Con BST eltromat International la qualità in bobina “sotto controllo”

0
525

Oggi più che mai è indispensabile produrre bene e con meno scarti: la filiale italiana BST eltromat Italia offre sistemi di controllo ed automazione ai settori della stampa, imballaggio e trasformazione in bobina

 

BST eltromat International GmbH produce sistemi di garanzia della qualità per le industrie della stampa, dell’imballaggio e le altre industrie della trasformazione inclusa la gomma. La società fornisce sistemi di controllo visivo della stampa, video ispezione automatica della bobina stampata e non, controllo del registro e monitoraggio del colore spettrofotometrico oltre a sistemi di misurazione spessore/grammatura, controllo calamaio per macchine offset, automazione dei processi di stampa e sistemi di controllo per la produzione dei pneumatici; centraline, attuatori, sensori e dispositivi guida-nastro.
Nel 2014 BST International GmbH e eltromat GmbH si sono fuse dando vita a BST eltromat International. Questa è stata la logica conseguenza di un lungo rapporto di concorrenzialità fra due aziende storiche e leader di settore “vicine di casa” oggi unite sotto lo stesso tetto nel rappresentare il maggiore produttore di know-how e soluzioni dedicate al controllo di qualità nel mondo della stampa, imballaggio e trasformazione in bobina. Tale fusione ha portato ad oggi uno straordinario aumento del fatturato globale e relative quote di mercato. Ricordiamo che BST eltromat è un’affiliata al 100% alla EMG Automation GmbH, che a sua volta fa parte di elexis e del gruppo SMS.
BST eltromat ha una presenza importante sul mercato italiano in termini di copertura commerciale e di assistenza tecnica, proponendo soluzioni dedicate alla propria clientela per il miglior contributo alle esigenze tecnico-produttive in termini di qualità e automazione dei processi. La gamma dei sistemi è ampia e completa per concretizzare l’obiettivo di far produrre meglio e con meno scarti stampatori e trasformatori.
Grazie all’acquisizione nel 2011 delle società tedesche Protagon (esperta nel settore della carta) e betacontrol (competente nel settore della plastica), poi fuse nel 2012 con il nuovo nome di Procontrol, BST eltromat offre anche sistemi per il controllo della qualità di materiali piani a foglia singola, spalmati  o multistrato (ad esempio la misurazione dello spessore e grammatura nell’ambito della produzione di plastica, carta e film tecnici).

 

 

Una lunga storia di impegno e innovazione
In Italia la filiale BST eltromat nasce nel 1980; oggi nella sede di Saronno operano quindici persone, che si occupano della consulenza ai clienti, delle vendite, del servizio tecnico in Italia, Grecia e Svizzera italiana. La filiale fa parte di un grande ombrello rappresentato dal megagruppo SMS, ma questo non è un problema, anzi, “perché comunque manteniamo la nostra autonomia nella gestione;  ed inoltre il gruppo partecipa attivamente finanziando le nostre esigenze per quanto riguarda l’attività di R&D”, afferma il direttore della filiale, Paolo Tamburrini, che gestisce anche la filiale turca.
E proprio Paolo ci dà qualche dettaglio sul mondo degli strumenti ausiliari di controllo e sul loro sviluppo nel tempo. “Da sempre il focus di BST eltromat è stato il controllo di qualità dei processi da bobina a bobina nell’ambito della plastica e della carta, mentre invece EMG era specializzata nel settore dei metalli. Poco meno di 20 anni fa, prima dell’avvento del digitale, si usavano sistemi di controllo oleodinamici o pneumatici, che soprattutto nel settore dell’imballaggio sono stati abbandonati durante l’ultimo ventennio per far spazio a soluzioni più pulite, performanti ed affidabili offerte dall’elettromeccanica digitale. In quanto al controllo qualità della stampa in bobina stiamo giovando dei fantastici sviluppi della moderna tecnologia legata alla visione artificiale e quindi utilizziamo le versioni più avanzate di telecamere, il nostro occhio elettronico, e di microprocessori per l’analisi della stampa, anche digitale; questi ultimi, unitamente all’esperienza maturata nel tempo, la competenza sviluppatasi nelle innumerevoli applicazioni eseguite e non ultimo il brillante ed essenziale apporto degli “algoritmi intelligenti” dei nostri colleghi della ricerca e sviluppo, hanno dato ai nostri prodotti di ispezione stampa e soluzioni integrate di flusso di lavoro, fino allo scarto di materiale non conforme, una capacità prestazionale costante, precisa, affidabile e dedicata alle esigenze dei nostri clienti stampatori e costruttori sia nel mondo del flessibile che quello delle etichette”.
In estrema sintesi l’obiettivo dei sistemi di ispezione stampa offerti da BST eltromat è quello di riprodurre su uno schermo (oggigiorno in versione touch per comandi integrati alla visualizzazione del processo) l’immagine ferma presente sul  nastro che non è fermo, ma dinamico, quindi si tratta di trasferire in modalità digitale su una scheda video quello che un sensore ottico percepisce  e quindi elaborare l’immagine con software  dedicati affinché gli operatori possano controllare la qualità del processo e correggerne i difetti. “Lo sviluppo in termini di capacità e velocità elaborativa è stato molto rapido negli ultimi 10-15 anni, soprattutto nell’ambito dei microprocessori e dei sw (algoritmi); grazie a questi ultimi è possibile automatizzare il controllo ed il processo sostituendo l’occhio soggettivo dell’operatore con un sensore che oggettivamente scannerizza costantemente, per esempio, il risultato visivo del colore, il registro fra i colori, le pressioni di stampa flexo, le condizioni del biadesivo, la forma e pienezza del punto di stampa o le posizioni delle fustelle, ecc. così da poter in definitiva eseguire una stampa di buona qualità, intercettando i difetti, tracciarli in un data base, analizzarli e scartando il pezzo di bobina difettoso prima della spedizione al cliente finale”, spiega Paolo.
Le tipologie dei clienti di BST eltromat sono due: gli OEM, cioè i costruttori delle macchine e gli utilizzatori finali delle stesse. Entrambi forniscono importanti feedback, grazie anche alla sinergia che si sta creando tra questi due mondi che si sono resi conto che lo scambio di esperienze da una parte e di esigenze dall’altra è sempre positivo ed a vantaggio di tutti gli attori della filiera produttiva.

 

Soluzioni tecnologiche a prova di test
Presso la sede di BST eltromat Italia è stata allestita anche una showroom che comprende una ribobinatrice bidirezionale per materiale flessibile ed un tavolo di controllo etichette, gentilmente fornito dallo storico cliente costruttore Prati srl con modulo di scarto automatico del difetto “per dare la possibilità ai clienti di provare i nostri sistemi con le loro bobine stampate, affinché possano rendersi conto di che cosa vuole dire lavorare una bobina con un controllo qualità efficiente ed affidabile in grado di garantire un workflow completo grazie al quale è possibile spedire al cliente solo prodotti conformi alle specifiche. La tecnologia ha dato la possibilità a noi fornitori di controlli qualità di offrire dei sistemi elettronici con i quali è possibile produrre meglio e svolgere più serenamente il proprio lavoro, con la certezza di aver fatto tutto il possibile per ottenere il miglior risultato, accettabile per il cliente, nel modo più veloce possibile e con fluidità. Perciò le interfacce operatore rivestono enorme importanza presso la BST eltromat che da sempre ha considerato l’informazione e l’interazione con l’operatore macchina il primo e fondamentale obiettivo dello sviluppo del nostro prodotto”, spiega Paolo.
E sono tante le installazioni di soluzioni BST eltromat. Ricordiamo ad esempio quelle per ilcontrollo del registro con sensori a fibra ottica su macchine da stampa rotocalco, i sistemi guidanastro per applicazioni complesse di allineamento e controllo del/i nastro/i, i sistemi di automazione pura su macchine da stampa nuove ed anche come retrofit. Attenta ai bisogni del mercato, per rispondere a una delle esigenze più tradizionali e storiche dell’industria della stampa, in collaborazione con X-Rite, qualche anno fa BST eltromat ha presentato IPQ Spectral, sistema di controllo densitometrico e spettrofotometrico in linea, permettendo quindi di misurare il comportamento del colore senza dover fermare la macchina e prendere un campione per il tradizionale controllo statico, eseguendo l’operazione dinamicamente e pertanto fornendo valori utili in tempo reale, per le necessarie correzioni rispetto alle ricette colore dei vari lavori di stampa per un minor scarto ed una qualità di stampa ottimale.
“Siamo leader nel nostro settore grazie alla capacità di offrire soluzioni funzionali e competenza tecnologica. L’esperienza, la dedizione e la disponibilità delle nostre risorse umane completano il ritratto di un attore amante della propria attività e direttore di un cantiere infinito con un unico obiettivo: la massima soddisfazione dei nostri clienti, lavorando per loro e con loro. Vi aspettiamo, assieme a tutti i nostri prodotti e soluzioni,  al Print4All presso il nostro stand L02 pad. 18 ”, conclude Paolo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here