumenti automatizzati e basati sull’utilizzo per soddisfare le esigenze per applicazioni software e materiali di consumo. A causa dell’accelerazione del portafoglio digitale di Heidelberg, principalmente nel settore in crescita degli imballaggi, il numero di sistemi installati aumenterà, generando così una crescita considerevole e stabile delle vendite di consumabili, che andranno al di là della macchina singola. In Cina, ad esempio, Heidelberg sta collaborando con un importante produttore di imballaggi per investire in un nuovo modello di business online per la progettazione, l’ordinazione e la stampa di astucci pieghevoli personalizzati con il nome di “boxuni”.

“Stiamo perseguendo con impegno la riorganizzazione del Gruppo. Grazie all’espansione dei modelli di business digitali e alla quota considerevolmente più elevata delle vendite di contratti associati a questi, torneremo a crescere a medio termine e ridurremo la nostra esposizione alle fluttuazioni economiche”, spiega il CEO di Heidelberg Rainer Hundsdörfer.

Heidelberg raggiunge gli obiettivi per il 2018/2019

Come annunciato al momento della pubblicazione dei dati preliminari agli inizi di maggio, Heidelberg ha raggiunto i propri obiettivi operativi a seguito di un buon risultato dell’esercizio 2018/2019 (1 aprile 2018 – 31 marzo 2019). Ad esempio, le vendite del gruppo, 2.490 milioni di euro, sono aumentate del 3% circa rispetto all’anno precedente (2.420 milioni di euro). Per contro, il rallentamento economico e l’effetto frenante che ciò ha avuto sulla dinamica dei nuovi ordini di macchine hanno fatto sì che gli ordini in entrata, che hanno raggiunto i 2.559 milioni di euro alla fine di marzo 2019, non potessero raggiungere lo stesso livello dell’anno precedente (€ 2.588 milioni di euro).

Il margine operativo della società basato sull’EBITDA, escluso il risultato della ristrutturazione, era anch’esso compreso nell’obiettivo da raggiungere, 7,2% (anno precedente: 7,1%). L’EBITDA assoluto è stato di € 180 milioni (2017/2018: € 172 milioni). Nell’anno in esame, il risultato della ristrutturazione è stato, come previsto, € 20 milioni (anno precedente: € -16 milioni).

Il risultato finanziario, 49 milioni di euro, è stato simile a quello dell’anno precedente (48 milioni di euro). In totale, il risultato prima delle imposte ha raggiunto i 32 milioni di euro (anno precedente: 39 milioni di euro). Con un risultato netto dopo le imposte di 21 milioni di euro, Heidelberg ha realizzato un aumento rispetto all’anno precedente (14 milioni di euro) in linea con le aspettative.

Il free cash flow del quarto trimestre, 27 milioni di euro, è stato positivo mentre, per l’anno nel suo insieme, è stato di 93 milioni di euro e quindi considerevolmente al di sotto dell’anno precedente, 8 milioni di euro, come era stato previsto. Come annunciato, durante l’esercizio in esame, una somma considerevolmente più grande è stata investita in aree di crescita come i progetti digitali, l’espansione di nuovi modelli di business e il nuovo centro di innovazione nel sito di Wiesloch-Walldorf. A seguito di un aumento di capitale, l’indebitamento finanziario netto è stato di € 250 milioni (31 marzo 2018: € 236 milioni) e, l’indebitamento medio (indebitamento finanziario netto rispetto all’EBITDA), è 1,4%, quindi ben al di sotto del valore obiettivo di 2.

“Come previsto, abbiamo terminato l’esercizio 2018/2019 con vendite e risultati moderatamente migliorati. Il nostro core business si è sviluppato bene e, da un punto di vista finanziario, abbiamo una base solida per il futuro”, ha commentato Dirk Kaliebe, CFO dell’azienda.

Previsioni caute per il 2019/2020: vendite e profittabilità a livello dell’anno precedente

Guardando al futuro, nonostante la crescente debolezza dell’economia globale verso la fine dell’esercizio finanziario, Heidelberg prevede una prestazione stabile nel suo core business e una crescita nel modello di abbonamento digitale. Tuttavia, con le condizioni economiche che rendono le società più riluttanti ad investire in nuove tecnologie, è probabile che l’accelerazione nel settore della stampa digitale sia più conservativa di quanto inizialmente previsto. Le vendite nel settore post-stampa cresceranno a un ritmo più lento mentre le autorità antitrust bloccano l’acquisizione di MBO. Inoltre, la contrazione nella vendita dei materiali di consumo sarà probabilmente maggiore del previsto.

Poiché il rallentamento economico globale negli ultimi mesi ha avuto come esito la riduzione degli ordini per nuove macchine l’ultima previsione annuale dell’associazione di settore VDMA è stata più pessimistica alla luce della crescente incertezza sui mercati mondiali a causa di controversie commerciali – tra Stati Uniti e Cina – e Brexit, Heidelberg sta affrontando con prudenza il nuovo esercizio 2019/2020 e prevede entrate al livello dell’anno di riferimento.

Per quanto riguarda il risultato operativo, tenendo conto degli effetti previsti dall’IFRS 16, Heidelberg punta a un margine EBITDA, escluso il risultato della ristrutturazione, dal 7,5 all’8,0%: la redditività operativa dovrebbe quindi essere al livello dell’anno di riferimento dopo la rettifica per gli effetti previsti dell’IFRS 16.

Come negli anni precedenti, nell’esercizio 2019/2020 le spese di ristrutturazione per le attività di trasformazione e l’ottimizzazione dei processi e delle strutture saranno parte dell’eccellenza operativa. Come nell’anno precedente, Heidelberg prevede che tali spese ammonteranno a circa € 20 milioni nel nuovo esercizio finanziario.

In termini di risultato finanziario, gli effetti positivi del rimborso parziale del prestito ad alto rendimento nell’anno passato saranno più che compensati dall’IFRS 16 e dall’aumento temporaneo del capitale circolante netto. Sulla base dello sviluppo stabile previsto delle vendite e del risultato operativo, si prevede che il risultato netto dopo le imposte rimarrà stabile – e presumibilmente non influenzato in modo significativo dall’IFRS 16 – al livello dell’anno in esame.

“Non c’è alternativa alla strategia ‘Heidelberg diventa digitale!’. Continueremo a vedere i frutti delle nostre attività strategiche. Sfortunatamente, gli attuali sviluppi economici stanno riducendo la nostra dinamica di crescita, anche se il potenziale di mercato per la digitalizzazione nel settore della stampa e per la stampa di imballaggi digitali rimane elevato”, conclude Hundsdörfer.