Berkshire Labels installa la prima Mark Andy P9E in Europa

0
551
Mark Andy’s UK & Ireland Sales Manager Paul MacDonald on the left with Berkshire Labels’ Managing Director Paul Roscoe and the first P9E to be installed in Europe
A sinistra Paul Anderson, responsabile vendite di Mark Andy per il Regno Unito e l’Irlanda, con Paul Roscoe, amministratore delegato della Berkshire Labels, accanto alla prima P9E installata in Europa

Un importante trasformatore inglese di etichette e buste termoretraibili di alta qualità, Berkshire Labels, ha installato Mark Andy Performance Series P9E da 430 mm presso la sua sede a Hungerford, circa 100 km a ovest di Londra

Questa macchina è l’ultimo modello della gamma di macchine da stampa flessografiche Performance Series di Mark Andy ed è progettata per applicazioni con film e per la trasformazione di etichette tradizionali. La macchina si affianca a una Mark Andy P7 da 17” e altre tre Mark Andy da 13”.
L’amministratore delegato della Berkshire Labels, Paul Roscoe, ha spiegato le ragioni di questo investimento. “Prima di tutto, abbiamo deciso che 430mm era il formato migliore per noi; la P9E con il suo rullo anilox servoassistito indipendente ci offre maggiore flessibilità e velocità di produzione più elevate con tutti i supporti”.

Considerata la macchina flexo di punta di Mark Andy, la P9E è quasi il 30% più veloce rispetto alla P7 nello stampare lo stesso lavoro, secondo l’opinione di Roscoe, rendendola una macchina altamente efficiente. Inizialmente scelta per aumentare la capacità di Berkshire nel settore delle maniche termoretraibili, la nuova macchina sta gestendo un buon mix di lavoro. Attualmente il volume di supporti cartacei e in film utilizzati dall’azienda è all’incirca uguale, con il film che cresce più velocemente e, sebbene ben equipaggiata con stampa digitale e tecnologia per la trasformazione, Berkshire Labels stima che la produzione flessografica rappresenti il ​​60% delle sue attività.

La società ha investito molto nella prestampa di Esko e ha installato l’ultima piattaforma CERM a cui sono collegate tutte le macchine. Tutto viene prodotto secondo lo standard Full HD che consente a Roscoe e al suo team di produzione di scegliere tra produzione flexo e digitale esclusivamente in base alla disponibilità della macchina. Roscoe dice che alcuni clienti specificano di quale tecnologia di stampa hanno bisogno per il loro lavoro, ma la maggior parte non lo fa, e molti non sono stati in grado di riconoscere le differenze per quanto riguarda la qualità. “Il nostro obiettivo era quello di avere la stessa qualità in digitale e flexo e siamo riusciti a raggiungerla. Ci consente di supportare i nostri clienti di dimensioni più piccole, come le start-up, ad esempio i micro-birrifici e i produttori di alimenti artigianali, per poi crescere con loro man mano che diventano più grandi, e questo è vantaggioso per entrambe le parti!”.

La nuova P9E ha otto stazioni di stampa flessografica UV, trattamento Corona e pulizia del nastro, delam/ relam, una struttura crossover per spellicolare/ri-sigillare e il “Filmic Pack” completo, che include cilindri stampa refrigerati e controllo leggero della tensione. Ha anche la pluripremiata unità QCDC di Mark Andy e il riavvolgimento avanzato degli scarti su bobina, noto in gergo come “palla di neve”. Dall’installazione, ha permesso all’azienda di passare dal lavoro 24 ore su 24, 7 giorni su 7 sulla macchina P7 P7 a doppi turni giornalieri su entrambe le macchine, con ulteriore capacità di riserva. “Abbiamo visto immediatamente i vantaggi di avere due macchine della serie P, ci offrono un miglior controllo della pianificazione della produzione e dei turni, oltre a semplificare la manutenzione ordinaria”, ha spiegato Roscoe, che ha sottolineato che la sua P7 produceva oltre 1,3 m metri/mese prima dell’arrivo della P9E.

Berkshire Labels attualmente impiega 90 persone e genera un fatturato annuo superiore a 11 milioni di sterline. Azienda familiare da quasi 40 anni, la società è certificata BRC/IOP e ISO e anche registrato FSC e PEFC.