Autoadesivi sostenibili: Gruppo Fedrigoni in prima linea nel consorzio CELAB-Europe

0
289

Arconvert-Ritrama, del Gruppo Fedrigoni, tra i 4 membri fondatori, insieme ad altri grandi nomi del panorama industriale dei materiali autoadesivi, di CELAB-Europe un consorzio dedicato all’implementazione di un nuovo modello di business basato sull’economia circolare per i materiali per etichette autoadesive in Europa. Presentato ufficialmente da FINAT (Associazione Europea dell’industria delle etichette autoadesive), il consorzio lavorerà per identificare e ridimensionare collettivamente le soluzioni di riciclaggio e riutilizzo dei liner e degli sfridi delle etichette autoadesive. L’iniziativa mira a sviluppare un modello di business sostenibile e circolare per oltre il 75% dei materiali utilizzati in Europa entro il 2025.

L’estrema importanza del progetto risiede nella volontà collettiva dell’intero comparto industriale dell’autoadesivo di dare vita a questa iniziativa: per la prima volta, infatti, i 4 principali produttori di materiale autoadesivo a livello europeo hanno unito le loro forze e competenze per creare una fitta rete attraverso la quale mettere in relazione i diversi processi produttivi e le capacità di riciclaggio dei diversi mercati. L’obiettivo non è esclusivamente quello di dar luce a un nuovo modello di business sostenibile – attraverso il recupero e il riutilizzo dei materiali – ma di analizzare eventuali questioni tecniche; di promuovere l’utilizzo e l’implementazione di reti virtuose del riciclaggio; di interagire costantemente con le autorità governative e di educare l’industria e il suo pubblico in diversi mercati, coinvolgendo nel processo l’intera filiera. Ad oggi, infatti, circa 20 importantissimi attori attivi nella catena del valore delle etichette in Europa, compresi i produttori di materie prime di etichette, si sono impegnati a sostenere l’iniziativa, in uno sforzo collettivo verso la sostenibilità ed un utilizzo migliore delle risorse a nostra disposizione.

Come spiega Fulvio Capussotti, Executive Vice President Arconvert-Ritrama, parte del Gruppo Fedrigoni: “siamo fortemente orientati al raggiungimento di un modello di business sostenibile che mira all’estensione del ciclo di vita dei prodotti tramite il riutilizzo, il riciclo e il ricondizionamento dei materiali esistenti. Proprio per questo motivo stiamo facendo degli ingenti investimenti in questa direzione a livello di Gruppo e abbiamo deciso di dare vita ad una attiva collaborazione con i principali attori del settore per arrivare quanto prima possibile ad una soluzione concreta e realizzabile”.

La partecipazione di Arconvert-Ritrama al consorzio CELAB-Europe si inserisce in un più ampio progetto di sostenibilità, che vede il Gruppo Fedrigoni impegnato in un percorso di miglioramento continuo da più di 25 anni, a sostegno dell’ambiente tramite lo sviluppo di politiche interne mirate a migliorare i processi produttivi, la supply chain, l’impatto ambientale e l’innovazione di prodotto; senza perdere di vista il rispetto per le persone. Un vero e proprio “piano di sostenibilità a lungo termine” che nel 2019 ha registrato una riduzione del 46% sul consumo di acqua e del 13% di energia termica (-9% di energia elettrica). Dal 2014 tutte le cellulose impiegate sono esclusivamente di tipo certificato FSC™, provenienti da impianti forestali tutelati da norme internazionali che garantiscono la loro sostenibilità sotto il profilo ambientale, sociale ed economico.