Il futuro del settore più dinamico della stampa alla Packaging Conference 2019

0
762

Oltre 100 professionisti del settore dell’imballaggio si sono incontrati lo scorso febbraio a Bruxelles per la quarta conferenza annuale sull’imballaggio, organizzata da Intergraf, in collaborazione con FTA Europe e Smithers Pira e sponsorizzata da GAMA International, TRESU Group e Kodak

 

Sante Conselvan, presidente di FTA Europe, ha dato il benvenuto ai partecipanti, sottolineando l’importanza della collaborazione tra associazioni per raccogliere esperienze e approcci di mercato diversi, ricordando che il giorno prima era stato presentato un importante risultato di cooperazione: la Flexo Best Practice Toolbox, un eBook tecnico per coloro che lavorano nella stampa flessografica, attualmente disponibile come iBook su dispositivi Apple.
Il tono della conferenza è stato determinato dal primo relatore Ania Krolak, Managing Consultant di Smithers Pira, che ha ricordato come il settore degli imballaggi sia attualmente “quello più dinamico della stampa”. Queste sono le tendenze chiave: la crescente diffusione dello shopping online ha portato a una crescente domanda di imballaggi in cartone ondulato; nuove tecnologie hanno portato a importanti sviluppi tecnologici (imballaggio personalizzato, riduzione degli sprechi alimentari attraverso confezioni intelligenti, tracciabilità degli imballaggi lungo tutta la catena di fornitura, etichette e confezioni intelligenti, materiali di imballaggio innovativi); la stampa digitale ha visto un aumento significativo, ma deve ancora affrontare diverse sfide (costo dei materiali di consumo, ovvero inchiostro e supporti, le lunghe tirature, i colori non sono uguali alla stampa convenzionale, alcune funzionalità premium non sono ancora disponibili); il concetto di economia circolare sta diventando sempre più importante per tutti i partecipanti alla catena del valore; l’Industria 4.0 sta incoraggiando una transizione verso la fabbrica intelligente; E-commerce.
In sintesi, tutti gli attori (produttori, agenzie creative, designer, marketing, trasformatori, stampatori e proprietari di marchi dovrebbero adottare una sorta di “eco-sistema” e un pensiero circolare per soddisfare le esigenze dei clienti e risolvere le sfide attuali, di conseguenza la collaborazione nella catena di approvvigionamento è necessaria la collaborazione per sviluppare i prodotti migliori, tenendo sempre presente la sostenibilità.
Alla fine dell’evento, i delegati hanno ricevuto una copia esclusiva dell’European Printed Packaging Trends di Smithers Pira. Il rapporto prevede che la quota di mercato della stampa flessografica verrà erosa entro il 2022 dall’aumento del mercato della stampa digitale nel settore dell’imballaggio. Tuttavia, si prevede che la supremazia della flexo per la stampa degli imballaggi, in particolare quelli in cartone ondulato e flessibili, continuerà. Si prevede che raggiungerà € 32 miliardi nel 2022, corrispondente a un aumento dell’1% rispetto al 2017.

 

Gli imballaggi e il rispetto dell’ambiente


Kestutis Sadauskas, direttore Green Economy di DG Environment, Commissione europea, si è concentrato su come è possibile “vivere bene entro i confini planetari”. È importante sottolineare che “noi [la Commissione europea] non demonizziamo la plastica, non vogliamo eliminarla […], ma il problema è l’uso sbagliato che se ne fa”. Piuttosto, l’attenzione principale della Commissione è volta alla “prevenzione dei rifiuti” e l’eco-progettazione dei prodotti. L’oratore ha ricordato l’importante obiettivo della Plastics Strategy: entro il 2030 tutti gli imballaggi in plastica dovranno essere riutilizzabili o agevolmente riciclati.
Peter Ragaert, professore alla Ghent University e Project Manager presso Pack4Food, con sede a Ghent, una società che aiuta le aziende a migliorare gli imballaggi per alimenti, riunendo aziende e istituti di ricerca per ottenere miglioramenti grandi e piccoli nella catena del confezionamento. I suoi messaggi sono stati molto chiari: considerare sempre il prodotto confezionato con l’obiettivo di ottimizzare l’imballaggio (che deve essere soprattutto funzionale); esplorare diverse strategie di raccolta, selezione e riciclo, ma tenendo presente che la qualità del cibo e la sicurezza rimangono molto importanti. Migliorare l’imballaggio non significa creare più o meno imballaggio ma la soluzione è creare un imballaggio personalizzato.

Mark Shaw, Innovations Manager di Parkside Flex, con sede a Normanton, West Yorkshire, Regno Unito, produttore di imballaggi flessibili che si focalizza sull’innovazione. La sua squadra Advanced Packaging EXpert (APEX) propone soluzioni innovative. Mark ha parlato dello sviluppo di imballaggi compostabili, che potrebbero offrire una potenziale soluzione ai problemi di riciclo. Migliorare la funzionalità degli imballaggi per prevenire i rifiuti è stato identificato come uno dei cambiamenti più importanti sul quale i produttori di imballaggi dovrebbero focalizzarsi. Dai sacchetti di caffè alle confezioni di dolciumi, il team di esperti di Parkside Apex ha sviluppato una gamma di pellicole duplex e triplex a barriera in carta e film con il marchio Park-2-Nature® che sono certificate in base alle norme EN13432 e Vincotte OK Compost sia per il compostaggio domestico che quello industriale di imballaggi. Usano carta fatta con pastalegno certificata FSC ePEFC: Natureflex, una cellulosa fatta con alberi di eucalipto cresciuti in modo sostenibile e un biopolimero derivato da risorse naturali come canna da zucchero, manioca e mais.

Da sinistra: Alison Grace, Communications & Policy Officer Intergraf, Sante Conselvan Presidente di FTA Europe e Monica Scorzino

Bernd Brandt, Senior Consultant di denkstatt GmbH, con sede a Vienna, ha chiarito che un imballaggio ottimizzato spesso offre anche vantaggi ambientali.
La ragione è che i benefici derivati dalla prevenzione degli sprechi alimentari sono di solito maggiori dell’impatto ambientale della produzione o dell’ottimizzazione dell’imballaggio in questione. Ha parlato anche del design progettato per il riciclo affermando che è positivo se la funzione dell’imballaggio non viene inficiata, se il volume della confezione non aumenta in modo significativo (gli impatti aggiuntivi per la produzione non superano i vantaggi del riciclo) e se i costi di produzione aggiuntivi, la raccolta, lo smistamento e il riciclo non superano i vantaggi del riciclo.

 

La percezione e la progettazione degli imballaggi


Joanna Stephenson, direttore marketing di EFIA e Managing Director di PHD Packaging, ha affrontato le tendenze, concentrandosi su sei aree chiave: consumismo, tecnologia, economia, sostenibilità, moda e design e rivoluzione nelle vendite al dettaglio. I consumatori oggi sono più coscienziosi e autosufficienti, ha spiegato, inoltre desiderano autenticità e immediatezza.
Olga Munroe, responsabile del Retail Institute della Leeds Beckett University, ha parlato del marketing sensoriale. Ha esplorato i trigger interni ed esterni che guidano gli acquisti, spiegando che i rivenditori devono considerare tutta la gamma sensoriale (visione, odore, suono, tatto e gusto) per creare prodotti davvero memorabili. Perché ad esempio il 75% delle nostre emozioni sono influenzate dall’odore e un cliente che preleva un prodotto in un negozio ha il 96% in più di probabilità di acquistarlo.
Il design del packaging è stato ulteriormente sviluppato da Guy Douglass, Creative Strategy Director di Parker Williams Ltd. / Sun Branding Solutions. Ha parlato del design dedicato alla popolazione che invecchia, un argomento molto attuale: negli ultimi 50 anni il tasso di fertilità globale si è dimezzato e l’aspettativa di vita è aumentata di quasi 20 anni, a livello mondiale si prevede che il numero di cittadini anziani raddoppierà ancora entro il 2050; nell’UE l’anno scorso sono state registrate più nascite che morti. Quindi gli over 50 continueranno a crescere come target di riferimento per ogni produttore di ogni tipo di merce. Per quanto riguarda gli imballaggi, tutti gli attori della filiera devono considerare le esigenze delle generazioni precedenti nello sviluppo di una confezione. Ma cosa significaquesto per il design degli imballaggi, ha chiesto l’oratore. La risposta è creare un design inclusivo, perché le persone hanno più aspetti simili che diversità.

Pierluigi Gava di Cartotecnica Postumia

Il vincitore del premio FTA Europe Diamond Award 2018, Pierluigi Gava (qui sotto nella foto), ha illustrato il successo della sua azienda, Cartotecnica Postumia, uno stampatore flessografico italiano impegnato nel lean thinking nell’organizzazione e produzione, sviluppando competenze interne, trasformando l’azienda grazie al cambiamento e alla crescita culturale delle persone, collegando la domanda con la consegna e ridisegnando il processo di vendita. I risultati elencati nella figura sono assolutamente significativi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here