Celmacch Chroma Cut: tecnologia al massimo livello

0
400

Celmacch Group, con il nuovo di fustellatore rotativo HBL per la stampa ad alta definizione Chroma Cut, offre una tra le più valide alternative sul mercato in termini di standard prestazionali e qualitativi, per elevata ingegneria meccanica, robustezza, precisione ed elettronica, indiscutibilmente di primissimo livello

 

Chroma Cut, il fustellatore rotativo Celmacch, è disponibile nei formati 2100, 2400 e 2800 mm con sviluppo del cilindro stampa a 66”. Chroma Cut combina l’elevata tecnologia di stampa della serie Chroma Print con la massima precisione del modulo rotativo, per offrire un’eccezionale produttività nel lungo tempo. Si tratta di una linea HBL fornita della più moderna tecnologia a motori diretti e implementabile con i migliori dispositivi opzionali, volta a soddisfare le esigenze di aziende alla ricerca dei più alti standard produttivi.
Di assoluto rilievo il cambio del cliché mentre la macchina è in lavoro, il cambio veloce dei cilindri anilox, il sistema di lavaggio automatico, il dispositivo di correzione del registro di stampa e la tecnologia “0 defect” per il controllo della qualità del prodotto.
Chroma Cut, grazie all’utilizzo di una componentistica europea di primaria qualità, garantisce standard di durabilità elevati, robustezza, affidabilità e massime performance nel lungo termine. Altissimo è il livello qualitativo dei singoli componenti, perché ognuno è stato progettato e valutato sulla base della ricerca del massimo livello di affidabilità

Le esigenze e le richieste del cliente vengono sempre accolte e rispettate di buon grado, ma evitando di ricorrere a componenti meccanici ed elettrici “dedicati”, che renderebbero il processo di manutenzione più costoso e difficile; basti pensare che il PLC, i motori e gli azionamenti sono tutti di marca Siemens, per offrire una componentistica commerciale reperibile in tutte le parti del mondo.
Le unità di stampa sono realizzate secondo la tecnologia Chroma High Tech, che garantisce accuratezza e alti standard di registro tra colore e colore.
Il fustellatore rotativo è opportunamente separato dall’ultimo gruppo stampa per evitare che la polvere generata possa intaccare le unità di stampa; un apposito sistema di aspirazione permette di ridurre la polvere nell’ambiente, per non compromettere la qualità di stampa.
Ogni cilindro del rotativo è gestito da un motore diretto Siemens che lavora in combinazione con un riduttore ad altissima precisione di marca Wittenstein.

Il sistema di rettifica Celmacch è interamente gestito da un motore diretto Siemens per garantire la massima precisione e livello di automazione. Un cilindro in carburo di tungsteno esegue una rettifica automatica durante la produzione, secondo le impostazioni prescelte dall’operatore, anche quando la macchina è in funzione. Grazie a questa tecnologia, l’anvil beneficia di maggiori uniformità e durata nel tempo sia delle bandelle in poliuretano che della fustella stessa. Il modulo RDC (Rotary Die-Cutter) è stato realizzato dedicando la massima attenzione alla robustezza e alla funzionalità, in quanto la maggior parte dei clienti di Celmacch lavora 24/7 e ha bisogno di un macchinario affidabile che non comporti fermi di produzione. La robustezza del rotativo è sorprendente, garantita anche dalla collaborazione con officine meccaniche rigorosamente italiane, che producono secondo i più rigorosi standard qualitativi. È innegabile che la crescita di Celmacch stia posizionando l’azienda fra i maggiori referenti nel campo della stampa ad alta definizione e della fustellatura in rotativo, non a caso, grossi player del settore hanno dato fiducia a Celmacch e l’hanno scelta come partner tecnologico per importanti progetti in primari stabilimenti europei.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here