Giflex 2021: scenari per la ripartenza

466
Alberto Palaveri, Presidente Giflex

Il 19 gennaio 2021 è stato presentato agli associati il piano programmatico della nuova Presidenza Giflex durante l’evento virtuale Giflex 2021: scenari per la ripartenza. Oltre ad Alberto Palaveri, nuovo Presidente Giflex e CEO Sacchital, hanno preso parte al convegno anche ospiti di rilievo quali: la Prof.ssa Filomena Maggino – Presidente Cabina di Regia “Benessere Italia” della Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’On. Patrizia Toia – Vicepresidente Commissione per l’Industria, la Ricerca e l’Energia del Parlamento europeo e il Dott. Fadi Hassan del Centre for Economic Performance presso la London School of Economics.

Nel numero di Converter-Flessibili-Carta-Cartone gennaio/febbraio 2021 in uscita i primi di febbraio è prevista la pubblicazione di un’intervista che il neo Presidente ha concesso alla nostra rivista.

L’evento è stato aperto dal Segretario Generale di Giflex , l’Ing. Italo Vailati, che ha
voluto subito sottolineare i tre temi chiave che devono necessariamente stare a fianco del
termine Pandemia nel 2021: sostenibilità, economia circolare e riciclo. Queste le sfide
centrali del settore, già presenti prima di questa crisi emergenziale, ma ora più attuali che
mai. Essenziale dunque lo sforzo di interlocuzione col mondo istituzionale e politico del
Gruppo, sia verso i tavoli nazionali che verso quelli europei.

Il primo intervento del denso programma è stato dedicato all’aggiornamento degli
scenari economici con la relazione Economics in a COVID-19 World: Global and Local
Challenges del Dott. Fadi Hassan.

La sua analisi presenta la crisi Covid come la più grossa dalla II Guerra Mondiale .
Una crisi di proporzioni davvero globali (con oltre il 90% dei Paesi al mondo che registra una contrazione del PIL), che sta aumentando le diseguaglianze sociali e in cui gli Stati stanno sperimentando un livello di debito pubblico mai visto prima. Difficile dunque fare previsioni su cosa succederà nel medio e lungo periodo senza l’analisi di alcuni elementi: il processo di globalizzazione, già in rallentamento dal 2008, è stato trainato nella Pandemia da una frenata del commercio mondiale significativa, ma eterogenea a seconda dei settori e delle aree geografiche. A questo si aggiungono l’incertezza sul futuro dei rapporti USA-Cina e le interferenze nel multilateralismo a causa del blocco del funzionamento della WTO. Certo è che ci saranno dei cambiamenti nelle Global Value Chains e nel risk management. A livello locale si può dire che questa crisi ha colpito l’Italia in un momento già difficile, in cui da anni si registrava un calo di produttività ed efficienza del modello italiano che non ha retto alla rivoluzione IT. Fattori chiave del fenomeno il ruolo delle istituzioni, i pochi investimenti in innovazione, il problema di allocazione delle risorse e le performance dei manager.

A seguire la relazione del Dott. Palaveri che per la prima volta dalla sua elezione,
avvenuta lo scorso novembre, ha incontrato i propri associati in veste di nuovo Presidente
Giflex, per illustrare i nodi principali del piano programmatico , sviluppato insieme al
Comitato Esecutivo, contenente le azioni da intraprendere nel prossimo biennio.

In apertura, Palaveri evidenzia come la sfida più grande che il settore sta affrontando è
quella di conciliare basso impatto nei processi di produzione con buone performance di
sostenibilità e circolarità anche nel fine vita. Difficile compromesso che si muove su uno
scenario italiano ed europeo di grande complessità ed incertezza, dove il grande
sforzo di innovazione del comparto non viene sempre accompagnato da una
coerente risposta istituzionale : provvedimenti incompleti e inadeguati in materia di
etichettatura ambientale, CAC che non corrisponde a raccolta del materiale e Plastic tax
che confluisce in fiscalità generale senza diventare una tassa di scopo.

Riorganizzazione interna di Giflex
Numerosi dunque gli input su cui lavorare e a cui Giflex risponde con una riorganizzazione interna: partito il nuovo processo di accreditamento istituzionale (grazie alla consulenza di
Stefano Consonni con lo staff di ADL Consulting e all’incredibile lavoro dell’Ing. Vailati),
affiancata al Segretario la figura di Elena Scalettari per gli aspetti di comunicazione e
rinnovata la guida dei comitati con le nomine di nuovi responsabili (Andrea Cassinari al
Com. Tecnico, Laura Passerini al Com. Sostenibilità, Marco Mensitieri al Com. Marketing,
Ruggero Gerosa ed Elena Peron alla Task Force Dossier). Nominati anche all’interno
dell’Esecutivo due nuovi Vice Presidenti – Davide Jarach e Neni Rossini, il tesoriere –
Marco Li Vigni, e il nuovo “Ministro degli Esteri” – Michele Guala (già Vice Presidente FPE).
L’intervento del Presidente continua con i progetti per fronteggiare le complessità della
crisi Covid in Associazione. Primo fra tutti un grande ringraziamento ai dipendenti della
filiera, accompagnato dalla presentazione dell’appello Giflex rivolto al Commissario
Arcuri per chiedere la priorità per i lavoratori essenziali della filiera all’interno del piano
vaccinale nazionale. In seguito, illustrato il piano di Ascolto e Vicinanza per gli
associati che prevede: l’organizzazione futura di Comitati Esecutivi in presenza sul
territorio e di una nuova edizione delle Virtual Meeting Room Giflex, un percorso di
apertura dell’Esecutivo a nuovi contributi, l’implementazione della comunicazione interna
ed esterna, l’ampliamento delle sinergie e collaborazioni con il Sistema Confindustria
(Assografici, Federazione Carta e Grafica, Assolombarda) e le realtà vicine al settore
(Istituto Italiano Imballaggio, CONAI etc…). L’intervento si chiude con un forte invito del
Presidente a partecipare alla vita associativa e ad abbracciare, all’interno delle nostre
aziende, l’innovazione e lo sviluppo, poiché diviene adesso ancora più cruciale investire
sulla formazione a tutti i livelli e dare spazio alla cretività e alla diversità.

A conclusione dell’evento si è dato spazio agli interventi di due rappresentanti di spicco
del mondo politico a livello nazionale ed europeo. Per prima è intervenuta la Prof.ssa
Filomena Maggino che ha illustrato la strategia del Governo in materia di benessere e
sostenibilità ambientale attraverso le azioni intraprese dalla Cabina di Regia “Benessere
Italia”. Questo soggetto istituzionale ha permesso prima della crisi Covid di dare una
bussola e un interlocutore al tessuto sociale e produttivo del Paese attraverso
l’elaborazione di 5 linee programmatiche: rigenerazione eco-sostenibile dei territori,
economia circolare, mobilità e coesione territoriale, transizione energetica e qualità della
vita. 5 punti di riferimento che restano attuali anche nella Pandemia e che invitano alla
collaborazione anche il mondo produttivo e imprenditoriale pensando allo sviluppo di
progetti comuni sul territorio nazionale.

Infine ha parlato anche l’On. Patrizia Toia che ha discusso i principali provvedimenti a
livello europeo che l’Unione ha intenzione di mettere in campo per incentivare la
circolarità dell’economia . L’Onorevole sottolinea che gli obbiettivi e i provvedimenti
del Green Deal sono stati rafforzati da questo nuovo mandato UE e che essi non
andranno in secondo piano nemmeno davanti agli eventi pandemici, ma piuttosto
orienteranno il cuore del piano di ripresa, ricostruzione e resilienza contenuto nel
Next Generation EU . Molti gli interventi in Europa delle varie Commissioni per portare
all’attenzione degli organi decisionali temi cruciali al fine vita dei prodotti (come per
esempio quello del riciclo chimico inserito in una risoluzione parlamentare proprio
dall’On. Toia). Tra questi anche la richiesta da parte della Commissione Industria che nel
programma Horizon rientrino alcuni filoni di ricerca che riguardano da vicino la filiera
del flessibile, dedicati all’efficienza dei materiali e ai processi di generazione di materie
prime seconde. A livello nazionale, invece, ancora in discussione i progetti da presentare
per il Recovery Plan. Tra le proposte finora avanzate l’istituzione di un fondo per
l’economia circolare con una relativa strategia nazionale, un processo di semplificazione
normativa e un hub tecnologico nazionale con centri di competenza territoriale. Insomma
molteplici i progetti in cui potersi inserire per contribuire allo sviluppo della sostenibilità
del settore.