Gallus festeggia la vendita della centesima Labelmaster

0
303
Philippe Carre di Heidelberg France si congratula con Christian Linossier di Interfas per la Gallus Labelmaster numero 100
Philippe Carre di Heidelberg France si congratula con Christian Linossier di Interfas per la Gallus Labelmaster numero 100

Gallus ha celebrato una pietra miliare a Labelexpo 2019: la centesima Gallus Labelmaster è stata installata presso lo stampatore Interfas, con sede a Louviers, Francia. La macchina da stampa convenzionale con una larghezza di stampa di 440 mm è dotata di otto unità di stampa flexo e tre unità di fustellatura. È integrata anche la finitura con lamina a freddo. Questa è la prima Gallus Labelmaster e la prima macchina flexo per Interfas, che in precedenza si era affidata esclusivamente alla produzione di etichette con stampa offset.

“Essere in grado di celebrare un così grande successo a Labelexpo 2019, il più grande evento in questo settore, è semplicemente fantastico! Con questo acquisto l’azienda ha fatto un investimento sicuro per il futuro, perché ora sono in grado di rispondere alla richiesta di nuove applicazioni e lavori di tipo diverso”, afferma Christof Naier di Heidelberg/Gallus.
Gallus Labelmaster colpisce per la qualità di stampa elevata e costante, per lo spreco di carta ridotto dovuto al percorso bobina molto breve (solo 1,4 m tra le unità di stampa) e per la velocità di stampa che arriva fino a 200 m/min. Brevi tempi di installazione, registro preciso e stabile, fustellatura in qualsiasi posizione e funzionamento intuitivo, questi sono gli ulteriori vantaggi della piattaforma della macchina.
Con 100 macchine vendute, Gallus Labelmaster è l’attrezzatura Gallus, che ha ottenuto i migliori dati di vendita dal suo lancio sul mercato a Labelexpo 2017 fino ad ora. Questa macchina innovativa è stata quindi un vero e proprio successo nella storia di Gallus.
La Gallus Labelmaster sarà installata presso Interfas nella primavera del 2020.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here