Con ACCUCHECK 2 l’imballaggio zero difetti diventa realtà

0
707
Da sinistra: Marco Locatelli Local Sales Manager Bobst Italy, Sandro Ferroli e Claudio Ferroli titolari di Cartograf, Claude Tomà Product Support Manager Bobst Mex

Il mondo di oggi, con i suoi ritmi frenetici e tempi sempre più ristretti, ottenere prodotti privi di difetti è il Sacro Graal della produzione degli imballaggi. La maggior parte delle società non può più concedersi il lusso di avere degli operatori appositamente dedicati al controllo della qualità che verificano il processo di imballaggio e riempimento: margini sempre più risicati e una concorrenza crescente hanno infatti ridefinito le esigenze aziendali. Il packaging deve quindi essere, almeno in teoria, privo di difetti sin dall’inizio. L’onere dell’assicurazione della qualità è passato dal produttore della merce o dalla società di confezionamento-riempimento al produttore dell’imballaggio.
Per un produttore di imballaggi come CartografGS che serve in particolare il settore farmaceutico, questo è un tema molto sentito. La necessità di imballaggi a zero difetti è tanto più forte in ambito farmaceutico dove gli errori possono avere conseguenze estremamente serie.
“La nostra società è stata fondata nel 1977. Inizialmente, ci siamo specializzati nel settore cartotecnico, negli anni ‘80 abbiamo gradualmente integrato le unità di stampa pre-stampa ”, spiega Claudio Ferroli, titolare di Cartograf. “Oggi, la nostra attività è perlopiù indirizzata sul settore farmaceutico e del general packaging, ma stiamo cercando di inserirci nel ramo della cosmetica e nella profumeria. Per tutti i nostri clienti, un imballaggio a zero difetti è un must assoluto”.
Fortunatamente per Cartograf e altri produttori di imballaggi nel mondo, questo sogno è finalmente realtà.
BOBST ha sviluppato un nuovo sistema di controllo della qualità che offre ai produttori la possibilità di produrre scatole prive di difetti. ACCUCHECK 2 è una nuova soluzione in linea che verifica la presenza di difetti sui fustellati all’ingresso della piega-incollatrice BOBST. È compatibile con l’ultima generazione di macchine MASTERFOLD 75 / 110 e EXPERTFOLD 50 / 80 / 110.
Controlla attentamente i fustellati e garantisce una qualità costante completa fino alla velocità di 350 m/min. Frutto della trentennale esperienza della tecnologia Registron di BOBST.
Seppur di facile e rapido utilizzo, questo strumento estremamente flessibile permette di ispezionare aree diverse delle scatole a seconda dei criteri qualitativi del produttore o dei suoi clienti.
Ed essendo una soluzione in linea, pienamente integrata nel sistema di piegatura e incollatura, ACCUCHECK 2 lavora senza soluzione di continuità e rende superflui ulteriori controlli della qualità nel processo. Di conseguenza, la qualità del processo produttivo è stata migliorata mentre i costi operativi dei controlli sono stati ridotti.
Per una società come Cartograf, per la quale il servizio e la flessibilità nel soddisfare i requisiti dei clienti sono molto importanti, in particolare per quanto concerne i tempi e la qualità, una produzione di imballaggi a zero difetti si traduce in vantaggi significativi.
“Abbiamo scelto ACCUCHECK 2 perché crediamo sia indispensabile per il settore farmaceutico”, sostiene il Sig. Ferroli.  “Ora siamo in grado di produrre packaging senza difetti rispettando le scadenze. Questo aumenta il prestigio della nostra società e ci permette di acquisire nuovi clienti in un mercato sempre più competitivo, dove la qualità è un criterio ormai imprescindibile”.
Le capacità di controllo di ACCUCHECK 2 includono la misurazione stabile e precisa del colore e l’ispezione estesa del testo, indipendentemente dal colore o dalla complessità del testo. Le scatole difettose vengono scartate automaticamente, con un controllo qualitativo totale della produzione. La macchina permette inoltre di eseguire i report del controllo effettuato in base agli obiettivi di validazione del cliente.
“Le funzioni di controllo, come il report di conformità, sono davvero preziose per noi”, aggiunge il Sig. Ferroli: “Nel report, si possono visualizzare dati di produzione importanti, come gli scarti, i difetti riscontrati e i tempi produttivi. A questo poi aggiungiamo l’ottima performance che garantisce una produzione zero difetti che può raggiungere le 120.000 scatole l’ora. Tutto questo offre quindi grande tranquillità al cliente e ne riduce i costi per il controllo della qualità. Il livello di produttività si abbina inoltre perfettamente ad ACCUBRAILLE GT, il sistema per la stampa in rilievo Braille, che processa 115.000 scatole l’ora”.
Si tratta poi di una macchina semplice da usare. ACCUCHECK 2 include HMI SPHERE, che offre diverse modalità operative per effettuare impostazioni personalizzate e utilizzare in maniera intuitiva la macchina. Questa funzione sta diventando standard sulle nuove macchine BOBST. Ci sono svariati modi operativi per le impostazioni personalizzate e per utilizzare con facilità la macchina. I parametri di controllo possono inoltre essere salvati e richiamati, per effettuare ripetizioni nell’arco di pochi secondi. I diritti d’accesso sono configurabili per diversi utenti.
“Non dobbiamo occuparci di attività di controllo o suddivisione dei fustellati durante il processo di piegatura e incollatura, e siamo certi che i clienti riceveranno prodotti privi di difetti”, dice il Sig. Ferroli: “Possiamo anche personalizzare i livelli della sensibilità del controllo e offrire ai clienti un livello qualitativo su misura. È un’ottima macchina: affidabile, semplicissima e rapidissima da impostare e usare”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here