Avery Dennison collabora con Sabic all’iniziativa Trucircle

763

Avery Dennison ha compiuto un passo importante verso la fornitura di materiale per etichette in polipropilene riciclato (rPP), collaborando con Sabic all’iniziativa Trucircle, che comprende materiali e tecnologie circolari per consentire ai produttori di raggiungere i propri obiettivi di sostenibilità.

“I trasformatori di etichette saranno presto in grado di espandere la gamma di applicazioni con materiali sostenibili. Il nostro progetto pilota renderà disponibile questo materiale nel corso del 2020. Abbiamo fatto molta strada aggiungendo al nostro portafoglio prodotti riciclati e provenienti da fonti sostenibili e il polipropilene è un’aggiunta molto importante”, ha commentato Rob Groen in ‘t Wout, senior marketing manager divisione film UE di Avery Dennison Label and Packaging Materials.

Il nuovo materiale è realizzato mediante il riciclo delle materie prime (pirolisi) di rifiuti plastici misti post-consumo. L’intera catena del valore – il fornitore del film, Avery Dennison, il trasformatore e il proprietario del marchio – devono essere accreditati dalla catena di custodia ISCC* per utilizzare la resina di Sabic per produrre il frontale in rPP, affinché il materiale possa essere certificato come “soluzione polimerica circolare”.

Le etichette in polipropilene sono ampiamente utilizzate nel settore degli alimentari, dei cosmetici e di molti altri, quindi i miglioramenti in quest’area possono dare un contributo importante alla sostenibilità. Il nuovo materiale di Avery Dennison è approvato per gli alimenti e offre le stesse proprietà del film in PP standard. Contrariamente ai materiali riciclati meccanicamente (caratterizzati da una catena di riciclo più corta, ma che può spesso comportare compromessi sull’estetica e sulla conformità per gli alimenti), il processo di riciclo chimico utilizzato per produrre rPP garantisce le stesse caratteristiche del materiale convenzionale.

“Alcune materie plastiche come il PET sono già raccolte in grande quantità, con un flusso pulito di materiale di alta qualità che può essere riciclato meccanicamente con efficacia. Non esiste ancora un flusso di raccolta simile per i PP, quindi lavare e riciclare meccanicamente questo materiale per produrre nuovi film di PP è ancora impegnativo. Tra tutte le applicazioni per il polipropilene, il polipropilene bi-orientato (BOPP) utilizzato per le etichette è il più impegnativo per il riciclo meccanico. Questo processo di riciclo dei prodotti chimici per il PP è un importante passo avanti per il settore delle etichette e siamo orgogliosi di essere pionieri di un miglioramento così importante, portare sul mercato un materiale PP sostenibile approvato per gli alimenti, che si può convertire e stampare senza problemi”, ha concluso Mariya Nedelcheva, product manager, divisione film rigidi EMEA.