ACIMGA e la filiera del printing in prima fila al vertice biennale del packaging promosso a Firenze dai tedeschi di DVI

0
418
Aldo Peretti
Aldo Peretti, Presidente Acimga

Le tecnologie italiane per la stampa, dalle macchine per l’Industria grafica, cartotecnica,
cartaria e la stampa del packaging flessibile, fino alla nuova frontiera del packaging digitale, sono state fra i protagonisti del meeting biennale di DVI, l’Istituto tedesco per l’Imballaggio, che ha riunito il 20 e 21 settembre scorsi, a Firenze, i player di riferimento del settore.
Focus dell’incontro, che si è svolto presso l’Hotel Westin Excelsior, il futuro delle tecnologie per il packaging: tema che, nell’arco delle due giornate di lavori, ha individuato nella stampa digitale uno dei campi di applicazione tecnologica più avanzata e suscettibile di investimenti e sviluppi. Diversi relatori l’hanno infatti indicata come fattore tecnologico chiave per crescere in un mercato che tende sempre più alla personalizzazione e richiede quindi tirature corte unite all’alta flessibilità della produzione.
Con la partecipazione degli stakeholder di riferimento della filiera del packaging (al convegno erano rappresentate le associazioni tedesche VDI, VDMA e le italiane Acimga e Ucima, insieme con il top di produttori e utilizzatori, con sigle del calibro di Barilla, Mondelez, Metro, Bitburger Braugruppe, Bosch, Kuka, B&R, HP, KBA e svariate altre) il confronto è stato dedicato alla raccolta, elaborazione, e trasmissione di informazioni per far interagire tra loro tutti i soggetti del settore.
Aldo Peretti, Presidente di Acimga (l’Associazione nazionale dei produttori di macchine per
l’industria grafica, cartotecnica, cartaria e di trasformazione) nonché numero uno di UTECO, produttore leader in Italia, ha illustrato i risultati e i numerosi punti di forza del settore, facendo anche preciso riferimento alla forza delle alleanze: “Occorre mettere nella giusta evidenza l’eccellenza delle produzioni Made in Italy – sostiene Peretti – attraverso un convinto gioco di squadra che deve coinvolgere tutti: costruttori di macchine, fornitori di componenti tecnologici e inchiostri, i converter, i brand owner del food e del beveraggi, fino agli utenti finali. Posso testimoniare la validità della formula scelta per questo incontro, da noi adottata fin dal 2015 insieme con ARGI per la community di filiera del printing – conclude Peretti -, dando luogo agli incontri e agli eventi che hanno portato al grande successo di Print4All 2018”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here