Il 6° rapporto drupa sulle tendenze del settore conferma la buona salute della stampa, ma…

0
290

Il sesto rapporto drupa mostra che l’industria della stampa nel suo complesso è stabile

  • I dati globali sono complessivamente positivi, con alcune regioni e mercati che registrano prestazioni migliori di altri;
  • Preoccupazioni politiche ed economiche per il futuro offuscano prospettive generalmente positive.

Il 40% degli stampatori ha definito la propria situazione economica aziendale come “buona” nel 2018, rispetto al 13% che ha descritto una situazione negativa, mentre il resto si è dichiarato soddisfatto. Il 19% dei fornitori considera la situazione positiva. Entrambi i gruppi rimangono ottimisti: il 50% ritiene che le cose possano andare meglio nel 2019.

Le condizioni variano a seconda delle regioni e dei mercati. Il Nord America ha continuato a godere di una forte crescita nel 2018, l’Europa e l’Australia hanno registrato una crescita costante, mentre l’Asia, il Medio Oriente e l’America del Sud America sono stati cauti e l’Africa in calo. I risultati del 2018 riflettono lo schema stabilito nella maggior parte delle regioni, anche se il calo in Medio Oriente e America del Sud e Centrale sembra peggiorare.

Il mercato degli imballaggi e la stampa funzionale prosperano, ma ci sono chiari segnali di crescente cautela nel mercato commerciale e l’editoria rimane sottotono, con l’incoraggiante eccezione del mercato dei libri.

“Il rapporto mostra che poco più di un anno prima di drupa 2020, l’industria globale è complessivamente in buona salute. Chiaramente, vi sono differenze significative nelle prospettive tra diverse regioni e mercati poiché la domanda cambia rapidamente con le condizioni economiche e gli utilizzi della stampa in continua evoluzione. Questo è il vero valore di questa serie di studi, che permettono di tracciare le tendenze nel tempo e identificare come stampatori e fornitori possono investire al meglio per garantire un futuro sicuro per il settore”, ha commentato Sabine Geldermann, direttore di drupa, Messe Duesseldorf.

I risultati provengono dal sesto sondaggio annuale effettuato lo scorso autunno con un gruppo di esperti drupa di senior decision taker scelti da stampatori ed espositori a drupa 2016 e gestiti da Printfuture (Regno Unito) e Wissler & Partner (CH). Oltre 600 stampatori e 200 fornitori hanno partecipato, e tutte le regioni erano ben rappresentate.

“La maggior parte dei membri del panel è complessivamente positiva sul futuro, nonostante le chiare preoccupazioni sulle prospettive economiche e politiche per il 2019 e anche dopo. Colpisce il fatto che molti sono sempre più consapevoli su come sfruttare le opportunità in rapida evoluzione della stampa, poiché i mercati più ampi fanno un maggiore uso delle comunicazioni digitali”, ha commentato Richard Gray, Operations Director di Printfuture.

Nonostante i margini in calo, i fornitori di servizi di stampa hanno dei guadagni grazie a un migliore utilizzo della capacità e al controllo dei costi. A livello globale è stato persino registrato un lieve aumento dei prezzi, nonostante i notevoli aumenti dei costi della carta e dei supporti. I fornitori hanno inoltre visto ricavi e prezzi aumentare a livello globale, ma con un calo ancora più marcato dei margini.

I volumi di stampa tradizionali continuano a diminuire, ma lentamente. Nel 2013, il 23% degli stampatori ha riferito che la stampa digitale rappresentava più del 25% del fatturato. Nel 2018, la percentuale di stampatori con stampa digitale è aumentata al 29%. Tuttavia, l’offset a foglio rimane la tecnologia di stampa più diffusa, presente presso il 66% degli stampatori. Il volume derivante dall’offset a foglio continua a crescere nel settore degli imballaggi, e per la prima volta c’è stato un netto declino tra gli stampatori commerciali.

I volumi Web to Print stanno salendo, anche se lentamente. Nel 2014, il 17% dei partecipanti con installazioni W2P ha dichiarato che oltre il 25% del fatturato proviene da questo ambito. Nel 2018 quella percentuale è aumentata al 23%. Tuttavia, la percentuale di stampatori con installazioni W2P è statica: il 25% nel 2014 e il 25% nel 2018.

In termini di investimenti, il 41% degli stampatori ha speso di più nel 2018 rispetto al 2017, mentre il 15% di meno e la spesa è cresciuta in tutte le regioni tranne l’Africa. Gli operatori nei mercati di imballaggio e stampa funzionale hanno investito di più, mentre nei mercati commerciali ed editoriali sono stati più cauti. Per i fornitori si ripete lo stesso schema. Per gli stampatori, le attrezzature di finitura erano l’obiettivo più comune nel 2019, seguita dalla tecnologia di stampa,  da prestampa/flusso di lavoro/MIS. Per quanto riguarda la tecnologia di stampa, il digitale a foglio con toner è stato l’obiettivo di investimento più comune nel 2019 per tutti i mercati, ad eccezione di quello degli imballaggi, dove l’offset a foglio ha conquistato il primo posto. I prodotti e le applicazioni stampati digitalmente nel settore degli imballaggi sono aumentati del 5%, ad eccezione delle etichette che sono già prodotte digitalmente al 40%.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here